Il governo polacco può essere escluso

Foto caratteristica: bandiera polacca

Il primo ministro olandese Mark Rutte ha rilasciato una testimonianza devastante all'Ungheria, membro dell'UE, a margine del vertice dell'UE del 24.6.2021 giugno XNUMX: "Secondo me, non hanno più posto nell'Unione europea".

Nel suo rapporto sullo stato dell'UE all'inizio del 2022, ha scritto la giornalista Katrin Pribil il 4.1.2022 gennaio XNUMX nel voce Heilbronn, che anche la situazione tra la Polonia e l'UE minaccia di degenerare. A mio avviso, dichiarazioni così chiare sono necessarie per far capire agli elettori in Ungheria e Polonia che i loro governi suonano la melodia sbagliata nel concerto europeo.

Nel seguente articolo voglio mostrare un esempio di come il governo PiS di Varsavia stia cercando – nonostante tutte le proteste e in contraddizione con i valori fondamentali dell'Unione Europea – di mettere a tacere le voci critiche nel Paese e un importante elemento di una società libera e democratica, la diversità di opinioni e minano la libertà di espressione. Il governo di Varsavia sta procedendo in modo simile al suo vicino autocratico, la Russia. Eppure c'è (ancora) una grande differenza: il governo PiS di Varsavia può essere destituito alle elezioni dell'autunno 2023.   

La differenza tra Polonia e Russia: il governo polacco può essere escluso

Martedì 28 dicembre 2021 la Corte suprema russa a Mosca – su richiesta del procuratore generale – ha ordinato lo scioglimento dell'organizzazione russa per i diritti umani Memoriale. L'ufficio del procuratore generale ha accusato l'organizzazione di creare la falsa immagine di uno stato terrorista dell'Unione Sovietica. E 'ovvio che Memoriale "Criminali nazisti riabilitati con il sangue di cittadini sovietici sulle mani". Memoriale ha ribattuto di aver riferito in modo veritiero sugli eventi del passato sovietico. Il presidente russo Vladimir Putin aveva già impostato la direzione prima del processo. Pur riconoscendo l'elevata reputazione dell'organizzazione, l'ha anche accusata di includere persone coinvolte in omicidi nell'elenco delle vittime dell'oppressione sovietica (sueddeutsche.de, 28.12.2021: "La Corte Suprema vieta il memoriale").

Memoriale ha annunciato che presenterà ricorso contro il divieto, in definitiva dinanzi alla Corte europea dei diritti dell'uomo a Strasburgo.

L'organizzazione per i diritti umani Memoriale è stato del premio Nobel per la pace russo alla fine degli anni '1980 Andrei Sakharov e altri dissidenti. L'organizzazione è stata insignita del Premio Nobel alternativo nel 2004. Vede il suo compito principale nell'affrontare i crimini dell'era staliniana e nel mantenere vivo il ricordo delle terribili condizioni dei Gulag e delle loro vittime. Inoltre, siediti Memoriale per i prigionieri che l'organizzazione ritiene siano detenuti per motivi politici. Nella lista di Memoriale ci sono 349 nomi, compresi quelli dei sostenitori dell'avversario incarcerato del Cremlino Alexei Navalny. In altre parole: funziona Memoriale di "fare i conti" con il passato della Russia, che ha portato l'organizzazione sempre più in conflitto con l'interpretazione ufficiale russa di questo periodo storico. il New York Times scrive del divieto di Memoriale è un altro passo nello sforzo di Putin di riformulare l'eredità della Russia in un susseguirsi di grandi conquiste, mentre addolcisce l'immagine del regime sovietico spesso brutale. Pertanto, dovrebbe piacere un'interpretazione alternativa della storia russa Memoriale per non dare. (nytimes.com, 28.12.2021/XNUMX/XNUMX: "La corte russa ordina la chiusura del gruppo per i diritti umani).

Uno degli strumenti utilizzati per controllare e domare la società civile russa e per perseguitare i dissidenti è la "Legge sugli agenti stranieri" del 2012. Süddeutsche Zeitung lo descrive così: “La legge prevede che i destinatari di pagamenti dall'estero possano essere sottoscritti come “agenti”. Colpiti anche molti giornalisti. L'insieme delle regole è criticato a livello internazionale come strumento politico per decisioni arbitrarie contro coloro che la pensano diversamente. Ci sono anche lamentele sul fatto che coloro che difendono i diritti umani siano stigmatizzati come spie. Memoriale chiede da tempo l'abrogazione della legge» (sueddeutsche.de, 28.12.2021/XNUMX/XNUMX: “La Corte Suprema in Russia scioglie l'organizzazione per i diritti umani Memoriale su"). il New York Times descrive questo obbligo di definirsi "agenti stranieri" come lo stigma di essere al soldo di governi stranieri.  Memoriale è stato multato più volte perché l'organizzazione ha rifiutato di definirsi un "agente straniero".

Reazioni al verdetto di divieto

Citazione dal Suddeutsche Zeitung: “In una dichiarazione congiunta, dodici organizzazioni tedesche hanno aspramente attaccato la sentenza del tribunale di Mosca. "Con il divieto di Memoriale – la spina dorsale morale della società civile russa – lo stato russo fornisce una testimonianza straziante”, afferma. Combatte «il confronto con la propria storia di ingiustizie e vorrebbe monopolizzare la memoria individuale e collettiva». Fondazione Boll, il scambio tedesco-russo e la centro penna, ha parlato di “approccio politicamente motivato da parte della magistratura russa”. Vicepresidente del Gruppo socialista al Consiglio d'Europa, axel pastore, Egli ha detto Suddeutsche Zeitung: "Il verdetto respira un soffio di neostalinismo ed è una svolta storica nel trattare con l'opposizione in epoca Putin" (sueddeutsche.de, 28.12.2021/XNUMX/XNUMX: "La Corte Suprema vieta il memoriale"). Anche Presidente Frank-Walter Steinmeier condannato il ricorso contro memoriale, ha detto che era "stordito" (sueddeutsche.de, 28.12.21/XNUMX/XNUMX: “La Corte Suprema in Russia scioglie l'organizzazione per i diritti umani Memoriale su").

Banning Memorial – L'avvertimento di Putin a tutti i critici

L'organizzazione per i diritti umani, che opera in Russia da oltre 30 anni, – se il divieto non verrà revocato in appello – cadrà negli ingranaggi della “Nuova Russia” di Putin. Collegato nel suo commento "Muttakers invece di Mutmacher". Frank Nienhuysen il processo di sviluppo dal crollo dell'Unione Sovietica 30 anni fa: “Questo è un duro colpo per la società civile russa. Come dovrebbe sorgere l'illuminazione critica, l'impegno civico quando anche un'organizzazione riconosciuta come Memoriale può essere rotto così facilmente? Lo stato non incoraggia i suoi cittadini, li scoraggia. Allo stesso tempo, questo divieto è una pesante sconfitta per l'ultimo presidente dell'Unione Sovietica, sciolto 30 anni fa, Michele Gorbaciov. Nella sua resa dei conti con il sistema, una volta predicò la glasnost, una maggiore trasparenza quando si trattava del passato. Oggi il Cremlino non ha alcun interesse in questo. Non è senza motivo che Gorbaciov ha intentato una causa contro Memoriale criticato; ma invano" (sueddeutsche.de, 28.12.2021/XNUMX/XNUMX: "Potenziatori invece di incoraggiatori"; commento di Frank Nienhuysen).

Ora c'è da aspettarsi che la "Nuova Russia" agisca contro tutti i critici del regime,

  • che presentano e interpretano la storia dell'Unione Sovietica in modo differenziato e quindi contraddicono l'interpretazione ufficiale del Cremlino. Alla società civile è vietato esaminare criticamente la propria storia.
  • mantenere i contatti con il mondo esterno, in particolare con i giornalisti stranieri.

Memoriale si occupava principalmente del trattamento dei crimini stalinisti ed era quindi - secondo l'interpretazione ufficiale - "politicamente attivo" e cadeva sotto l'etichetta di "agente".

Il destino dell'attivista morale Yuriy Dmitriev

Ad un solo destino è nel Giornale della Germania meridionale ha descritto le vie tortuose della magistratura russa memorialegli attivisti dovranno fare i conti in futuro. "Il destino di Yuri Dmitriev e quello di Memoriale sono indissolubilmente legati”, scrive il giornalista Silke Bigalke nel loro rapporto. Dmitriev è stato vittima di una farsa giudiziaria nella Carelia russa perché ha affrontato intensamente un periodo della storia russa che il Cremlino preferirebbe dimenticare. "Yuriy Dmitriev ha dissotterrato le ossa delle vittime del Grande Terrore in Carelia, ha trovato i resti di migliaia di russi, ucraini, finlandesi, polacchi, georgiani colpiti da colpi di arma da fuoco", afferma il giornalista. 

Il 29.12.2021 dicembre XNUMX, un giorno dopo il verdetto di divieto di Mosca contro memoriale Dmitriev è stato condannato a 15 anni in un campo di prigionia da un tribunale della Carelia. L'accusa contro di lui: abusi sui minori. Inizialmente è stato accusato di aver scattato foto pornografiche della figlia adottiva, ma diversi esperti non hanno potuto vedere nulla di pornografico nelle foto: Dmitriev è stato assolto nel 2018. Ma la Corte Suprema della Carelia ha ritirato l'assoluzione e si sono aggiunti gli abusi, inizialmente con il risultato: 3 anni e mezzo di carcere. "Ancora una volta è intervenuta l'Alta corte, quindi è andata avanti e indietro fino al verdetto, ovviamente politicamente voluto: 15 anni. Apparentemente, l'intenzione era anche quella di distruggere la reputazione di Dmitriev e quindi far sembrare inutile tutto ciò che ha ottenuto" (sueddeutsche.de, 4.1.2022/XNUMX/XNUMX: “Dì la verità e non aver paura di niente”).

La Russia di Putin un modello per la Polonia?

Dal 2012 esiste una legge sugli agenti stranieri in Russia. Apparentemente un mezzo collaudato per mettere a tacere le voci critiche e spingere gli attivisti che secondo il governo stanno danneggiando l'immagine del paese fuori dagli occhi dell'opinione pubblica. La ricetta semplice per questo: sorveglianza rigorosa e – se il controllo non aiuta – etichettatura come “agente di un governo straniero”. Una società civile attiva e indipendente è apparentemente indesiderabile nella Russia di Putin; la direzione della società è fissata nel Cremlino. L'organizzazione per i diritti umani Memoriale recentemente ha dovuto sperimentarlo amaramente. 

La Russia di Putin è ora diventata un modello per il governo nazionalista del PiS nello stato membro dell'UE, la Polonia? A tutta la rabbia per la riforma giudiziaria polacca, lo stato di diritto e la violazione dei valori fondamentali del trattato UE si è aggiunto il bizzarro balletto sulla legge polacca sui media, che è ovviamente rivolto all'emittente TV TVN24, che è critico del governo. Sebbene TVN24 sia registrato in Olanda, appartiene al gruppo statunitense Scoperta. La sede della società proprietaria al di fuori dell'UE dovrebbe dare la leva per mettere fuori servizio TVN24 in Polonia. Se la nuova legge sui media diventa giuridicamente vincolante, Ricerca e Sviluppo rinunci alla sua quota di maggioranza in TVN6 entro 24 mesi. Uso il termine "bizzarro" in relazione alla legge perché, mentre le motivazioni dei legislatori erano chiare fin dall'inizio e anche del presidente polacco Andrzej Duda, che proviene dal partito di governo PiS, sono stati accompagnati senza obiezioni. Ora, però, Duda ha tirato il freno di emergenza e ha posto il veto alla legge sui media. Un passaggio che porta a tutta una serie di domande:

Perché Duda si è improvvisamente reso conto dei problemi legali dopo che la legge era stata approvata nel Sejm? Anche durante le deliberazioni legislative, il servizio legale del Senato polacco ha sottolineato che la legge anti-TVN contraddiceva alcuni punti della costituzione polacca, dei trattati UE e di un accordo commerciale polacco-USA del 1990. Questi problemi non erano già evidenti quando è stata approvata la legge?Legge sui media annunciata al Sejm nell'agosto 2021? O il governo polacco ha giudicato male la protesta degli Stati Uniti contro la legge e Duda avrebbe dovuto usare il suo veto per limitare i danni ed evitare un ulteriore isolamento del Paese? O è Andrzej Duda attualmente in procinto di staccarsi dal presidente del PiS Jaroslaw Kaczynski, per scongiurare "l'eminenza grigia" nel governo polacco, come affermato in un rapporto del Giornale della Germania meridionale indicato con cautela? (sueddeutsche.de, 28.12.2021 dicembre 2023: “La ribellione del notaio”). Ho i miei dubbi su un simile cambio di posizione di Duda, dal momento che per anni aveva firmato leggi legalmente dubbie che la Corte di giustizia ha poi bollato come una violazione del diritto europeo. Sono più propenso a pensare che il ballo del partito al governo sia stato organizzato in vista delle elezioni parlamentari del XNUMX per mantenere fedeli i principali elettori del PiS.    

La danza intorno alla legge polacca sui media               

In un guest post nel New York Times descrivere lo storico e il sociologo Carolina Wigura e l'esperto politico Jaroslav Kuisz Il percorso della Polonia dal crollo del regime comunista ai giorni nostri. Descrivi la Polonia come il modello di trasformazione democratica di maggior successo nell'Europa centrale e orientale. Viene citato l'ex commissario per l'allargamento dell'UE Gunther Verheugen, che ha parlato di una "nuova età dell'oro" per la Polonia. Tuttavia, si afferma che oggi la Polonia sta conducendo in una direzione completamente diversa. Il governo, guidato dal Partito Legge e Giustizia (PiS), è stato ai ferri corti con l'UE, ha trasformato le strutture giudiziarie del paese, ha promulgato leggi per mettere a tacere i media indipendenti e ha preso una linea dura sulle questioni dei diritti delle donne (nytimes.com, 29.12.2021/XNUMX/XNUMX: "Cosa è successo alla Polonia?"; messaggio degli ospiti di Carolina Wigura , Jaroslav Kuisz). In un'altra relazione di New York Times è una succinta descrizione di dove la Polonia è attualmente vista in termini di libertà dei media: secondo la classifica dell'organizzazione Reporter senza frontiere La Polonia è costantemente scivolata ed è ora dietro Malawi e Armenia" (nytimes.com 27.12.2021/XNUMX/XNUMX:  "Il presidente della Polonia dice che porrà il veto alla legge sui media contrari agli Stati Uniti").

Il modo in cui è stata avanzata la nuova legge polacca sui media si inserisce nel processo di deterioramento dell'area della libertà di stampa così descritto. il Süddeutsche Zeitung descrive questo processo politico come segue: "Già l'11 agosto [2021], il Sejm ha deciso che solo le stazioni i cui proprietari maggioritari provengono dalla Polonia o dallo Spazio economico europeo (UE più Norvegia, Islanda e Liechtenstein) possono operare in Polonia . In realtà, anche TVN24 rientra in questa protezione: formalmente la stazione appartiene a quelle registrate in Olanda Holding televisiva polacca, una filiale della casa madre statunitense Scoperta. Ma il governo ha stabilito che i proprietari che si trovano nello Spazio economico europeo ma appartengono a loro stessi a un altro proprietario esterno sono esenti". 

Il 9.9.2021 settembre 53 il Senato controllato dall'opposizione ha respinto la legge con 100 voti su 17.12.2021. Tuttavia, questo veto del Senato può essere annullato al Sejm con una maggioranza semplice. Poche settimane dopo, il 24 dicembre XNUMX, ciò è avvenuto molto rapidamente: dopo poco meno di un'ora, la maggioranza di governo al Sejm aveva risolto gli emendamenti dell'opposizione. "Meno di un'ora dopo, è stata approvata la legge che ha lo scopo di costringere i proprietari statunitensi della principale emittente televisiva indipendente polacca TVNXNUMX a vendere la maggioranza di controllo entro pochi mesi a un proprietario sospettato di essere vicino al PiS" (sueddeutsche.de, 2012.2021/XNUMX/XNUMX: “Chi controlla i media”). 

Adesso era il presidente polacco Andrzej Duda giro poteva firmare la legge, porre il veto o inviarla alla Corte costituzionale per la revisione (sueddeutsche.de, 20.12.2021/XNUMX/XNUMX: “Chi controlla i media”).

Perché il presidente del PiS Kaczynski ha voluto questa legge?

Perchè Jaroslaw Kaczynski, l'eminenza grigia nel governo polacco, ha appena lanciato questa controversa legge? Doveva sapere che era giuridicamente problematico, che poteva portare conflitti con gli americani e non avrebbe suscitato entusiasmo in gran parte della popolazione polacca, dove il canale di notizie TVN24 è popolare. Decine di migliaia, infatti, sono scese in piazza in 130 città polacche contro la legge sui media e circa 2,5 milioni di persone hanno firmato una petizione di protesta (sueddeutsche.de, 28.12.2021/XNUMX/XNUMX: "La ribellione del notaio"). 

C'erano ragioni ideologiche per questa legge. Gli intransigenti del PiS chiedono da tempo la riduzione delle "influenze straniere" e vogliono che lo spettro dei media sia limitato a quelle fonti che condividono le opinioni profondamente conservatrici e talvolta xenofobe (xenofobe) del partito al governo. Il fatto che anche Kaczynski abbia visto i problemi associati è dimostrato dalle sue assicurazioni pubbliche che la legge sui media non è rivolta agli investitori americani, ma piuttosto che vuole proteggere la Polonia dall'influenza russa e cinese e impedire ai signori della droga di acquistare media polacchi con "sporchi i soldi" (nytimes.com, 27.12.2021/XNUMX/XNUMX: "Il presidente della Polonia dice che porrà il veto alla legge sui media contrari agli Stati Uniti"). 

Tutto questo non torna davvero. Le ipotesi su cui il Süddeutsche Zeitung ha riferito: "Al fine di distrarre almeno gli elettori principali del PiS, a cui comunque non piace TVN24, da una serie di succosi scandali." Viene citato come esempio uno spettacolare incidente stradale che ha coinvolto le guardie del corpo dell'ex capo del governo del PiS Beata Szydlo, che ha mentito sull'accaduto e ha attribuito la colpa a un semplice polacco. Inoltre, il PiS era sceso nei sondaggi dal precedente massimo storico del 46% nell'autunno 2019 a solo il 28% (sueddeutsche.de, 20.12.2021/XNUMX/XNUMX: “Chi controlla i media”). Può anche essere che il veto del presidente polacco Andrzej Duda contro la legge sui media operata da Kaczynski c'era il tentativo di Duda di staccarsi dal padre politico adottivo, come afferma il giornalista di SZ Florian Hassel sospettato con ogni cautela (sueddeutsche.de, 28.12.2021/XNUMX/XNUMX: "La ribellione del notaio").

La grande prestazione di Andrzej Duda

Ricordo come Andrzej Duda nell'estate 2020 poco prima della sua rielezione a Presidente della Polonia a Washington DC insieme a Donald Trump si è messo davanti alle telecamere e ha elogiato con effusione gli Stati Uniti e il presidente americano dell'epoca. A quel tempo, Trump accarezzò l'idea di ritirare parti significative del contingente americano della NATO dalla Germania e di trasferirne alcune in Polonia, non ultimo per punire la Germania per quelle che Trump riteneva essere una spesa militare troppo piccola. Il famoso giornalista Stefano Cornelio ha commentato la visita di Duda a Washington come segue: "Ora se il presidente in carica Andrzej Duda Se il presidente degli Stati Uniti Trump viene ricevuto alla Casa Bianca quattro giorni prima delle elezioni e Trump fa una goffa raccomandazione per le elezioni, allora questo rientra nella categoria della violazione delle regole politiche e dell'indecenza democratica, come ora accade con Trump, ma anche con il PiS. Trump ha commesso un grave errore, però, promettendo a Duda lo stazionamento di quei soldati che intende ritirare dalla Germania. (...) La Germania è "punita" per la sua riluttanza a pagare. La Polonia sarà premiata. Questo calcolo milkmaid non funziona né per la NATO né per la Polonia. Lo stazionamento permanente di una brigata da combattimento statunitense potrebbe dare la spinta finale all'atto costitutivo NATO-Russia, che è stato minato dalla Russia, e quindi derubare l'Europa di uno degli ultimi pezzetti di sicurezza. La Polonia sarebbe quindi al centro di un'escalation che non può volere. Inoltre, l'offerta indecente di Trump promuove una spaccatura nella stessa NATO, soprattutto perché il presidente degli Stati Uniti vuole concludere il proprio trattato di sicurezza con la Polonia...." (sueddeutsche.de, 27.6.2020/XNUMX/XNUMX: “Duda sta danneggiando il suo stesso Paese” – commento di Stefano Cornelio). Hanno mostrato estro politico e lungimiranza in politica estera Andrzej Duda non allora; La sua preoccupazione principale era quella di essere rieletto alla presidenza, che alla fine riuscì al ballottaggio del 12.7.2020 luglio 2020. Il nuovo presidente degli Stati Uniti eletto a novembre XNUMX Joe Biden ha nel frattempo sospeso i giochi intellettuali americano-polacchi.

Ciò che non è cambiato, tuttavia, sono le relazioni tese della Polonia con l'Unione Europea e la Germania. Nel suo già citato articolo ospite nel New York Times descrivere Carolina Wigura , Jaroslav Kuisz Le conseguenze della situazione tesa: "Il crescente isolamento del Paese - che il governo ritiene sia un segno dell'indipendenza della Polonia - ma in realtà apre alla Russia opportunità di esercitare un'influenza, che gli ambienti ufficiali sono riluttanti ad ammettere. La situazione in Ucraina mostra dove questo può portare” (nytimes.com, 29.12.2021/XNUMX/XNUMX: "Cosa è successo alla Polonia?"). Il governo polacco parla e chiede la sovranità dell'UE, mentre nella regione si presenta una situazione che il paese non può gestire da solo….

Tornando alla domanda originale: cosa piace al presidente polacco Andrzej Duda convinto a porre il veto alla legge sui media? Era davvero la convinzione che fosse necessario preservare la reputazione della Polonia nel mondo, o ci sono altri motivi? Tuttavia, a parte varie ipotesi, non si sapeva nulla di concreto al riguardo. "I contratti devono essere rispettati", ha detto Duda. La Polonia dovrebbe essere rispettata nel mondo come una "nazione onorevole" (sueddeutsche.de, 28.12.2021/XNUMX/XNUMX: "La ribellione del notaio"). Forse, a parte l'"onestà" della Polonia in questa situazione, avrebbe dovuto anche affrontare l'affidabilità e la fiducia che il suo paese sta perdendo da tempo all'interno dell'UE. Tuttavia, la sua osservazione era corretta: “Non abbiamo bisogno di ulteriori argomenti in questo momento. Abbiamo molti problemi. Abbiamo una pandemia e abbiamo l'inflazione" (nytimes.com, 27.12.2021/XNUMX/XNUMX: "Il presidente della Polonia dice che porrà il veto alla legge sui media contrari agli Stati Uniti"). 

Il giornalista l'ha messo con molta attenzione Florian Hassel nella Giornale della Germania meridionale: “Il suo veto alla legge TVN24 apparire come primo passo spettacolare per agire in modo indipendente e costruire un futuro politico senza la benedizione di Kaczynski" (sueddeutsche.de, 28.12.2021/XNUMX/XNUMX: "La ribellione del notaio"). Ho dato un'enfasi speciale alla parola "appare" in questa citazione. Se Duda volesse davvero staccarsi dal padre adottivo, saranno necessari ulteriori passi spettacolari. Il veto contro la legge sui media mi sembra piuttosto incerto. Fondamentalmente non ha messo in discussione e nemmeno condannato la legge, ma ha fatto appello al Sejm affinché trovi soluzioni più adeguate per limitare la partecipazione delle società straniere al mercato dei media" (sueddeutsche.de, 27.12.2021/XNUMX/XNUMX:  "Il presidente della Polonia ferma la controversa legge sui media"). Può significare che accetterebbe certamente una legge meno rigorosa sul controllo dei media. Suona come un presidente preoccupato per la reputazione del suo paese come "nazione onorevole"? 

Qual è il prossimo?

Dopo il suo veto, Duda divenne leader dell'opposizione Donald Tusk lodato, il quale presumeva che le proteste contro la legge avessero avuto effetto. Lodare Duda è stato certamente politicamente saggio se vuole davvero nuotare libero da Kaczynski. Anche l'Ambasciata degli Stati Uniti a Varsavia ha accolto favorevolmente il veto: “Grazie al Presidente Duda per la sua leadership e il suo impegno nel proteggere il clima degli investimenti in Polonia. Insieme, gli alleati sono più forti" (nytimes.com, 27.12.2021/XNUMX/XNUMX: "Il presidente della Polonia dice che porrà il veto alla legge sui media contrari agli Stati Uniti"). L'ambasciata americana sta affrontando un punto tra le righe che è andato ben oltre la legge sui media nei dibattiti in Polonia: la questione attuale riguardava “solo” gli investimenti esteri in una stazione televisiva; ma cosa verrà dopo? La Polonia è orgogliosa dello sviluppo economico del passato, basato non da ultimo su investimenti dall'estero. E non c'è dubbio che la Polonia avrà bisogno di ulteriori investimenti esteri in futuro, ad esempio per passare dal carbone all'energia eolica. Ma cosa accadrà se il clima degli investimenti in Polonia sarà "rovinato" da politiche miopi?

A mio avviso, ci sono almeno due domande senza risposta sulla legge sui media che è stata fermata ma non ritirata:                 

  1. Perché l'ha fatto Andrzej Duda evitato, nonostante tutte le parole forti sugli appaltatori che devono essere ascoltati e nonostante l'obiettivo che la Polonia dovrebbe essere rispettata nel mondo come una "nazione onorevole", evitando di condannare la proposta di legge e il suo scopo senza se e senza ma? Ha invece fatto appello al Sejm per trovare soluzioni più adeguate per limitare la partecipazione delle società straniere al mercato dei media. 
  2. Ora, dopo il veto di Duda, cosa accadrà al Sejm? Non c'è da aspettarsi che il progetto "media control" scompaia in secondo piano. In un nuovo round, è probabile che il PiS ei suoi alleati dimostreranno ancora una volta la loro volontà di combattere per la sovranità della Polonia secondo le loro idee e contro tutti i tentativi di "interferenza negli affari interni" dall'esterno. Questa frase, che in realtà sta per isolamento, fa parte del vocabolario dei paesi a governo autocratico. Il governo polacco non sarà in grado di superare l'imminente confronto con gli interessi americani. Ma in vista delle prossime elezioni parlamentari del 2023, PiS può dimostrare alla sua base elettorale quanto tenga all'indipendenza culturale e alle tradizioni della Polonia.

L'UE continuerà a svolgere il ruolo del frustino e del ragazzaccio che vuole dettare come dovrebbe vivere il paese. Indipendentemente dai trattati e dagli obblighi dell'UE, continuerà ad essere importante per la Polonia che i soldi provengano da Bruxelles.

Torna all'argomento originale: elezioni

Utilizzando l'esempio del divieto dell'organizzazione per i diritti umani Memoriale in Russia e il tentativo di allineare la stazione televisiva TVN24 in Polonia, ho mostrato come in entrambi i paesi vengano utilizzate leggi appropriate per controllare e proteggere la società civile, reprimere le critiche al governo e isolare il paese dall'"esterno" influssi. Al concetto di cosmopolitismo si contrappone l'orgoglio della propria sovranità. 

In entrambi i paesi, le leggi sono nate legalmente, attraverso decisioni a maggioranza nei rispettivi parlamenti. In apparenza, sono quindi legittimati democraticamente. Il fatto che lo stato di diritto, i valori fondamentali della propria costituzione e i principi non scritti di reciproci rapporti equi e rispettosi in una democrazia cadano vittime della lotta per il potere e del mantenimento del potere è ampiamente ignorato. I risultati elettorali, non importa come avvengano, servono come legittimazione indiscutibile. (Con domande e problemi simili, la società americana è stata fin dall'era Donald Trump sempre più occupato). 

Politicamente e socialmente, Russia e Polonia stanno apparentemente seguendo ricette uguali o simili. La Russia di Putin è diventata uno Stato autoritario. Polonia e PiS stanno arrivando. Ma c'è (ancora) una differenza fondamentale: alle elezioni parlamentari in Polonia del 2023 il governo può essere escluso.  

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato