8.7.02024

5
(5)

Foto del post: cabine elettorali | © Alexandru Nika, Shutterstock

elemosina

Come abbiamo scoperto ieri, la Bundeswehr riceve denaro sufficiente solo per coprire gli investimenti dei donatori del partito e le scappatelle ideologiche - e quindi la Bundeswehr rimane la prima scelta per rifornire i cugini.

Chi prima credeva che i nostri politici, sia al governo che all’opposizione, avrebbero finalmente segnato una svolta, si sbagliava di grosso. Anche se siamo tutti sull’orlo del baratro, occorre prima garantire le nostre sinecurezze e poi occuparci dei nostri cugini.

Non c’è da stupirsi che i cittadini siano sempre più stufi della politica!

Appendice

"L'ispettore generale avverte dell'attacco russo dal 2029“ (NTV, 8.7.2024 luglio 01, 58:XNUMX), che, tra l'altro, coincide con i miei commenti qui nel blog, tra gli altri.

commutazione

Questo fine settimana è stato molto ricco di eventi e di informazioni, il che mi ha portato alla decisione che ora avrei dedicato più tempo alla filosofia. Non perché chi è insoddisfatto del mondo si rivolga alla filosofia, ma semplicemente perché volevo farlo da giovane, ma non riuscivo a farlo perché ero troppo occupato.

Non ho una capanna nella Foresta Nera, ma la soffitta dovrebbe bastare per il mio nuovo progetto.

Francia

La decisione francese di ieri è stata molto gradita. Da un lato hanno votato molti cittadini e, dall’altro, non hanno trasformato la loro frustrazione nei confronti della politica professionale nel votare principalmente per i fascisti. Sono rimasti in gran parte fedeli a se stessi e hanno votato sempre più per i socialisti, il che non li ha tirati fuori dalla loro miseria, ma non ha portato immediatamente alla caduta della Francia e dell’Europa.

A differenza della Francia, anche in molti altri paesi europei la frustrazione nei confronti della politica professionale è molto grande, ma sfortunatamente i cittadini locali ne approfittano immediatamente per passare ai partiti estremisti di destra e, in Germania, anche al nazionalsocialismo.

Se vogliamo salvare la nostra democrazia nel suo insieme, abbiamo bisogno di nuovo di partiti funzionanti che possano fare giustizia al loro compito, di politici competenti (legislativo) e, soprattutto, di istituzioni (esecutive e giudiziarie) che sanzionino la cattiva condotta democratica e le attività criminali.

Purtroppo partiti logori e politici incompetenti non fanno altro che portare noi cittadini a voltare le spalle alla democrazia.

A proposito, raccomando che il nuovo governo francese non trasferisca i costi del savoir-vivre francese al resto d’Europa, perché ciò distruggerebbe anche la democrazia europea.

Appendice

Questa rapida analisi di Cristiano Muschio Non voglio nasconderlo ai miei lettori.

L’Europa tira un sospiro di sollievo
Ma la Francia rischia l’ingovernabilità

La buona notizia è: il partito estremista di destra Marine Le Pens, Rassemblement National (RN), diventa solo la terza forza più forte. Dopo il primo turno di votazioni, la maggioranza assoluta dei seggi nell'Assemblea nazionale non sembrava fuori discussione. Ma la Marina militare ora se ne è persa di gran lunga. La Francia non sarà governata da un primo ministro estremista di destra. Il fronte repubblicano contro la RN ha tenuto. Ciò rende anche molto meno probabile il percorso verso una presidenza Le Pen nel 2027. L’Europa tira un sospiro di sollievo.

La brutta notizia per l’Europa è che il partito più forte, il Front Populaire, il Fronte della Sinistra, sta emergendo dopo lo scioglimento a sorpresa del Parlamento da parte del Presidente Emmanuel Macron Come previsto, l’estremista di sinistra La France Insoumise (LFI), cioè “La Francia indomabile”, è diventata. Questo partito del miliardario populista Jean Luc Mélenchon Tuttavia, è euroscettico almeno quanto la RN. La LFI rifiuta l’“Europa di Maastricht” e, come la RN, non vuole più fornire armi all’Ucraina. Mélenchon reclama la carica di primo ministro per il Fronte della Sinistra e quindi per sé stesso.

Ma è improbabile che ciò accada, perché neanche il Fronte della Sinistra ha la maggioranza assoluta dei seggi. I partiti europeisti, che compongono il Presidente nella formazione dell’Ensemble (“Insieme”) Emmanuel Macron difficilmente uniranno le forze con i populisti di sinistra euroscettici e antisemiti. È probabile che Ensemble si rivolga ai risorgenti socialisti francesi (socialdemocratici), ai verdi e ai borghesi che non sostenevano Le Pen. Il Fronte della Sinistra potrebbe disgregarsi. Tuttavia, le differenze tra le forze non estremiste e filoeuropee rimangono grandi.

Macron nominerà un gabinetto di esperti che possa essere accettabile per queste forze centriste? In caso di dubbio, la Francia – la Quinta Repubblica non ha governi di coalizione – si trova ad affrontare un anno di ingovernabilità. Il presidente può sciogliere nuovamente l'Assemblea nazionale solo dopo 12 mesi. Non sono quindi improbabili nuove elezioni tra poco più di un anno. Per l’Europa, che ha urgente bisogno di riforme e si trova ad affrontare sfide esistenziali, l’instabilità francese non è una buona notizia, nonostante tutto il sollievo per la performance inaspettatamente debole della RN.

Cristiano Moos, LinkedIn

Quanto è stato utile questo post?

Clicca sulle stelle per votare il post!

Valutazione media 5 / 5. Numero di valutazioni: 5

Nessuna recensione ancora.

Mi dispiace che il post non ti sia stato utile!

Mi permetto di migliorare questo post!

Come posso migliorare questo post?

Visualizzazioni della pagina: 48 | Oggi: 1 | Conteggio dal 22.10.2023 ottobre XNUMX

Condividere: