Abisso

democrazia sull'orlo

Foto del post: Abisso | © Shutterstock

Guardando indietro, devo ammettere che la democrazia non è mai stata così popolare qui in Germania come ci viene sempre detto così bene. Già da giovane ho potuto constatare che i nostri due partiti popolari si definiscono così semplicemente perché ciascuno ha sempre offerto una casa ad almeno una fortissima minoranza antidemocratica. E anche oggi troppi, senza rimorsi, si definiscono socialisti, anche se è chiaro che democrazia e socialismo sono puri opposti.

Nel partito popolare queste persone sono probabilmente dovute solo alla nostra storia, sono un po' più caute e tendono a definirsi "conservatori nazionali". Ma anche nei piccoli partiti, hai sempre incontrato ex e nuovi nazionalsocialisti, fascisti , monarchici, comunisti o persino socialisti fin dall'inizio che cercavano una casa politica per se stessi o che non avevano alcuna possibilità contro i propri simili nei partiti stabiliti.

È vero che gli stati democratici hanno salvato noi tedeschi nel 1945, anche se troppi concittadini chiamano ancora questo evento la caduta della Germania e la nostra più grande sconfitta senza rimorsi di coscienza. Tuttavia, poiché la democrazia non solo ci ha reso di nuovo socialmente accettabili nella comunità internazionale, ma ci ha anche portato un successo economico e una prosperità senza precedenti per la maggior parte di noi, è stata dichiarata una ragion di Stato.

Ma la democrazia ha sempre i suoi lati negativi, e cioè la responsabilità personale, il bisogno di partecipazione, una sufficiente trasparenza delle proprie azioni, l'accettazione di altre opinioni e forse peggio di tutto il dovere di solidarietà con tutti i "co-governanti".

Questo era anche noto a tutti, e quindi fin dall'inizio della nostra repubblica era importante che tutti fossero (politicamente) educati e non solo creavamo istituzioni educative di ogni tipo e sovvenzionavamo anche altri sforzi e offerte educative private, ma abbiamo anche li ha apprezzati per la radiodiffusione pubblica e ha dato alla cultura stessa una priorità molto alta. E, per sicurezza, anche le nostre chiese sono state portate a bordo di nuovo - contrariamente a una migliore conoscenza - anche se ancora oggi fanno pagare molto bene per la loro presunta "lealtà"!

Per finire, alle nostre democrazie in Europa è stata data una propria idea con un obiettivo ben preciso, ovvero la graduale unificazione dell'Europa democratica verso una futura unione mondiale democratica: l'umanesimo e lo stato di diritto sono diventati principi generalmente riconosciuti.

E tutti i soggetti coinvolti sapevano fin dall'inizio che le alternative a questo sono meno rosee e che anche i paesi interessati accusano il totalitarismo di esserne stufi. Il totalitarismo riassume quei modelli politici che si oppongono alle alternative democratiche, per cui alla fine non fa differenza se un antidemocratico si definisce socialista, nazista, fascista o oligarca - il risultato per noi cittadini è sempre lo stesso! E anche se gli scienziati politici ora stanno discutendo sempre più su questo, alle vittime finora non importa davvero se sono state assassinate da socialisti o fascisti.

Tuttavia, fin dall'inizio, e questo anche nella sede del partito tedesco, si è operato contro la nostra democrazia. Jean Monnet In primo luogo abbiamo dovuto far entusiasmare l'SPD per l'Europa come obiettivo di tutti i nostri sforzi democratici, anche se le donazioni in denaro dagli Stati Uniti non hanno certamente danneggiato i singoli politici di tutti i partiti. I partiti dell'Unione, invece, hanno creato fin dall'inizio il mito dello Stato nazionale tedesco con il suo miracolo economico come motore del nostro successo e hanno così minato l'Europa nel suo insieme.

Nel corso dei decenni, entrambi i partiti popolari insieme hanno trasformato l'obiettivo di tutti i nostri sforzi democratici, vale a dire uno stato federale europeo, in un costrutto diffuso di un'Europa in cui tutti potessero immaginare esattamente ciò che essi stessi ritenevano chic e appropriato. L'Europa è stata fatta a pezzi da sola perché avrebbe manifestato la democrazia nei nostri paesi!

La democrazia è più faticosa per coloro che vogliono trarne i maggiori profitti, perché trarre vantaggio da interi gruppi di popolazione è estremamente difficile in una democrazia funzionante, che mira a bilanciare tutti i gruppi di popolazione.

E quindi è comprensibile che molti dei nostri concittadini stiano usando tutti i mezzi per difendersi da una democrazia di successo - che, tra l'altro, può anche essere osservata più e più volte nella maggior parte delle altre democrazie e quindi non può essere considerata una vendita unica tedesca punto.

Mentre la democrazia aiuta la popolazione nel suo insieme ad essere più prospera, rende anche molto difficile per i singoli gruppi diventare "super ricchi".

E in più, richiede più impegno da parte di molte persone di quanto vorrebbero spendere per se stesse e, soprattutto, per gli altri. Fin dall'inizio ci sono persone in ogni democrazia che fanno di tutto per garantire che una democrazia non diventi un modello di successo a lungo termine. Perché, come già accennato, una democrazia funzionante impedisce alle persone la loro "autorealizzazione" non appena ciò avviene a spese degli altri - questo colpisce i barboni così come i "super ricchi".

Per queste persone, una volta che la democrazia si è affermata, è abbastanza difficile sbarazzarsi di tale dominio popolare. Ecco perché ne minano uno fin dall'inizio, qui la Repubblica di Weimar può servire da buon esempio. E queste persone hanno anche tirato fuori tutte le fermate nella nostra Repubblica Federale, anche se con meno successo della prima volta.

E quindi è abbastanza comprensibile che le forze antidemocratiche si siano stabilite proprio in quelle istituzioni che organizzano e amministrano la democrazia: i nostri partiti. "La marcia attraverso i tribunali" non è un unico punto di vendita di sinistra, ma un veicolo per destabilizzare qualsiasi democrazia dall'interno.

E quindi è anche comprensibile che, una volta che queste forze si saranno insediate nei partiti, faranno tutto il possibile per impedire efficaci organizzazioni apartitiche o libere democratiche.

Poi guarniscono il tutto con una frustrazione per la politica volutamente causata, che tiene gli elettori sempre più lontani dalle urne - che gli iniziatori sono molto felici di criticare se stessi.

E per finire, assicurano che la maggior parte dei nostri simili sia occupata da ogni sorta di cose in modo che non possano più occuparsi di politica da soli. Mettono sempre più in crisi la popolazione, una peggiore dell'altra, e fanno davvero di tutto per evitare che si trovino soluzioni. In questo modo, lentamente ma inesorabilmente spingono ogni democrazia contro il muro e convincono le persone che il proprio impegno politico non ha più senso e che non ci sono alternative (parola chiave: nessuna alternativa) alle attuali decisioni politiche!

Quindi contrastano questo sviluppo con modelli presumibilmente di successo in altri paesi, dove si dice che uomini o donne forti siano in grado di tenere sotto controllo le crisi semplicemente attraverso la loro onnipotenza, e così facendo promuovono apertamente modelli politici meno democratici. E così ogni partito popolare tedesco ha sempre i suoi "dittatori preferiti", come Orban o Putin di recente, che amano celebrare, sfoggiare e sostenere. Ed è per questo che il culto della personalità è così importante in queste feste.

Forse vedo l'intera faccenda in modo troppo nero, e nessuno dei nostri politici vuole trasformare di nuovo la Germania in una dittatura, ma è abbastanza sufficiente se alcuni dei nostri politici credono in un'oligarchia, almeno simpatizzano con uno o addirittura pensano che come professionista politici uno di appartenere alla propria classe.

Dopotutto, tutto dipende da ciò che crede la nostra maggioranza della popolazione, e per come appare in questo momento, moltissimi elettori hanno già perso fiducia nella nostra democrazia e in un futuro democratico per la Germania.

Ma ciò che pesa ancora di più è il fatto che la maggioranza delle persone in Europa ha già perso la fiducia in una democrazia comune, e quindi un futuro democratico difficilmente sarà possibile per tutti noi: uno stato nazionale democratico era e continua ad essere puramente immaginario , non importa in quale paese.


Lei per metà l'ha tirato, per metà lui è affondato,
E non è stato più visto.

Johann Wolfgang von Goethe, Il pescatore (1779)

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht.