"L'Europa è per tutti!"

Foto in primo piano: tre copertine del libro "L'Europa è per tutti!"

Il presidente dell'associazione distrettuale di Heilbronn della apartitica EUROPA-UNION, Heinrich Kümmerle jr., ha scritto un libro intitolato “L'Europa è per tutti!“. Se si guarda alla vasta letteratura sull'Europa che esiste già, ci si potrebbe chiedere se un altro libro potrebbe portare nuove intuizioni, se il tema dell'Europa è esaurito da tempo. Anche Kümmerle pone questa domanda e ammette che molti di questi libri hanno avuto una forte influenza sul suo atteggiamento di base. Insieme alle opere e agli scritti sull'Europa – di Carlo Schmids classico “L'Europa e il potere della mente”, Jacques Delors "Memorie di un europeo", il 2013, nel pieno della crisi finanziaria, ha pubblicato "The Bound Giant - Europe's Last Chance". Martin Schulz e la vasta storia di Tony Judts "Storia d'Europa dal 1945 ad oggi" e da Ian Kershaws “Roller Coaster – Europe 1950 to the Present” può essere riassunto come il libro, scritto in modo concentrato Heinrich Kümmerle nel più ampio contesto europeo. Nella bibliografia, Kümmerle nomina molti altri libri e scritti sull'Europa.

Verso la fine del suo libro, l'autore tenta una risposta alla domanda: "Cos'è l'Europa?". Per lui Europa è sinonimo di partecipazione dei cittadini. "In definitiva, il cittadino - ognuno di noi - decide se è la fine finale o solo l'inizio effettivo di questo meraviglioso progetto di un mondo migliore." segnano una sfida per le generazioni future. Non è prevedibile quando l'obiettivo sarà raggiunto. Gli europei hanno intrapreso un viaggio arduo…” Ha raccontato cosa è successo e cosa non è successo finora Heinrich Kümmerle dettagliato e con molti dati.

Si può veramente descrivere l'Europa e il processo di integrazione europea come una storia senza fine. Nella prefazione al suo libro, l'autore ringrazia una serie di consiglieri che si sono assicurati di non perdere il filo. L'autore di questa osservazione - anche membro dell'associazione distrettuale di Heilbronn dell'EUROPA-UNION - è stato più volte tentato di incorporare i propri pensieri sul progetto europeo al di là delle spiegazioni nel libro. Non ho resistito a questa tentazione. Quindi qui è emerso più di una recensione di un libro nel senso comune. Alla domanda se fosse necessario un altro libro sull'Europa si può rispondere senza riserve in senso affermativo. Il progetto europeo è tutt'altro che finito, il risultato è aperto. L'Europa sarà, anzi, dovrà essere vista in molti libri. 

Alla ricerca dell'identità europea

Anche prima della descrizione del precedente processo di unificazione europea Heinrich Kümmerle una parola chiave difficile e complessa. In due capitoli di libro si occupa dell'"identità europea" su 16 pagine di libro. Data la complessità dell'argomento, avrebbe potuto scrivere un libro separato su di esso. Sottolinea che gli europei impegnati cercano da tempo di creare un'identità europea. Riguarda la questione di cosa rende un europeo. Kümmerle si occupa di qualcosa di più delle semplici strutture di "amministratori e burocrati"; più di un semplice "progetto d'élite". Per lui - e non solo per lui - l'Europa deve (di nuovo) diventare un "progetto di cittadini", come lo fu tra il 1945 ei primi anni Cinquanta. Ma qual è il cemento che tiene insieme questo progetto? 

In un discorso al Parlamento Europeo a Strasburgo l'8.3.1994 marzo XNUMX, l'allora Presidente della Repubblica Ceca, Vaclav Havel, occupandosi anche della parola chiave “identità europea”. "Una lettura del Trattato di Maastricht, per quanto significativa sia la sua importanza come documento storico, difficilmente porterà all'Unione Europea dei veri sostenitori entusiasti, o meglio: quasi nessun patriota nella forma di persone che in realtà considerano questo complicato organismo il loro patria o la loro patria o sentono un certo livello del loro senso di appartenenza”.

Vaclav Havel nel 1994 ha invitato l'Unione Europea ad adottare una Carta "che dovrebbe definire chiaramente le idee su cui si basa, il significato che ha e i valori che cerca di incarnare". EUROPA-UNION Germania ha deciso una "Carta of European Identity” il 28.10.1995 ottobre XNUMX a Lubecca. Il capitolo I di questo documento afferma:

“Mantenere la pace, preservare il nostro ambiente e organizzare una vita dignitosa per tutti richiedono una politica comune. Unire l'Europa significa fornire la risposta alla sfida storica del presente e alle dolorose esperienze del passato. Ogni europeo è chiamato a contribuire responsabilmente alla costruzione di una comunità di pace europea”.

L'ultimo capitolo della Carta - si intitola: "In cammino verso un'identità europea" - recita, tra l'altro:

“La libertà, la pace, la dignità umana, la parità di diritti e la giustizia sociale sono i nostri beni più alti. Per garantirla e svilupparla ulteriormente, l'Europa ha bisogno di una figura politica moralmente convincente e di una politica di solidarietà che rafforzi lo spirito della comunità europea, renda credibile l'Unione europea e di cui noi europei possiamo essere orgogliosi. Quando ciò sarà raggiunto, ci sarà anche un'identità europea più forte".

Dal 1.12.2009° dicembre 2 il Trattato di Lisbona si applica a tutti gli Stati membri dell'UE. Nei primi articoli del trattato, in particolare nell'articolo 1995, gli obiettivi e i valori dell'Unione sono formulati in modo simile alla carta dell'EUROPA-UNION Germania del XNUMX. La carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea è non è parte integrante del contratto di Lisbona. Tuttavia, gli Stati membri – ad eccezione della Polonia – riconoscono espressamente il contenuto della Carta dei diritti fondamentali come giuridicamente vincolante. 

Eppure resta aperta la questione se, nel frattempo – al di là del processo di integrazione europea in senso stretto – sia stato possibile sviluppare ulteriormente l'identità europea. È positivo e importante che i valori e i diritti fondamentali europei siano ancorati nel Trattato di Lisbona; molto deve ancora stabilirsi nelle menti e nei cuori degli europei. L'orgoglio in Europa, la consapevolezza di essere europei, deve continuare a crescere. Forse molti patrioti europei hanno raggiunto quello che si potrebbe definire un patriottismo costituzionale razionalmente fondato in vista della loro “patria Europa”. 

Anche quello Heinrich Kümmerle Vedo l'identità europea come un grande cantiere edile ancora incompiuto dalle tre domande che pone nel suo libro:

  1. Può esistere anche un'identità europea?
  2. Noi europei abbiamo bisogno di un'identità comune per formare un'unità?
  3. Non basta semplicemente "essere umani" come identità comune?

Questo elenco di domande potrebbe essere esteso: quanto è urgente la questione di un'identità europea? Oppure: ci sono cantieri prioritari e più importanti nell'Unione Europea? In considerazione delle esperienze storiche e delle caratteristiche culturali molto diverse dei 27 Stati membri, lo sviluppo di un'identità europea è in qualche modo in competizione con il motto: "Uniti nella diversità. Modelli di vita" e scrive anche che "non tutti vogliono diventare Europeo”. Forse stava pensando alla discussione infruttuosa su una “Leitkultur tedesca” quando avvertì che gli europei (potrebbero) raggiungere, con la loro identità ritrovata, di differenziarsi dagli altri. Tutto questo mi ricorda: tutto è in movimento e in continuo mutamento. La cultura cambia e con essa ogni idea di identità; soprattutto non appena vanno oltre le clausole fondamentali dei trattati e in una costituzione successiva. 

Importante è il riferimento di Kümmerle a nazionalismi crescenti, insieme a fantasie totalitarie. Non di rado si tratta superficialmente dei soldi di Bruxelles. Ma se si osservano più da vicino alcune delle decisioni della Corte di giustizia su una serie di progetti legislativi in ​​questo o quello stato membro dell'Europa orientale, la posta in gioco è molto più ampia del denaro. L'europeo convinto può rimanere sorpreso dall'interpretazione del concetto di sovranità in questi Stati e dal modo in cui viene respinta la critica come "ingerenza negli affari interni" del Paese in questione. Questo riferimento agli "affari interni" era ed è usato dagli autocrati contro le critiche esterne. Non dovrebbe essere utilizzato tra i partner dell'UE che sono contrattualmente legati. Potrebbe verificarsi un tipo speciale di crisi di identità dell'UE quando i cittadini dei paesi contributori netti lanciano un'iniziativa contro i membri che sono felici di accettare finanziamenti da Bruxelles ma prestano poca attenzione agli obblighi associati all'adesione.

Gli inizi dell'UE: impulso per prevenire una nuova catastrofe europea

Alla fine della seconda guerra mondiale, diverse immagini furono incise nella memoria delle persone: 

  • Le città ei villaggi distrutti ei volti emaciati delle persone e queste immagini non sono state viste solo in Germania, ma tutta l'Europa è stata dissanguata nel 1945;
  • le immagini raccapriccianti quando il popolo tedesco ha dovuto rendersi conto di ciò che era accaduto nel nome del proprio paese a Buchenwald e in tutti gli altri campi di sterminio;
  • il film e le foto delle parate per la vittoria degli Alleati alla fine della guerra.

Cosa si doveva fare perché tali immagini non si ripetessero? Come evitare che i tedeschi venissero nuovamente presi dalla voglia di guerra? C'erano voci che sostenevano non solo di ritenere responsabili i leader tedeschi, ma anche di punire l'intero paese. Ma i politici lungimiranti in Occidente e una serie di sviluppi hanno impedito che gli errori commessi dopo la prima guerra mondiale si ripetessero e possibilmente gettassero i semi per una nuova guerra. I tedeschi, soprattutto quelli occidentali, ebbero la fortuna di essere riammessi in casa europea dopo poco tempo.

Kümmerle scrive del desiderio di pace, che percorre come un filo rosso la storia d'Europa fino ad oggi, e racconta come la discussione su cosa dovrebbe venire "dopo", cosa dovrebbe venire dopo la fine della guerra, nella resistenza francese movimento, è stato considerato anche quello europeo. Il quotidiano illegale del gruppo Combat chiede la creazione degli Stati Uniti d'Europa. Kümmerle cita "Het Parod", il principale organo di resistenza olandese, in cui questa guerra era vista come la più grande crisi della sovranità statale. "Se non è stato vano, deve sfociare in una cooperazione europea tra gli Stati che portano parte del loro potere sovrano in un organismo amministrato collettivamente." Kümmerle fa anche riferimento alla resistenza contro il regime nazista in Germania. Ad esempio, uno dei volantini del gruppo studentesco “The White Rose” fa riferimento anche all'Europa: “Il terreno su cui sarà possibile una nuova costruzione può essere creato solo attraverso una generosa cooperazione tra i popoli d'Europa. Qualsiasi potere centralizzato, come lo stato prussiano che ha cercato di esercitare in Germania e in Europa, deve essere stroncato sul nascere... Solo un sano ordine statale federalista può ancora oggi riempire di nuova vita un'Europa indebolita”.

In un altro volantino, i membri della "Rosa Bianca" citano Novalis (1772 - 1801), il poeta del primo romanticismo tedesco: "Il sangue scorrerà sull'Europa finché le nazioni non si accorgeranno della terribile follia che le sta facendo girare in tondo, e saranno percosse e lenite dalla musica sacra agli antichi altari in un passo colorato misto, ascoltare opere di pace e una grande festa della pace viene celebrata sui campi di battaglia fumanti con calde lacrime”. Un fervente appello alla pace. Ma doveva passare molto tempo prima che il Sedan Day il 2 settembre, quella grande festa celebrata in Prussia in particolare con sfarzi e parate militari, non fosse più una festa tedesca. 

Hans , Sophie scuola e molti altri combattenti della resistenza hanno dovuto pagare con la vita il loro coraggio di confessare. Sono diventati testimoni del fatto che in Germania non c'erano solo colpevoli e seguaci dei nazisti, ma anche quella scintilla di decenza ed empatia che poteva proteggere il nostro Paese dalle accuse di colpa collettiva.

Se si guardano i gruppi attivi in ​​Europa e le date che Kümmerle cita per quasi tutti i paesi europei, si può certamente parlare di entusiasmo per l'Europa subito dopo la fine della guerra. Il 6.9.1946 settembre XNUMX il Segretario di Stato americano James F. Byrnes a Stoccarda tenne il suo "Discorso della speranza", in cui prometteva, tra l'altro, sostegno economico - e non la punizione della Germania, come avvenne dopo la prima guerra mondiale. Lo storico britannico Tony Judt citato da questo discorso: "Finché sarà necessaria la presenza delle forze di occupazione in Germania, l'esercito degli Stati Uniti farà parte di questa forza di occupazione." Gli americani hanno riflettuto sul difficile rapporto con i sovietici. "I tedeschi non erano gli unici ad aver bisogno di tale assicurazione", continua Judt; "Gli inglesi in particolare erano preoccupati per il desiderio degli americani di abbandonare l'Europa al suo destino...".

L'amaro calice che alla fine fu risparmiato ai tedeschi è dimostrato dalle dichiarazioni dei politici americani citate da Judt: "Deve essere chiaro ai tedeschi che la guerra spietata della Germania e la resistenza fanatica dei nazisti hanno distrutto l'economia tedesca e hanno reso inevitabili il caos e la sofferenza e che non possono sottrarsi alla responsabilità di quanto si sono attribuiti... (Direttiva del Joint Chiefs of Staff del 26.4.1945 aprile XNUMX, che ritiene Henry Morgenthaus ecc. riprodotto).

D'altra parte, la vista di George C. Marshall, il Segretario di Stato americano: "La soluzione è spezzare il circolo vizioso e rafforzare la fiducia degli europei nel futuro economico dei loro paesi e dell'intero continente." L'Europa e soprattutto la Germania Ovest hanno avuto la fortuna che le idee di Marshall abbiano finalmente prevalso.

Tenuto il 19.9.1946 settembre XNUMX Winston Churchill a Zurigo il suo "Discorso ai giovani accademici del mondo". Conteneva la frase che è stata poi citata più e più volte: "Dobbiamo costruire una specie di Stati Uniti d'Europa".

Nel settembre del 1946, in un momento decisamente drammatico per l'Europa e per l'idea di Europa, il Conferenza Hertenstein avvenne, che Kümmerle descrive come l'essenziale conquista personale dei federalisti europei. Le dodici tesi del “Programma Hertenstein“ può essere trovato sul sito web di EUROPA-UNION Heilbronn. L'Heilbronn EUROPA-UNION organizza ogni anno gli Hertenstein Talks. È merito del libro di Kümmerle che, oltre a nominare le date, i luoghi della conferenza ei risultati, descrive anche le ramificazioni e le differenze di opinione più ampie, ma a volte solo minime, all'interno del movimento europeo. C'è un ampio accordo sull'obiettivo degli Stati Uniti d'Europa con una costituzione federale; C'erano e ci sono divergenze di opinione su come raggiungere questo obiettivo. 

Dalla Montanunion al Trattato di Lisbona, l'Europa si sta strutturando

Organizzazioni e movimenti privati ​​redigono documenti di posizione, discutono e decidono in merito a congressi e conferenze. Le istituzioni statali – compresa l'Europa sovranazionale – hanno bisogno soprattutto di solide strutture per poter funzionare. La prima struttura europea fu la Comunità Europea del Carbone e dell'Acciaio (Montanunion), fondata con il Trattato di Parigi il 18.4.1951 aprile 23.7.1952. Il Trattato CECA è entrato in vigore il 31.7.1961 luglio XNUMX. Kümmerle descrive la CECA come la prima organizzazione sovranazionale nella storia umana. Sotto il titolo "Unificazione degli Stati nazionali", il suo libro è ora una coscienziosa cronaca dei trattati e degli accordi grandi e anche meno grandi nel corso del processo di unificazione europea. Se stai cercando le date ei luoghi degli eventi, li troverai in questa sezione del libro; Ad esempio, che il Regno Unito ha presentato domanda di adesione alla CEE il XNUMX luglio XNUMX, ma che i negoziati di adesione si sono conclusi dopo il veto di Charles de Gaulle annullato il 14.1.1963 gennaio 27.11.1967. L'entusiasmo britannico per l'Europa subì un ulteriore smorzamento - non importa quanto grande o meno grande potesse essere stato all'epoca - quando il 22.11.1972 novembre 11 de Gaulle si espresse nuovamente contro l'adesione del Regno Unito. L'adesione della Gran Bretagna è stata sigillata solo il 23.6.2016 novembre 1.1.2021, ovvero XNUMX anni dopo la domanda di adesione. Un po' sarcasticamente, si potrebbe dire che l'uscita britannica dall'UE è stata più rapida: il XNUMX giugno XNUMX gli inglesi hanno votato per la Brexit, il XNUMX gennaio XNUMX lasceranno l'Unione Europea.

Linee di collegamento per Heilbronn

Nel capitolo già citato sull'"unificazione degli stati nazione", Kümmele riferisce di numerosi altri trattati, quando e dove furono decisi, quali fossero i loro obiettivi e chi furono i principali attori. In connessione con il Trattato di Roma del 25.3.1957 marzo 1.1.1958, entrato in vigore il XNUMX gennaio XNUMX e considerato l'ora di nascita dell'Unione Europea, Kümmerle ricorda che esso Jean Monnet politici attivi di successo di tutti i campi democratici, come i socialdemocratici tedeschi Eric Ollenhauer , Herbert Wehner, vincere. "Per la prima volta in Germania, la socialdemocrazia accetta anche la ratifica di un trattato sull'integrazione europea". 

Questa "svolta" dell'SPD verso l'integrazione della Repubblica Federale in Occidente è stata preceduta da molte discussioni drammatiche e di alto livello in seno al Bundestag sull'orientamento di base della politica federale tedesca. A quale obiettivo dare priorità: l'integrazione occidentale o la riunificazione del Paese?

Alla fine degli anni Cinquanta si ebbero i primi tentativi tra le parti di realizzare una politica estera e di sicurezza comune. Dopo che Krusciov aveva permesso che la conferenza al vertice dei "Quattro grandi" a Parigi fallisse il 1950/16 maggio 17.5.1960, il Bundestag ha discusso la situazione risultante il 30.6.1960 giugno XNUMX. Herbert Wehner, l'allora vice Il capogruppo parlamentare dell'SPD, ha annunciato in un ampio tour d'horizon - il suo intervento comprende quasi 10 minuti di minuti - i nuovi fondamenti della politica tedesca ed europea dell'SPD. Due passaggi del discorso di Wehner sono stati particolarmente significativi per il tema dell'Europa:

  • Dopo che l'Europa è già stata divisa dai comunisti, non dobbiamo contribuire a dividere nuovamente l'Europa. Piuttosto, per quanto possiamo fare qualcosa al riguardo, tutto deve essere messo in moto in modo che possa lavorare insieme in una vasta comunità.
  • Il Partito socialdemocratico tedesco presume che i sistemi di trattati europei e atlantici a cui appartiene la Repubblica federale costituiscano la base e il quadro per tutti gli sforzi di politica estera e di riunificazione tedesca.

C'è un collegamento con Heilbronn dal discorso di Wehner al Bundestag tedesco. Il 25.6.1960 giugno XNUMX si tenne la conferenza del partito statale SPD nella sala del festival Harmonie a Heilbronn Herbert Wehner tenne il discorso principale. Ha presentato i punti essenziali del discorso che ha pronunciato cinque giorni dopo al Bundestag. Wehner si è riscaldato fino a un certo punto a Heilbronn. 

Molte citazioni degne di nota

All'inizio di ogni capitolo e sezione del suo libro Heinrich Kümmerle una citazione di un politico, scrittore o altra personalità che si adatta al contenuto. Ha così ottenuto una notevole raccolta di pensieri e affermazioni che mostrano quanto il progetto europeo abbia occupato e occupi ancora molte persone. Kümmerle scrive che la ragione per scrivere questo libro è, da un lato, una dichiarazione di Jean-Claude Juncker D'altra parte, era la convinzione che un'Europa comune fosse proprio la soluzione alla minaccia posta a tutte le società dall'egoismo, dall'intolleranza, dallo sciovinismo, dal nazionalismo e dal totalitarismo, che oggi è più grave che mai.

La citazione di Juncker recita:

“Chiunque pensi che l'eterna questione della guerra e della pace in Europa non si ripresenterà mai più potrebbe sbagliarsi di grosso. I demoni non se ne sono andati, stanno solo dormendo".

L'affermazione di suona allo stesso modo ambigua Walter Hallstein, predecessore di Juncker, presidente della Commissione CEE dal 1958 al 1968:

"Chi non crede ai miracoli negli affari europei non è realista".

Breve e chiara è una dichiarazione di Hans Dietrich Genscher:

"Il nostro futuro è l'Europa, non ne abbiamo un altro".

O quelli di Willy Brandt:

“Verrà il giorno in cui l'odio che sembra inevitabile in guerra sarà superato. Un giorno l'Europa deve diventare una realtà in cui gli europei possano vivere".

Escursione: Andalusia e le radici dell'Europa nel mondo islamico  

Le citazioni di cui sopra trattano della situazione attuale e delle speranze europee per il futuro. La dichiarazione dell'ex papa citata nel libro di Kümmerle ha un altro scopo Benedetto XVI in occasione del suo discorso al Bundestag il 22.9.2011 settembre XNUMX:

"La cultura dell'Europa è nata dall'incontro tra Gerusalemme, Atene e Roma - dall'incontro tra la fede in Dio di Israele, la ragione filosofica dei Greci e il pensiero giuridico di Roma. Questo triplice incontro forma l'identità dell'Europa».

Non si tratta dell'Europa di oggi o dell'Europa del futuro, si tratta delle radici, delle basi e dei valori e da dove provengono. In poche parole: cosa è l'Unione Europea e cosa è tu no? Ciò che è importante nella citazione del Papa è ciò che viene menzionato, ma anche ciò che non lo è. 

Subito dopo questa citazione, il Papa ha detto nel suo discorso a Berlino:

“Questo triplice incontro forma l'identità interiore dell'Europa. Consapevole della responsabilità dell'uomo davanti a Dio e riconoscendo la dignità inviolabile dell'uomo, ha stabilito degli standard di diritto che abbiamo il compito di difendere nella nostra ora storica".

Componenti essenziali della cultura europea provengono dal Vicino e Medio Oriente, dalla Grecia ellenistica e dall'antica Roma. Lo storico britannico Peter Frankopan Nel suo libro "Luce dall'Oriente - Una nuova storia del mondo" si occupa - al di là dell'area geografica - dei contenuti culturali che per secoli sono fluiti dal Vicino e Medio Oriente all'Europa e qui sono stati rielaborati ed elaborati. Sul retro del libro si spiega che Frankopan non fa dell'Europa ma del Vicino e Medio Oriente - come papa Benedetto - il punto di partenza del racconto: "Egli (Frankopan) racconta delle prime civiltà avanzate e dei tre mondi monoteistici religioni, che da questa regione iniziarono il loro corteo trionfale”.… “Il vero crogiolo, il “Mediterraneo” nel senso più vero – il centro della terra – non era un mare che separava l'Europa e il Nord Africa, ma giaceva nel mezzo del continente asiatico", scrive Frankopan e nel capitolo del libro "Dalla Mecca a Cordoba - il trionfo dell'Islam" racconta il trasferimento di cultura e conoscenza dal mondo moresco-islamico all'Europa medievale.

Le ragioni ei retroscena del rapido trionfo militare, religioso e culturale della nuova religione presentato da Frankopan non verranno qui presentati. Gli eventi nella grande metropoli di Baghdad, dove innumerevoli testi dal greco, persiano e siriaco furono tradotti in arabo nel IX secolo dC, sono importanti per il successivo sviluppo intellettuale in Europa; comprese le opere degli antichi filosofi greci. “Questi testi sono poi serviti come punto di partenza per ulteriori studi. L'istruzione e l'apprendimento sono diventati un ideale culturale”. Lo storico britannico nomina la medicina islamica, la farmacologia, l'ottica, l'astronomia e l'astrologia, la logica, la teologia, la matematica e la filosofia, e infine il sistema numerico arabo che ha introdotto lo zero. Mentre i commentatori musulmani hanno un grande rispetto per Tolomeo , Euclideper Homer , Aristoteles educato, scrisse il Padre della Chiesa Agostino"La curiosità" è semplicemente malata. "La scienza è stata conquistata dalla fede", scrive Frankopan. "È quasi l'esatto opposto del mondo che vediamo oggi: i fondamentalisti non erano i musulmani, erano i cristiani...".

L'Andalusia, la regione meridionale della Spagna, il moresco-islamico al-Andalaus, che è stato in parte governato da musulmani moreschi per 700 anni, si è sviluppato in un ponte per il trasferimento di cultura e conoscenza tra il fiorente mondo arabo e l'Europa medievale. Cordoba è stata a volte un punto caldo di borse di studio e scambi islamo-giudaico-cristiani. Qui i testi antichi precedentemente tradotti in arabo vengono tradotti in latino e quindi accessibili agli europei. L'eredità moresca è ancora ben visibile in Andalusia: la Mezquita, l'odierna cattedrale ed ex moschea della città, e l'Alhambra, il castello moresco della città di Granada, sono stati inseriti nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO.  

Nello scambio di conoscenze e di cultura tra Oriente e Occidente, anche l'imperatore Staufer deve Federico II, il costruttore dell'enigmatico Castel del Monte in Puglia. Anche lui riunì alla sua corte studiosi cristiani, musulmani ed ebrei.

E questo scambio culturale tra l'Europa e il mondo musulmano continua ancora oggi, quasi inosservato e nascosto dalle notizie di atti di violenza, odio e intolleranza islamici. Gli impulsi stanno ora andando nell'altra direzione; l'Europa cosmopolita di oggi sta restituendo ciò che ha ricevuto secoli fa. Discusso, scritto e discusso, per esempio, su uno Islam europeo. Come si possono coniugare la religione e la cultura dei musulmani con i valori fondamentali e le norme sociali che si sono sviluppate in Europa nel corso dei secoli – anche con quella “luce d'Oriente”? Il 16.9.2016 settembre XNUMX, i musulmani riformatori di Germania, Austria e Svizzera hanno pubblicato una dichiarazione congiunta a Zurigo Dichiarazione di Friburgo, in cui hanno chiesto, tra l'altro, lo sviluppo di letture moderne del Corano, basate su un'analisi storico-critica del testo. La dichiarazione inizia con la frase: “Sogniamo una riforma dell'Islam”. Altrove si dice: “Sosteniamo una comprensione umanistica, moderna e illuminata dell'Islam in un contesto contemporaneo e ci consideriamo musulmani laici. Secondo la nostra comprensione del Corano, la fede si basa sulla relazione molto personale e individuale dell'individuo con Dio. La fede rappresenta una fonte di spiritualità, resilienza e forza interiore”. 

Verso la fine della dichiarazione si dice: “Respingiamo fermamente l'estremismo, la discriminazione, l'esaltazione della violenza e la segregazione. Per noi democrazia e diritti umani sono la base per la pacifica convivenza di tutte le persone nella nostra società”. In poche parole: gli estremisti di ogni genere non dovrebbero poter invocare la religione.

Questa discussione tra i musulmani su una lettura moderna della loro religione - su un Islam europeo nella società europea - non è possibile nell'Arabia Saudita di orientamento wahhabita, né nell'Iran degli ayatollah, né nella Turchia di Erdogan, dove le religioni sono controllate dallo stato. Questa discussione può essere condotta solo in un'Europa tollerante. La tolleranza non è stata sempre, ma spesso, un fattore importante nella convivenza di persone di religioni diverse ad al-Andalus. Ma anche in Europa la convivenza tollerante è una sfida sempre nuova. 

