poesia del giorno

4.5
(2)

Pubblica foto: Lago Erie | © Mike Toler su Pixabay 

Oggi sono stato spinto da diversi lettori, indipendentemente l'uno dall'altro, a una poesia di Theodor Fontane messo al corrente. E in effetti, si sposa abbastanza bene con l'attualità e in almeno una scuola di Heilbronn è persino un argomento in classe in questo momento. È interessante notare che questa poesia doveva essere discussa anche quando ero a scuola (nel mezzo della Guerra Fredda).

Durante la notte dell'8 agosto 9, il battello a vapore Erie prese fuoco mentre navigava attraverso l'omonimo lago da Buffalo a Erie. Il Timoniere Lothar Fuller rimase al suo posto fino alla fine e sopravvisse all'incidente riportando gravi ferite. Sfortunatamente, solo 200 dei circa 29 passeggeri potrebbero essere salvati. Fuller divenne un alcolizzato e morì impoverito.

Theodor Fontane ha trasformato il tragico evento in una ballata in cui tutti i passeggeri sono stati salvati, ma il timoniere, nominato Giovanni Maynard, ha trovato la morte. Fontane eleva così il servizio all'eroismo e crea una poesia che probabilmente non ha perso la sua attrattiva fino ad oggi.

Sarei già felice se la maggior parte delle persone, specialmente quelle che servono, specialmente i nostri politici e funzionari, si sforzassero almeno di svolgere i propri doveri in una certa misura, ad es. B. garantire che gli esami di scuola superiore possano essere scritti in tempo.

Non chiedo a nessuno di fare l'eroe, perché già oggi potremmo lastricare le nostre strade di prepotenti. Ma capisco che soprattutto in tempi così bui come alla fine del XIX secolo e soprattutto oggi, la chiamata agli eroi si fa sempre più forte.

Theodor Fontane non nasconderci che gli eroi sono per lo più morti. Oggi sappiamo anche che a quegli eroi che sopravvivono piace cadere nell'alcool o in altre droghe e morire senza essere amati.

Solo i bulli si godono la vita al massimo e di solito finiscono per essere molto decorati.

Giovanni Maynard

Giovanni Maynard!

"Chi è John Maynard?"
"John Maynard era il nostro timoniere,
sopportò finché raggiunse la riva,
ci ha salvati, indossa la corona,
è morto per noi, il nostro amore è la sua ricompensa.
Giovanni Maynard".

La "Rondine" sorvola il lago Erie,
Spruzza schiume intorno alla prua come fiocchi di neve;
da Detroit vola a Buffalo –
ma i cuori sono liberi e felici,
e i passeggeri con figli e mogli
già vedo la riva nel crepuscolo,
e chiacchierando con John Maynard
prende a calci tutto: "Quanto manca, timoniere?"
Guarda avanti e intorno:
"Trenta minuti... mezz'ora." 

Tutti i cuori sono felici, tutti i cuori sono liberi –
lì risuona dalla stiva della nave come un grido,
"Fuoco!" era quello che suonava,
il fumo usciva dalla cabina e dal portello,
un fumo, poi le fiamme divampano,
e venti minuti a Buffalo. 

E i passeggeri, confusi
al bompresso stanno rannicchiati insieme,
al bompresso c'è ancora aria e luce,
ma al timone è stretto,
e si leva un lamento: "Dove siamo? Dove?"
E quindici minuti a Buffalo. – 

La corrente cresce, ma la nuvola di fumo rimane,
il capitano sbircia dietro il timone,
non vede più il suo timoniere,
ma attraverso il portavoce chiede:
"Ancora lì, John Maynard?"
"Sì Sig. Sono."

"Sulla spiaggia! Nel surf!
"Lo sostengo".
E la gente della nave esultò: "Aspetta! Ciao!"
E dieci minuti a Buffalo. – –

«Ancora lì, John Maynard?» E arriva la risposta
con voce morente: "Sì, signore, lo terrò!"
E nel surf, che scogliera, che pietra,
insegue la "rondine" nel mezzo.
Se il salvataggio deve arrivare, arriverà solo in questo modo.
Salvataggio: Buffalo Beach!

La nave si è rotta. Il fuoco cova.
Salvato tutti. Ne manca solo uno!
Tutte le campane suonano; i loro toni si gonfiano
verso il cielo da chiese e cappelle,
uno squillo e uno squillo, altrimenti la città tace,
un solo ministero che ha oggi:
diecimila seguono o più,
e non un solo occhio nel processo che sia vuoto di lacrime. 

Calano la bara in fiori,
con fiori chiudono la tomba,
e scritto in oro sulla pietra di marmo
la città ringrazia: 

"Qui riposa John Maynard! In fumo e fuoco
teneva saldamente in mano il volante,
ci ha salvati, indossa la corona,
è morto per noi, il nostro amore è la sua ricompensa.
Giovanni Maynard".

Teodoro Fontane, 1886

Addendum 20.4.2023

Qui puoi trovarlo da Hans Müller foto allegata

Targa per John Maynard
Targa per John Maynard a Buffalo

“Sventurata la terra che non ha eroi... No. 
Sventurata la terra che ha bisogno di eroi.

Bertold Brecht, La vita di Galileo (1943)

Quanto è stato utile questo post?

Clicca sulle stelle per votare il post!

Valutazione media 4.5 / 5. Numero di valutazioni: 2

Ancora nessuna recensione. Puoi anche commentare questo post qui sotto.

Mi dispiace che il post non ti sia stato utile!

Mi permetto di migliorare questo post!

Come posso migliorare questo post?

Visualizzazioni della pagina: 3 | Oggi: 1 | Conteggio dal 22.10.2023 ottobre XNUMX

Condividere:

  • Caro signor Kummerle,

    Grande complimento per aver ricordato la poesia "John Maynard" di Theodor Fontane. Fontane è stato uno dei più grandi romanzieri tedeschi del XIX secolo. Il suo "peregrinare attraverso il Mark Brandenburg" mi ha colpito particolarmente quando ho visitato la nostra città gemella Francoforte (Oder) diverse volte dopo la riunificazione e gli amici mi hanno portato in vari luoghi che Fontane aveva visitato o aveva un legame con lui. ad esempio B. Letschin nell'Oderbruch, dove suo padre ha avuto per un periodo una farmacia. Successivamente ho visitato Neuruppin con un piccolo gruppo di Heilbronn, dove Fontane è nato il 19 dicembre 30.12.1819.

    Ecco un "boccone": allego una foto dal porto di Buffalo, NY. C'è una targa di bronzo sul muro del porto con la poesia di Fontane (in inglese). È stato donato da Dortmund, la città gemellata tedesca di Buffalo. Nell'estate del 2000, anche Kurt e Susanne Scheffler, mia moglie ed io eravamo a Buffalo durante un lungo tour negli Stati Uniti e facemmo un giro del lago Erie e del fiume Niagara sulla nave "Miss Buffalo II".

    Fontane ha lavorato più volte come giornalista a Londra. Dopo la rivoluzione del 1848, molti democratici tedeschi e coloro che si opponevano all'impero tedesco andarono in esilio a Londra, tra cui Carl Pfänder di Heilbronn, della cui vita avventurosa ho scritto nel libro "Heilbronnica 4". Può essere trovato come pubblicazione online sul sito web dell'Archivio della città di Heilbronn. Fontane ha incontrato molti di questi emigranti a Londra e ha anche scritto della loro misera vita lì. Ho citato Fontane nella mia relazione Pfänder. Un'altra "chicca": Carl Pfänder è il bis-bis-bisnonno di Victoria Beckham.

    Grazie per avermi incoraggiato a "coccolarmi" nei miei album fotografici.

    • Caro signor Müller, grazie per il feedback e la foto. Inizialmente, ho pensato di utilizzare uno scatto della targa commemorativa dalle profondità di Internet come immagine in primo piano.

      La scuola (Effi Briest) e la lettura di altri suoi romanzi "Berlino" Fontane mi hanno scoraggiato per molti anni. È stato solo con le sue poesie che ho ritrovato un legame con questo scrittore. Ma non sono mai riuscito a leggere i suoi vagabondaggi, cosa che probabilmente mi sarebbe piaciuta di più.

      Oggi i suoi 67 taccuini sarebbero probabilmente interessanti per me, soprattutto per scoprire come si è effettivamente comportato come democratico e come persona.