7.6.02021

Foto del post: Municipio Heilbronn | © Shutterstock

L'imbarazzo della scelta

Pure Haseloff ha dimostrato che qui è ancora possibile vincere le elezioni con serietà, il che, tra l'altro, è molto gratificante. Purtroppo, però, i nostri ministri federali dimostrano che probabilmente è uno dei pochissimi nel suo partito che almeno cerca ancora di fare sul serio. Già a Armin Laschet c'è da chiedersi perché è necessariamente un nipote di Carlo Magno vuole essere e che tipo di comprensione della democrazia c'è dietro. Una possibile alternativa partigiana, che i B90/Verdi vorrebbero essere, fallisce a causa del primo candidato cancelliere, Annalena baerbock, che si considera così inadatta che il suo partito cerca costantemente di sfruttare il relativo CV, che ora è diventata una tradizione consolidata nel Bundestag tedesco, che, come abbiamo appreso più e più volte, offre un palcoscenico agli aspiranti cross-party. Altri candidati, tipo Markus Söder , Olaf Scholz, sono già fuori gioco, anche se quest'ultimo non lo ha ancora riconosciuto, e poco fanno anche i suoi colleghi per ridare una parvenza di serietà a questo partito forse troppo vecchio. Oscar Lafontaine è ancora una volta un po' più veloce e consiglia di non votare affatto per il suo nuovo partito. E l'ultimo del giro Christian Lindner, che l'ultima volta ha evitato le responsabilità con tanta grazia, ora sta facendo sapere a tutti che è pronto per qualsiasi cosa.

Questa volta li abbiamo davvero L'imbarazzo della scelta; l'unica cosa positiva è che questi sono ancora democratici e anche il peggior democratico è ancora migliore del miglior dittatore.

folla

Sulla mia strada verso nord in centro, ho incontrato un paio di consiglieri comunali che indossavano le loro maschere in modo esemplare, anche al di fuori della zona designata della città.

Ne ero molto felice Herbert Burkhardt si prese del tempo per una chiacchierata, ma poi, come gli altri consiglieri, proseguì per il viale. Io, invece, ho dovuto proseguire per le strade minori fino a Sülmerstraße, solo per scoprire nuovamente che l'allentamento della città non solo ha riattivato la famosa scena del bere nella zona pedonale e ha causato molto traffico pubblico, ma anche a causa per mancanza di controlli e mancanza di servizi igienici pubblici, che mi è stato nuovamente permesso di smaltire pile umane, e questo probabilmente con grande stupore dei nostri barboni e mendicanti, a cui ovviamente piace quando gli altri lavorano.

Quanto deve essere grande la necessità a Heilbronn che la gente vada in bagno davanti a quelle case della zona pedonale che non hanno schermi!

Quando poi ho conversato con un uomo d'affari di Heilbronn mentre pulivo gli ultimi resti di feci, mi sono reso conto che non sono l'unico a essere sempre meno convinto della nostra amministrazione comunale.

Sarebbe così facile, invece di pensare ad altre attrazioni, come grandi scale o attraenti possibilità di bere, garantire che i residenti di Heilbronn e i loro ospiti in città possano anche andare in bagno, non solo virtualmente sul sito web di Heilbronn, ma anche in vita reale.

#bagno pubblico


compleanni del giorno

Paul Gauguin, Dean Martin, Tom Jones e Prince

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato