31.1.02023

0
(0)

Pubblica foto: Scultura | © Oleg Mityukhin su Pixabay

Domanda del giorno

Questa volta l'SPD pone la questione fondamentale della necessità di politici di professione. Perché il nostro ministro federale degli interni Nancy Faser può benissimo immaginare di condurre e vincere una campagna elettorale statale in Assia oltre al suo incarico ministeriale.

E nel caso in cui gli Assiani prendano l'unica decisione giusta e preferiscano continuare a vedere questo politico professionista a Berlino Nancy Faser ovviamente attenersi al loro attuale incarico, per il quale ovviamente non devi fare nulla come politico professionista.

Tuttavia, preferirebbe avere la carica di Primo Ministro dell'Assia, dove viene citata come segue: "Il mio cuore è in Assia." Sospetto che presuma che come Primo Ministro in Assia tu debba fare ancora meno, o almeno per l'inattività sarà pagato ancora meglio.

Come farlo meglio solo di recente ci ha insegnato Teresa Bauer da Alleanza 90/I Verdi mostrato, che si è dimesso dai ministeri prima di candidarsi a Heidelberg e ora, dopo aver perso le elezioni, per il momento vive con lo stipendio dei suoi parlamentari.

Realtà

È divertente assistere a come alcuni cittadini siano completamente sorpresi quando la realtà li raggiunge. Stiamo tutti invecchiando, ma nel complesso stiamo diventando sempre meno. Inoltre, le nostre richieste allo stato e alla società stanno aumentando incommensurabilmente. Questo è superato solo dal fatto che tutti noi vogliamo lavorare sempre meno e con meno fatica. Certo, vogliamo anche pagare sempre meno tasse e fare il meno possibile per gli altri.

E all'improvviso sei sorpreso che il tuo medico di famiglia non sia disponibile XNUMX ore su XNUMX o che devi aspettare settimane per un appuntamento in ospedale. Anche gli artigiani non vogliono più essere davanti alla porta il giorno dopo. E appena ti ci abitui, ti accorgi che alcuni negozi chiudono prima o che il parrucchiere non apre per un altro giorno.

Quindi autobus e treni non funzioneranno più come vorresti e gli asili chiuderanno prima di quanto vorresti. I loro stessi figli dicono che vedono sempre meno i loro insegnanti e in seguito anche che lo stato non organizza lo studio o il lavoro dei loro sogni proprio nel loro salotto.

Come cittadino, ci si potrebbe chiedere perché è così?

referendum

Questo processo decisionale, mutuato dalla democrazia diretta, esiste anche nel Baden-Württemberg ed esiste fin dall'inizio. Tuttavia, conosciamo meglio questa procedura dai referendum indetti dai nostri vicini svizzeri. Di recente si poteva leggere nella voce di Heilbronn che abbiamo avuto ancora una volta un simile referendum.

Dal 1° dicembre 2015, nel Baden-Württemberg sono state introdotte nuove norme per questo processo decisionale, probabilmente per rendere i referendum più attraenti per i cittadini. Ricordo ancora le discussioni che ho avuto con il mio figlio più giovane su questo.

In linea di principio, tuttavia, la Germania è una democrazia rappresentativa, detta anche democrazia parlamentare perché i nostri organi rappresentativi sono costituiti da parlamenti. Tuttavia, abbiamo processi decisionali diversi, che derivano anche dalla democrazia diretta. Una di queste procedure è il referendum, che nel nostro caso deve essere preceduto da un referendum.

Ecco perché le istituzioni statali parlano anche di petizioni e referendum cittadini. Sottolineano anche esplicitamente che si tratta di democrazia diretta.

"Quando si tratta di questioni che riguardano tutti i membri di una comunità e che rientrano nell'area decisionale della comunità, non è coinvolto solo il consiglio della comunità. I cittadini possono votare anche di propria iniziativa o del consiglio comunale con un cosiddetto referendum. Per ottenere un referendum dalla cittadinanza serve prima un referendum”.

Portale di investimento BAden-Württemberg (A partire dal: 30.1.2023 aprile XNUMX)

Il portale statale per la partecipazione spiega molto bene i requisiti e le particolarità di un referendum; quindi non entrerò nei dettagli su di loro qui.

Più interessante è la questione di cosa effettivamente “fa uscire i cittadini da dietro i fornelli” in modo che siano soddisfatti i presupposti per un referendum. Ancora più interessante è la questione di come motivare un numero sufficiente di cittadini a partecipare a un referendum.

I nostri “padri fondatori” probabilmente conoscevano già questo problema e quindi hanno subito optato per un modello rappresentativo di democrazia. E da allora le condizioni non sono certo migliorate, anche se diverse modifiche legislative hanno abbassato gli ostacoli al referendum. E quindi c'è molto da suggerire che non sono gli ostacoli legali che impediscono alla maggior parte dei cittadini di essere coinvolti nei processi di democrazia diretta.

Peggio ancora, moltissimi cittadini, e probabilmente sempre di più, sono sempre meno coinvolti nella nostra democrazia parlamentare. Si può presumere che le cause siano le stesse per entrambi.

E sulla base della mia esperienza, respingo con veemenza l'idea di "colpire i cittadini" da parte della politica professionale. Al contrario, presumo che la soluzione a questo problema possa essere trovata solo deprofessionalizzando nuovamente tutte le nostre democrazie.

Noi cittadini dobbiamo essere resi di nuovo più responsabili e vogliamo farlo di più noi stessi! La democrazia non è facile e certamente non è comoda. Ma semplicemente delegare questo compito ad altri non porta a nulla - e lo possiamo vedere abbastanza chiaramente al momento.


Quanto è stato utile questo post?

Clicca sulle stelle per votare il post!

Valutazione media 0 / 5. Numero di valutazioni: 0

Nessuna recensione ancora.

Mi dispiace che il post non ti sia stato utile!

Mi permetto di migliorare questo post!

Come posso migliorare questo post?

Visualizzazioni della pagina: 5 | Oggi: 1 | Conteggio dal 22.10.2023 ottobre XNUMX

Condividere:

  • Finora, ogni decennio ha prodotto una generazione, ciascuna con la propria distorsione della realtà. Ci si chiede se ci siano somiglianze. Probabilmente nessun positivo 😉