Una visione ambivalente del futuro dell'Europa

Sotto il titolo "Inizio o fine - Tentativo di riepilogo". Heinrich Kümmerle il futuro del progetto europeo. L'ottimismo risuona quando scrive: "Tutta la nostra Europa, non importa fino a che punto si voglia o sia in grado di estenderla, deve sicuramente essere vista come qualcosa di nuovo che è nato solo a metà del secolo scorso come risultato di esperienze e questo con effetti a volte catastrofici ed è quindi nella migliore delle ipotesi all'inizio del proprio sviluppo”.

Kümmerle nomina i diversi problemi che questa nuova Europa sta affrontando: scarsità di risorse e malattie ei loro effetti, come la migrazione o le guerre. Lo storico britannico Ian Kershaw Nel suo libro Roller Coaster – Europe 1950 to Today, elenca tutta una serie di altre sfide per l'Europa e il resto del mondo: cambiamento climatico, demografia, approvvigionamento energetico, migrazione di massa, tensioni multiculturali, automazione, aumento del divario di reddito, sicurezza. Kershaw scrive che è difficile dire quanto bene l'Europa sia preparata ad affrontare questi problemi. "Il modo in cui reagirà alle sfide e modellerà il futuro del continente non è solo, ma in larga misura, nelle mani degli stessi europei". Poi fa una dichiarazione importante: "In acque pericolose, il convoglio è il migliore lasciati insieme ed evita di separarsi”. Un promemoria per tutti coloro che vogliono sognare un grande futuro di indipendenza.

Credo che l'Unione europea abbia le conoscenze e l'esperienza per aiutare a risolvere tutti questi problemi. Ciò richiede la volontà comune degli Stati membri. I pericoli per l'Unione si trovano a un altro livello. Kümmerle si rivolge a loro e lamenta il nazionalismo tradizionale. Il primo ministro ungherese Viktor Orban descrive il suo paese come una "democrazia illiberale" - una contraddizione con quanto scritto nei trattati europei. Anche il compiacimento e l'eccessiva fiducia di alcuni Stati membri sono pericolosi per il futuro dell'Europa. Hanno fatto i conti con l'UE di oggi, che è ancora incompleta, e hanno fatto i conti con lo status quo, anche perché credono di poter vivere bene con i soldi di Bruxelles. Ma un'organizzazione incompiuta, un progetto che si ferma a metà, alla fine fallirà. Anche per il progetto europeo fermarsi significa tornare indietro. Ecco perché l'obiettivo del Trattato di una “unione sempre più stretta dei popoli d'Europa” – al di là della necessità di risolvere tutti gli altri problemi – deve tornare alla ribalta nell'Unione europea. 

Non ci sono rimedi di brevetto per questo. Come sempre, gli europei convinti hanno bisogno di resistenza e di un senso pragmatico di ciò che è possibile in una determinata situazione, anche in una crisi. In un'intervista sulla pandemia di corona, ha detto il politico esperto Wolfgang Thierse: "Come sempre, in questo caso il futuro è aperto... Dobbiamo sperare che l'umanità impari, ma senza avere l'illusione che il mondo cambierà completamente." Questa intuizione può essere trasferita anche al progetto europeo.


Hans Müller, l'autore di questo articolo ospite, è un membro di lunga data di EUROPA-UNION Heilbronn; si è guadagnato i meriti come capo del gruppo di lavoro "storia del club", tra le altre cose.

Non solo è noto a molte persone a Heilbronn come l'ex capo dell'Ufficio per la famiglia, i giovani e gli anziani nella città di Heilbronn, ma anche come un socialdemocratico esperto.

Il suo interesse speciale come storico locale è la storia di Heilbronn, quindi non sorprende che lo si possa trovare spesso negli archivi della città di Heilbronn, dove ricerca i suoi articoli e contributi scientifici.

Puoi supportare questo blog su Patreon!

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht.