Pensieri sul nuovo anno

5
(3)

Foto del post: immagine di esempio | © Pixabay

Le ultime elezioni negli Stati Uniti e nella Repubblica d'Austria, nonché l'esito del referendum italiano, lasciano a bocca aperta a fine anno. Si può ora tranquillamente presumere che anche il mondo occidentale stia diventando sempre più slegato, perché nessun cittadino sembra essere in grado di fornire le risposte giuste al populismo sempre crescente e alla rinascita associata del nazionalismo e del totalitarismo Find.

In realtà, dovrebbe essere noto a tutti che la democrazia è la forma di governo più difficile, più complessa e anche più laboriosa di tutte, ma anche e senza dubbio la più riuscita e l'unica che offre a ciascuno l'opportunità per la propria partecipazione e successo personale.

È quindi necessario chiarire perché sempre più nostri concittadini vogliono dare la preferenza a soluzioni apparentemente più semplici e perché mettono sempre più in discussione le strutture democratiche consolidate. Viene spesso addotta anche una presunta perdita di fiducia nelle strutture esistenti: la gente a quanto pare non crede più che il "sistema" funzioni per il singolo cittadino e dimentica completamente che noi cittadini siamo tutti il ​​"sistema"!

Vorrei suddividere questi concittadini dubbiosi in tre categorie:

  1. gli "eterni ieri", che si erano allontanati solo dal 1945/1989;
  2. concittadini politicamente molto attivi che, per decenni, non sono mai riusciti a far accettare le loro opinioni e idee da una maggioranza e ora, completamente frustrati, vogliono vedere l'errore in una presunta falsa democrazia e
  3. persone molto a loro agio o completamente disinteressate alla società, che si interessano solo all'improvviso alla società e alla democrazia quando c'è una questione che è molto rilevante per loro personalmente o alla fine della loro vita molto privata e che, per mancanza di esperienza e conoscenza, non riesce davvero a capire come funziona.

Ma anche i partiti e alcuni politici devono essere visti come una sorta di complicità nella situazione attuale. I primi sembrano essere sempre meno in grado di presentare agli elettori candidati convincenti e i secondi credono di poter sfuggire al lavoro di Sisifo della vita democratica quotidiana attraverso l’accecamento e l’inganno e, ad esempio, B. saper mettere le cose nella giusta luce nei talk show.

Da un lato, stanno facendo il gioco dei cittadini delusi o meno informati e, dall'altro, si stanno avventurando in un terreno che populisti e totalitari possono fare molto meglio.

Credo che noi cittadini siamo del tutto impotenti contro l'ex gruppo di concittadini. Perché questo gruppo non accetta né fatti né argomentazioni e rifiuta anche un dibattito democratico. Ecco perché qui è richiesto all'esecutivo e soprattutto alla magistratura di mettere al loro posto tutti i nemici della democrazia senza se e senza ma!

Nel secondo gruppo, vedo una sfida particolare per i nostri politici professionisti, che da un lato rispettano la protezione e i diritti delle minoranze e dall'altro devono continuare a costruire ponti per questi concittadini affinché continuino a far parte del discorso sociale e sicuramente a beneficio di tutti.

Nel terzo gruppo, invece, come cittadini responsabili, siamo tenuti a integrare meglio questi simili nei processi sociali e ad aiutarli a compensare la loro mancanza di esperienza e di conoscenza.

"Credo negli esseri umani, ma la mia fede è senza sentimentalismi. So che in ambienti di incertezza, paura e fame, l'essere umano è sminuito e modellato senza che se ne accorga, proprio come la pianta che lotta sotto una pietra non conosce la propria condizione".

Perla S Buck, Roll Away the Stone (22 gennaio 2010)

Quanto è stato utile questo post?

Clicca sulle stelle per votare il post!

Valutazione media 5 / 5. Numero di valutazioni: 3

Nessuna recensione ancora.

Mi dispiace che il post non ti sia stato utile!

Mi permetto di migliorare questo post!

Come posso migliorare questo post?

Visualizzazioni della pagina: 16 | Oggi: 1 | Conteggio dal 22.10.2023 ottobre XNUMX

Condividere: