17.1.02023

Foto di approfondimento: stand al CMT

caffè

Oggi, dopo la mia ripetizione e la pulizia spontanea di una macchina da caffè accessibile al pubblico, c'è stato un caffè. La particolarità del mio interlocutore era Detlef Stern. Questa volta non si trattava quasi più di gestione del progetto, perché probabilmente entrambi ne avevamo parlato troppo nelle ultime settimane. Per me, invece, rimane entusiasmante, ovvero come se la caveranno ora i "miei" studenti. In questo momento non so cosa avrei potuto fare di meglio. E quindi devo aspettare i risultati dell'esame e poi valutarli.

E domani continueremo con un giro di Zettelkasten: non ti concedi nient'altro. Con mia vergogna devo ammettere che negli ultimi giorni ho trascurato sia di leggere i libri che ho preparato sia di riempire la mia scatola. Ma cosa rifarò di più appena avrò finito l'esame; Sto solo cercando di capire il modo migliore per farlo.

dipendente

L'establishment politico, in particolare, ha sempre più dipendenti del necessario. E i giorni in cui un membro del parlamento andava d'accordo con un segretario sono ormai lontani. Se fa bene alla qualità della politica, allora nessuno può obiettare se ci sono più dipendenti. E fintanto che non cercano di generarsi come parlamentari o addirittura di prendere parte alle votazioni parlamentari per i parlamentari, il mondo è ancora a metà strada.

Sebbene questi dipendenti siano anche tutti supportati da noi come cittadini, rimangono sotto la responsabilità dei rispettivi rappresentanti eletti del popolo - e se non ci sono più, vengono eliminati anche i costi per i dipendenti corrispondenti. A volte questi dipendenti vengono poi trasferiti ai successori, il che può certamente avere senso.

Purtroppo nel frattempo le cose sono andate diversamente! Non solo i politici che sono stati eliminati rimangono nell'apparato politico, che gli elettori lo vogliano o no, e trovano sempre più una buona convivenza accanto all'apparato politico stesso nei ministeri e nelle amministrazioni così come nelle aziende statali, ma sempre più si preoccupano è adottato per garantire che i propri dipendenti superino tutte le misure di formazione e qualificazione nei ministeri e nelle amministrazioni negli uffici e nelle funzioni.

E quindi è anche del tutto comprensibile che oggi proprio quei cittadini che hanno problemi di apprendimento e rendimento si posizionino per le più alte cariche amministrative attraverso l'establishment politico - i partiti - e poi li ricevano. È solo questione di tempo prima che gli ultimi funzionari amministrativi o funzionari ministeriali che sono ancora entrati nelle loro funzioni e nei loro uffici con una buona formazione professionale o anche dopo essere stati selezionati tra i migliori vadano in pensione.

Avrebbe senso oggi, quando i nostri apparati amministrativi vengono completamente reinventati e devono funzionare nel modo più efficiente possibile, non guardare al registro del partito, alla rappresentanza proporzionale del partito, alle quote del partito o al potere dei singoli parlamentari nella selezione dei futuri dipendenti.

Ha perfettamente senso che quei cittadini che hanno completato con successo il nostro sistema di istruzione e formazione e che hanno anche le qualifiche necessarie per lavorare nel ministero e nell'amministrazione siano obbligati a farlo.

I posti di lavoro nelle sedi dei partiti e nelle fondazioni affiliate ai partiti dovrebbero essere forniti per i parlamentari che i cittadini non vogliono più o per i loro dipendenti che nessun altro parlamentare vuole - questo potrebbe ben essere descritto come una componente sociale o un obbligo dei partiti. Tuttavia, se le parti giungono alla conclusione che questi membri del partito non possono essere utilizzati in modo produttivo lì o che vi è persino il rischio che possano causare danni lì, allora non dovrebbe esserci assolutamente alcun dubbio che queste persone dovrebbero essere impiegate nelle nostre amministrazioni o anche i ministeri eliminati!

Fiera

Ho trascorso ieri principalmente al CMT di Stoccarda. La ragione di ciò non aveva nulla a che fare con il turismo, il tempo libero o i viaggi, ma è stata una giornata molto allettante, che ho potuto trascorrere con alcune conversazioni molto interessanti e produttive.

E c'era anche un po' di tempo per ammirare le offerte. È impressionante quando trovi case mobili lì che puoi guidare da solo o che devi salire usando le scale come nel castello di un cavaliere. Ma anche qui sorge la domanda su chi abbia effettivamente bisogno di qualcosa del genere e non sia un po' sovradimensionato, soprattutto quando si guarda un po' oltre il proprio recinto verso il resto del mondo - per il quale una fiera del viaggio sarebbe davvero idealmente adatto.

E così immagino il tutto come un'armata di gigantesche case mobili che attraversano i bassifondi di questo mondo e poi viaggiano insieme in un gruppo di carri la sera in modo da poter celebrare indisturbati le usanze locali in paesi esotici. Ma senza se e senza ma, queste cose erano impressionanti, anche nelle versioni un po' ridotte.

E dato che di solito servono solo a bloccare la vista del proprio bungalow o, dopo una breve passeggiata su alcune strade di campagna fino a Heilbronn, servono a mangiare un gelato migliorato nella zona pedonale di Heilbronn, posso abituarmici, dato che questo fiorente branca dell'industria serve a preservare i posti di lavoro e l'economia e impedisce anche a pochi arzilli pensionati di essere sempre più coinvolti nella politica e nella società.

Mi ha stupito ancora di più quello che oggi si intende per viaggio sostenibile e anche il campeggio senza il lusso di un hotel a quattro stelle sembra essere quasi inesistente. Quindi non mi ha sorpreso che i prossimi giorni di vacanza in fattoria siano stati brindati in grande stile con bicchieri di vino leggermente sovradimensionati; se dovessi fermarmi lì, mi aspetto che capre e maiali siano almeno vestiti di Gucci.

Come dovrebbe essere per una fiera pubblica, è stata più che molto ben frequentata, e ci si può quindi chiedere se effettivamente abbiamo qualche problema in Germania? — a parte forse il fatto che quest'anno lo sci non va molto bene; ma solo per i pochi di noi che non vogliono farlo con l'elicottero e il ghiacciaio.

Per questo capisco i miei lettori, che ogni tanto mi accusano di polemica o addirittura di sarcasmo e mi consigliano di trattenermi un po' di più quando critico, soprattutto quando mi permetto di chiamare i responsabili per nome.

Non c'è dubbio che stiamo andando tutti troppo bene! Quanto ancora?


raccomandazione di lettura

Pietro Adder scrive oggi diLa scienza dovrebbe risolverlo“. Le sue conclusioni includono:

“Anche i 'fatti' scientifici sono opinioni, seppur fondate, a differenza di molte opinioni personali. Le opinioni sono affermazioni senza alcuna "garanzia di verità". Le opinioni sono anche affermazioni il cui contenuto di verità non può essere né verificato né falsificato, ad es. B. perché sono formulati in una logica sbagliata. Allora perché dovremmo essere indignati da altre opinioni?

Pietro Adder, La scienza dovrebbe giudicare (17.1.2023)
  • Le fiere sembrano ancora soddisfare un'esigenza fondamentale, indipendentemente dalle alternative contemporanee o dal senso economico. Il contenuto fa pensare.