27.6.02022

Post foto: Rails | © Mohamed Nuzrath di Pixabay

Stato

Al più tardi, la guerra in Ucraina avrebbe dovuto far capire a tutti che uno Stato federale europeo è più necessario di quanto non lo sia stato per molto tempo; a meno che non ci uniamo immediatamente in un'Alleanza del Nord Atlantico. Ma anche allora sarebbe meglio per tutti i soggetti coinvolti, in particolare per gli americani, se gli europei alla fine fossero d'accordo sui fondamenti. E ancora, il modo migliore per farlo è attraverso uno stato.

Quindi è anche comprensibile che i federalisti europei attivi si esprimano sempre più negativamente e inizino anche a ritirarsi nella vita privata. Post di ieri sul forum di Jean Marsi può servire da esempio. La mia dolce metà ed io abbiamo anche deciso di dire addio al livello europeo della nostra associazione dopo quasi tre decenni: troppa politica professionale, troppo poco impegno, ancora meno sincerità!

E anche Javier Giner è visibilmente deluso dal fatto che il progetto di costituzione per uno Stato federale europeo redatto dalla FAEF quest'anno stia già affogando nel solito rumore di fondo della politica quotidiana; ma questo era assolutamente prevedibile ei nostri sforzi corrispondenti per prendere una simile bozza di costituzione almeno come buona pubblicità per uno stato federale non erano desiderati dalla stessa FAEF.

E quindi probabilmente rimarrà il caso che quasi tutti sappiano che uno stato è necessario, così come quasi tutti sanno che il cambiamento climatico provocato dall'uomo deve essere fermato, ma alla fine nessuno è disposto a fare nulla da solo.

E i nostri politici professionisti saranno eletti da noi solo se ci promettono solennemente che non ci sono cambiamenti climatici, le pensioni sono sicure e lo stato nazionale - qualunque esso sia - è l'ultima ratio per tutti noi.

stazione ferroviaria

Non appena c'è un po' di slancio in città, ad esempio nel fine settimana con un concerto di importanza nazionale a metà strada, tutti sono sorpresi che ci siano problemi di capacità alla stazione centrale di Heilbronn.

Ora il fatto che almeno da quando ha raggiunto il stato di grande città von Heilbronn ha smantellato una stazione principale precedentemente importante a livello nazionale in una migliore fermata del tram.

Invece di approfittare del momento e ampliare la stazione e tutta l'area antistante la stazione per soddisfare le potenziali esigenze di 200 persone, tutto è stato fatto davvero, a cominciare dallo smantellamento e accorciamento dei sistemi di binari con i relativi binari per evitare un moderna stazione degli autobus proprio accanto per portare il nucleo infrastrutturale di ogni città europea a Heilbronn fino alle dimensioni di un pisello.

Il tutto è stato infine coronato dal fatto che la tranquillità è stata guarnita con una piccola torre ciclabile per qualche "meglio" sul piazzale della stazione, che tra l'altro non si può più chiamare così nel nostro paese.

In questo modo, la stazione principale di Heilbronn è diventata un angolo molto tranquillo e accogliente di Heilbronn, i cui ingressi e uscite sono sempre più a traffico limitato, così che ora manca solo un wine bar per far capire a tutti cosa Heilbronn intende per infrastruttura contemporanea .

In qualità di direttore ferroviario, non vorrei più inviare treni a tutti gli effetti a Heilbronn, e se a Heilbronn arrivano treni completamente lenti, allora il caos è grande.

Immagina un ICE che arriva a Heilbronn e alcune centinaia di persone che vogliono scendere tutte in una volta - quindi dovresti dichiarare lo stato di emergenza a Heilbronn e nell'area circostante.


2 pensieri su "27.6.02022"

  1. Caro Heinrich Kummerle,
    Posso capire molto bene la delusione e la rassegnazione dei federalisti europei quando la questione di uno Stato federale, per il quale avete investito tempo ed energie, "svanisce" e vi sentite "puniti" con disprezzo e ignoranza.

    Ma questo mi ha anche portato a un saggio sul tema degli Stati federali europei Paul Michael Lutzler ricordare "Infelice isolamento. Gli scrittori e l'Europa', in cui ripercorre il 'flusso e riflusso e i colpi di scena' delle discussioni fino ad oggi (Ulrike Guérot, Aleida Assman ecc.) descrive le possibili forme di governo in Europa.

    La descrizione può essere una piccola consolazione per l'immediata delusione dei protagonisti dello stato, ma potrebbe non sminuire del tutto la speranza di una soluzione nel prossimo o lontano futuro. Una speranza che forse ha senso non ritirarsi del tutto e considerare vano lo sforzo personale, ma piuttosto continuare (?).

    Con cordiali saluti europei
    Pietro Schulze

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato