12.8.02022

Foto del post: blogger | © Shutterstock

danza

Come ho appena notato, la mia dolce metà è riuscita a iscriverci a lezioni di ballo diverse volte questa settimana. E così stasera posso ballare per la seconda volta questa settimana.

Nel caso non dovessimo rimanere bloccati in un ingorgo al ritorno da Strasburgo domani sera, anche lei ha preso delle precauzioni e poi andiamo dritti dall'autobus alla scuola di ballo.

blog morente

Al momento leggo sempre di più sui blogger che credono di poter osservare sempre più un presunto blog morire. È lo stesso con i blog come con i blogger, i più grandi muoiono e i più giovani continuano ad arrivare. Inoltre, non credo che qualcuno abbia una panoramica della quantità di blog - per non parlare di averne uno - e quindi le osservazioni lamentate sono per lo più solo estratti dal proprio ambiente; Anch'io mi sono pentito della perdita di alcuni blog nel corso degli anni, quelli a cui all'epoca mi sono affezionato. D'altra parte, ci sono sempre nuovi blog che sono stati appena scoperti da me o sono stati lanciati da zero da un blogger.

Immagina, nessun blog scomparirebbe mai più, ma ne continuerebbero ad aggiungerne di nuovi! Pertanto, la morte del blog non è solo un fenomeno naturale, ma anche un imperativo. E sono anche fermamente convinto che anche i blog abbiano il diritto di essere dimenticati ed è per questo che ho ancora sentimenti molto contrastanti sui backup, soprattutto se qualcuno vuole salvare l'intera Internet.

Anche il tuo blogroll è una piccola sfida; Non sono l'unico blogger che ha felicemente affidato questo compito a un lettore RSS. Un altro vantaggio è che il lettore segnala automaticamente quando un blog non esiste più. E con ciò, almeno i "blogroll morti" stanno diventando sempre meno.

Ma senza alcun dubbio, il blog in sé è un'occupazione noiosa e che richiede tempo, che per la maggior parte dei blogger è più probabile che serva alla propria riflessione. Matteo Lausman ne scrive nel suo blog:

“Il blog richiede tempo. Ma mi rilassa immensamente. Aiuta a organizzare i miei pensieri, mi abbatte alla fine di una lunga giornata. E con un po' di fortuna, uscirà un articolo che piacerà a me e ad altri".

Signor mess, Dalla vecchia scuola, 10. Agosto 2022

Se qualcuno vuole diventare pubblico rapidamente, tende a utilizzare i social media e in particolare i servizi di microblog lì. E questo separa anche il grano dalla pula quando si parla di blog, vale a dire in quei blogger che molto rapidamente abbandonano il blog o passano del tutto ai servizi di microblogging, e quelli che scrivono continuamente sul loro blog per anni, a volte un po' di più ea volte un un po 'meno.

Tuttavia, se vuoi scrivere per "l'eternità", ti consiglio comunque il formato classico del libro.

Zaino

Dopo aver iniziato lentamente ma inesorabilmente il mio blog e, grazie al supporto molto professionale di Detlef SternAnche la mia scatola di appunti Una volta che ho capito, non posso fare a meno di continuare a riordinare il mio ufficio. E ho già scoperto un altro progetto per me stessa, perché lì ho ritrovato il mio vecchio zaino, che una volta e per anni mi aveva assicurato la mobilità.

Anni fa, questo zaino era un ottimo strumento per garantire la tua capacità di lavorare da qualsiasi luogo. Ora che lo vedo in un angolo, sto pensando a cosa dovrei attrezzarlo in questi giorni per essere preparato a tutti i casi che ancora oggi per me vengono messi in discussione. In ogni caso fa parte una batteria per cellulari e laptop, e non vorrei fare a meno di uno stick di puntamento. Preferisco non fare nulla con un puntatore laser, perché di solito non avevano la batteria quando ne avevo bisogno.

E perché anche il mio nuovo progetto abbia successo, ho messo subito un nuovo foglietto nella stessa scatola.


Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato