Il gallo gallico canta

Post foto: tricolore francese | © Pixabay

Cristiano Muschio ce l'ha già in un post sul blog "autonomia strategica aperta" Va detto che la Repubblica francese sta in effetti ponendo la sua Presidenza del Consiglio all'insegna del motto "autonomia strategica per l'Europa".

I realisti politici sicuramente sminuiranno questo aspetto, poiché è noto che i nostri vicini francesi amano avere voce in capitolo, ma senza essere in grado di mostrare loro stessi le risorse corrispondenti. A questo proposito, mi piace ricordare la prevista Comunità europea di difesa (CED) fin dai primi anni dell'unificazione europea.

E da allora, la cooperazione franco-tedesca è stata essenzialmente plasmata dal fatto che aiutiamo i nostri vicini a realizzare i propri sogni. Finora, tuttavia, siamo riusciti in modo molto diplomatico e con grandi spese finanziarie non solo a mantenere la Francia in Europa, ma anche ad avvicinarla alla NATO.

Apparentemente, tuttavia, queste concessioni erano sempre e solo temporanee. E così, in vista dell'annuncio ufficiale di questo programma della Presidenza francese del Consiglio dell'UE, che porta il titolo "Ripresa, forza, appartenenza", siamo riusciti ad affrontare le rivendicazioni della grande potenza francese, di cui ora sono molto felici associarsi a un "superstato europeo". , per avere un effetto calmante.

Quindi troverai solo un'altra volta in questo programma il "rafforzamento di a aperto Europa» — che non va confusa con una società aperta e, a differenza di quest'ultima, non è neppure ulteriormente definita — e un «aprire Politica commerciale", mentre "Europa aperta" e la sua "politica commerciale aperta" devono ancora essere viste come minacce per il nostro più importante alleato, gli Stati Uniti. Inoltre, si parla di “autonomia decisionale nei confronti degli USA” e si parla ancora più volte di “autonomia” o addirittura di “autonomia strategica dell'Europa”. Il tutto culmina poi nella richiesta di una "Europa completamente sovrana".

Tuttavia, ora non si parla più di "autonomia strategica aperta" - qualunque essa sia - ma piuttosto, in modo alquanto rassicurante, i nostri alleati nordamericani e il resto di noi europei, che la "difesa europea complementare alla NATO' è menzionato e va sostenuto un rafforzamento della cooperazione tra l'UE e la NATO, ma questo è tutt'altro che un impegno francese nei confronti della NATO!

La cosa triste è che negli ultimi decenni non siamo stati in grado di convincere i nostri vicini francesi di uno stato federale o almeno di liberarli dalle loro arie di superpotenza puramente nazionali, ma siamo stati più volte in grado di farlo noi stessi attraverso promesse o le concessioni che possono essere fraintese continuano ad alimentarsi; si potrebbe anche presumere che noi stessi vorremmo diventare di nuovo "Grande Germania" a causa di queste affermazioni francesi: una Grande Nazione. È ancora più triste che "l'amicizia franco-tedesca" tanto lodata da tutti non sia ancora riuscita a realizzare un'Europa unita, ma "solo" si assicuri di non spararci più addosso.

Dovrebbe essere chiaro a tutti noi che anche uno Stato federale europeo non potrà mai più diventare autonomo. Soprattutto se vogliamo continuare ad aderire ai nostri standard sociali e ai nostri nobili valori. Poiché ci mancano tutte le risorse che non possiamo più contestare con l'altro 95% dell'umanità, non dobbiamo raggiungere l'autonomia strategica, ma la cooperazione più completa possibile.

In parole povere: sono necessarie coalizioni e cooperazione, non confronti!


Qui potete trovare il programma della Presidenza francese del Consiglio dell'UE:

Che non si parla affatto di uno Stato federale europeo e questo nonostante la recente avanzata tedesca (Accordo di coalizione), non sorprenderà più nessuno.

In esso viene menzionata solo l'unione bancaria, il che non sorprende.

Si può parlare di puro rumore di campagna elettorale sia nel caso dell'accordo di coalizione tedesca che nel caso del programma francese per la Presidenza del Consiglio, entrambi scritti esclusivamente per i propri gruppi elettorali nazionali.

Se la Francia avesse effettivamente preso sul serio l'accordo della coalizione tedesca, avrebbe risposto ad esso. E se dovesse essere una risposta diplomatica all'avanzata tedesca, allora sarebbe inequivocabile: "Fanculo l'Europa!"


"Les États n'ont pas d'amis, ils n'ont que des intérêts."

Charles de Gaulle citato in Eric Walther, la Tribune, Ecoutes: l'imperialisme américain 2.0 (1 luglio 2013)

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato