Problemi di stato di diritto in Polonia e Ungheria

Foto caratteristica: bandiera polacca

Ecco il mio post sul Problemi di stato di diritto in Polonia e Ungheria - di nuovo; Temo che non sarà l'ultimo post su questo argomento.

Sono successe molte cose, soprattutto in Polonia, da quando la bozza è stata completata. Sono stato in grado di incorporare l'oscillazione del governo alla controversa Camera disciplinare; uno degli elementi centrali della riforma giudiziaria polacca.

Non ho incluso lo scioglimento della coalizione di governo a Varsavia. Il PiS è ancora al potere. Resta da vedere cosa accadrà ora.

Inoltre non ho più incluso quell'ammiratore di Trump Tucker Carlson dalla stazione televisiva statunitense ultraconservatrice Fox News ha recentemente prodotto il suo programma "Tucker Carlson Tonight" a Budapest e lo stava facendo Viktor Orban permesso di parlare in dettaglio.  

In tal modo, Carlson sostiene i piani di Orban di sviluppare una sorta di centro ideologico per il movimento conservatore globale in Ungheria. Anche il nome del consigliere Trump Stephen Bannon è menzionato. Il New York Times ne ha ampiamente parlato sotto il titolo "Compagni di viaggio conservatoriTucker Carlson interviene su Viktor Orban“ (nytimes.com, 7.8.2021/XNUMX/XNUMX).

Fingering the EU - Sulla politica emotivamente carica in Polonia e Ungheria

Chiunque voglia davvero infastidirsi con alcuni Stati membri dell'UE, a cui piace Bruxelles solo perché lì i soldi vengono distribuiti e altrimenti a causa di tutto ciò che definisce l'Unione Europea: i valori europei di libertà, solidarietà, giustizia, tolleranza e regola della legge - storcendo il naso, raccomando un rapporto completo che è stato pubblicato sul New York Times il 3.11.2019 novembre XNUMX: "The Money Farmers: How Oligarchs and Populiists Milk the EU for Millions" - "Die Geld-Bauern: How oligarchs e i populisti mungono milioni nell'UE".  

Il rapporto, di cui sono responsabili tre giornalisti e per il quale hanno lavorato cinque colleghi di Londra, Praga, Bruxelles, Budapest e Sofia, dipinge un quadro della distribuzione e dell'utilizzo dei sussidi agricoli dell'UE nell'Europa orientale che non potrebbe essere peggiore. In Ungheria, il sistema promuove il nepotismo, la corruzione self-service e, in definitiva, mina gli obiettivi climatici dell'UE. Dalla regione di Fejer, dal Viktor Orban I giornalisti del New York Times riferiscono di un sistema di clientelismo che arricchisce gli amici e la famiglia di Orban, protegge i suoi interessi politici e punisce i suoi oppositori.

L'introduzione al rapporto, che si svolge nella città di Csakvar, non fa ben sperare: “Sotto il comunismo, i contadini lavoravano nei campi che circondano la città a ovest di Budapest, raccogliendo grano e mais per il governo che ha rubato la loro terra. Oggi i loro figli lottano per nuovi datori di lavoro che si sono appropriati del paese attraverso accordi poco chiari con il governo ungherese. Hanno sviluppato un nuovo tipo di sistema feudale in cui coloro che obbediscono ricevono un lavoro e i ribelli vengono puniti. Questi baroni della terra, a quanto pare, sono finanziati e incoraggiati dall'Unione Europea". Tuttavia, concludo che l'Ungheria e la Polonia non sono particolarmente interessate a confutare le accuse di corruzione dovute al fatto che entrambi i paesi non partecipano alla Procura europea, che da giugno di quest'anno combatte la corruzione, l'appropriazione indebita e la frode con i fondi dell'UE . Il rapporto 2019 dell'UE sullo stato di diritto, di cui si parlerà in seguito, afferma, tra l'altro: "Il governo ungherese non può essere un amministratore affidabile dei fondi dell'UE finché i problemi non sono stati eliminati" (sueddeutsche.de, 2021. 20.7.21: "La Commissione Ue dà un ultimatum alla Polonia"). La descrizione data dall'allora primo ministro ungherese mi sembra ancora valida Viktor Orban: "In quanto icona dell'estrema destra in Europa e aspro critico delle élite europee, Orban è felice di ricevere i fondi dell'UE".

Altrove nella relazione – e questo per entrare nel vivo di questa narrazione – si sottolinea l'assurdità che le stesse forze antidemocratiche che minacciano dall'interno l'UE stiano beneficiando dei fondi del programma agricolo volto a costruire l'Europa. Oggi abbiamo un problema nell'UE che è in parte peggiorato perché i responsabili del Consiglio, della Commissione e del Parlamento non hanno risposto in modo tempestivo e chiaro alle attività dei populisti che scherzano contro l'UE. Nel frattempo, gli autocrati in Ungheria e Polonia sono diventati modelli per i politici di altri stati membri dell'UE dell'Europa orientale.  


Un'essenza dell'Unione Europea — Articolo 2 TUE

I valori su cui si fonda l'Unione sono il rispetto della dignità umana, la libertà, la democrazia, l'uguaglianza, lo Stato di diritto e il rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appartenenti a minoranze. Questi valori sono comuni a tutti gli Stati membri in una società caratterizzata da pluralismo, non discriminazione, tolleranza, giustizia, solidarietà e uguaglianza tra donne e uomini.


Il rapporto 2021 sullo stato di diritto dell'UE – I soliti sospetti...

Il 20.7.21 luglio 2021 la Commissione Ue ha presentato il Rapporto sullo Stato di diritto XNUMX e - come riporta la Süddeutsche Zeitung - "ha rilasciato una devastante testimonianza ai governi di Polonia e Ungheria". "Democrazia, Stato di diritto e diritti fondamentali sono alla base di tutto ciò che costituisce l'Unione europea", ha affermato il vicepresidente della Commissione Vera Jourova al momento della presentazione della relazione. Il Commissario alla Giustizia Didier Reynders ha affermato che lo smantellamento "sistematico" dello Stato di diritto in Polonia e Ungheria viene copiato. Inoltre, vede un pericolo per la coesione dell'UE: "Il primato del diritto europeo non è negoziabile, l'Europa à la carte non può funzionare". inevitabile. (Citazioni da sueddeutsche.de, 20.7.2021: "La Commissione UE dà alla Polonia un ultimatum").

Nella sintesi della sezione Paese per la Polonia - il testo in inglese è pubblicato su Internet - viene nuovamente criticata la riforma della magistratura in Polonia, in corso da tempo. La Corte di giustizia ha ripetutamente dichiarato incompatibili con il diritto dell'UE singole parti della riforma. Il 15.7.2021 luglio 2018, l'ARD Tagesschau ha riferito di un'altra sentenza della Corte di giustizia in cui la camera disciplinare di nuova creazione del 2019 come organo di controllo su tutti i giudici polacchi è descritta come una violazione del diritto dell'UE. Al contrario, la Commissione UE ha avviato una procedura d'infrazione contro la Polonia nell'ottobre 20.7.2021. Tuttavia, questo non ha avuto successo; la Camera Disciplinare ha continuato a funzionare. La Corte costituzionale polacca aveva addirittura - contrariamente alla sentenza della Corte di giustizia - deciso che ciò non doveva essere seguito. Il 16.8.2021 luglio 20.7.2021 la Commissione Ue ha dato un ultimatum al governo polacco: se entro il XNUMX agosto XNUMX non dichiarerà che darà attuazione "totalmente" alle sentenze della Corte di giustizia sulla Camera disciplinare, (la Commissione) si applicherà alla Corte di giustizia, dalla Polonia per chiedere multe giornaliere (sueddeutsche.de, XNUMX: "La Commissione UE dà alla Polonia un ultimatum"). La relazione dell'ARD Tagesschau solleva la questione di quanto siano ancora indipendenti i tribunali in Polonia.  

Ma la Polonia (e l'Ungheria in altre questioni) apparentemente agiscono secondo la massima: l'attacco è la migliore forma di difesa. Malizia, ricatto, attacchi politici, doppi standard: questi i commenti dei politici del governo ungherese e polacco sul rapporto sullo stato di diritto 2021. A Varsavia, a quanto pare, intendono fare un passo avanti nella disputa sulla riforma giudiziaria: il governo ha un decisione in merito alla Corte costituzionale polacca chiede se la costituzione polacca abbia la precedenza sul diritto dell'UE. L'udienza è prevista per agosto.

Deutsche Welle valuta la situazione come segue: "Secondo la lettura del governo, della Corte costituzionale polacca e, più recentemente, anche del presidente della Corte suprema, Malgorata Manjowska, le sentenze europee che intervengono nel sistema giudiziario polacco violano la costituzione del Paese e sono quindi inefficaci” (dw.com, 21.7.2021: Polonia/Ungheria: “Attacco politico e ricatto”). Su tagesschau.de, la situazione è valutata come segue: "Se il tribunale di Varsavia dovesse attenersi alla sua linea precedente, i critici del governo nazionalista di destra temono un passo verso Polexit, ovvero l'uscita della Polonia dall'UE". vecchio in una simile discussione Problema europeo: l'UE, procrastinando su molti problemi, sta - ancora una volta - affronta se stessa.

Ma improvvisamente c'è stata una svolta sorprendente: il 7.8.2021 agosto XNUMX, la Polonia ha parzialmente ceduto. Vice Premier Jaroslaw Kaczynski, l'uomo forte dietro il governo polacco, ha detto a una testata giornalistica che il controverso corpo disciplinare è stato sciolto. Quello che ne sarà delle altre parti della riforma giudiziaria polacca contestate dalla Corte di giustizia è aperto (sueddeutsche.de, 7.8.2021 agosto XNUMX: "La Polonia vuole abolire la controversa camera disciplinare"). La controversia sullo stato di diritto gravemente danneggiato in Polonia non è affatto finita, perché l'ultimatum della Commissione si riferiva a tutte le sentenze della Corte di giustizia.

E l'Ungheria?

Cosa sta succedendo all'altro membro dell'UE che ha ricevuto una cattiva segnalazione nella relazione sullo stato di diritto del 2021? Se l'Ungheria non fosse già membro dell'Unione Europea, attualmente non avrebbe alcuna possibilità nel processo di adesione. Le aree problematiche ungheresi sono descritte nella sezione paese del rapporto dell'UE: mancanza di indipendenza della magistratura; le competenze del Consiglio di Giustizia devono essere ampliate. Permane il pericolo del nepotismo ai livelli amministrativi superiori; ci sono ancora rischi derivanti dai collegamenti esistenti tra affari e politica. “Il pluralismo dei media è ancora a rischio. Ci sono preoccupazioni circa l'indipendenza e l'efficacia del regolatore dei media”. Si ricorda la recente decisione di revocare la licenza di trasmissione dell'emittente indipendente “Klubradio”. Ciò che il governo ungherese sta facendo alla società civile è decisamente oltraggioso, poiché una società civile attiva e diversificata è la linfa vitale della società. "Resta pressione sulle organizzazioni della società civile che criticano il governo." Allineamento filogovernativo della società civile, canalizzazione mediatica filogovernativa dell'opinione pubblica... per tutto questo è probabile Viktor Orban ha ricevuto l'applauso di Mosca e Pechino, perché dà agli autocrati lì le ragioni del loro stanco sorriso quando, ad esempio, l'UE in Cina protesta contro la «restrizione delle libertà civili e la soppressione dell'opposizione a Hong Kong. Con le loro politiche, Ungheria e Polonia stanno mettendo a repentaglio la credibilità dell'UE.  

Anche Orban, i suoi consiglieri e sostenitori si affidano all'attacco come la migliore forma di difesa. Il ministro della Giustizia Giuditta Varga ha descritto il rapporto sullo stato di diritto come "di parte, politicamente motivato e di fatto privo di qualità". dw.com, 21.7.2021 luglio XNUMX : Polonia/Ungheria: "Attacco politico e ricatto").

Il ministro della Giustizia ha usato una metafora il cui significato più profondo è facilmente trascurabile. La loro importanza per la politica ungherese contemporanea diventa chiara se si considerano affermazioni simili di importanti politici ungheresi. Giuditta Varga ha parlato di ONG con atteggiamenti negativi nei confronti della “nostra patria”; vale a dire, la "nostra patria" deve essere protetta e difesa contro tali atteggiamenti, anche nei confronti di Bruxelles, che riflette "senza riserve" le opinioni di questi gruppi. Tuttavia, in Ungheria non sono attualmente accettate affermazioni critiche sulla “nostra patria”; pertanto, sostiene il governo di Budapest, le ONG critiche e "negative" devono essere messe sotto pressione.

Populismo estremista di destra: una digressione su una politica emotivamente carica  

Il 15.12.2020 dicembre XNUMX il parlamento ungherese ha approvato con i voti della maggioranza di governo un emendamento costituzionale che limita ulteriormente i diritti delle minoranze sessuali. “Il padre è un uomo, la madre è una donna” è stabilito, tra l'altro. L'adozione di un bambino da parte di coppie dello stesso sesso sarà quindi esclusa in futuro. Il sesso di un bambino è determinato alla nascita e non può essere modificato in seguito. Nelle scuole e negli asili nido, i contenuti dell'apprendimento non confessionali o che ritraggono le minoranze sessuali in modo positivo sono minacciati di punizione. In altre parole: in futuro non ci saranno più giornali ungheresi che riferiranno di come due donne lesbiche si prendono amorevolmente cura dei bambini che hanno portato con sé.

Il rapporto della Süddeutsche Zeitung sull'emendamento costituzionale cita una frase che chiarisce il modello alla base di questi rigorosi interventi statali sulla privacy delle persone: “L'Ungheria tutela il diritto dei bambini alla loro identità di genere alla nascita e garantisce un'educazione secondo il sistema di valori su cui l'identità costituzionale e La cultura cristiana dell'Ungheria è basata" (sueddeutsche.de, 16.12.2020: "L'Ungheria proibisce l'adozione omosessuale"). È probabile che la Corte di giustizia si occuperà di questo emendamento costituzionale nel prossimo futuro se le persone interessate invocano l'articolo 21 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea e si lamentano della limitazione dei loro diritti.


Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea - Articolo 21 Non discriminazione

(1) Discriminazione basata in particolare su sesso, razza, colore della pelle, origine etnica o sociale, caratteristiche genetiche, lingua, religione o ideologia, opinioni politiche o di altro tipo, appartenenza a una minoranza nazionale, proprietà, nascita, disabilità, età o orientamento sessuale sono vietati.
(2)  


Ulteriori dichiarazioni sulle idee di Orban su una nuova Ungheria possono essere trovate su Wikipedia; parola chiave Viktor Orban (nato nel 1943); A partire dal 27.7.2021/XNUMX/XNUMX.

Descrive, tra le altre cose, l'ascesa politica di Orban, prima della caduta del comunismo, a cominciare dalla presidenza della Lega della Gioventù Comunista in Ungheria. Era allora un membro del gruppo dirigente di quello che originariamente era considerato l'odierno partito di governo liberale Fidesz; dal 1992 al 2000 uno dei vicepresidenti dell'Internazionale Liberale e dal 2002 uno dei vicepresidenti del Partito popolare europeo (PPE), di cui fanno parte anche la CDU e la CSU. E infine un'icona dei nazionalisti europei e degli estremisti di destra. Negli anni precedenti, Orban è stato ospite frequente dei ritiri del gruppo parlamentare della CSU a Wildbad-Kreuth e Seeon. Dopo che Fidesz ha lasciato il gruppo PPE al Parlamento europeo, tali inviti non dovrebbero più essere fatti in futuro.  

"Il nuovo stato che vogliamo costruire in Ungheria non è uno stato liberale, ma illiberale", ha affermato Orban nel 2014. A differenza della democrazia liberale, la libertà "può fare tutto ciò che la libertà degli altri non può limitare", è non l'elemento centrale di questa organizzazione statale. Come obiettivo del nuovo stato, questo può solo significare che le libertà civili sono in gioco anche se i diritti degli altri non sono lesi: le libertà civili possono essere limitate per ragioni di stato e per ragioni ideologiche.  

La nuova costituzione entrata in vigore il 1.1.2012° gennaio 2020 (emendata nel XNUMX) prevede i seguenti principi: Il riferimento a Dio, la corona ungherese (corona di Stefano) e i concetti di patria, cristianesimo, famiglia, fiducia, fede, amore e orgoglio nazionale. Un esempio fornito su Wikipedia mostra come questi principi siano stati espressi in diritto concreto:

Nel 2012, il governo di Orban ha promulgato la legge ecclesiastica ungherese, che richiede il riconoscimento delle comunità religiose da parte del parlamento. La Corte di giustizia ha stabilito nel 2014 che la legge violava la Convenzione europea sui diritti umani e la libertà di religione e di riunione, poiché lo stato stava abbandonando la sua posizione neutrale. Il governo aveva dichiarato di voler agire contro la "proliferazione" delle religioni e l'indebita acquisizione di fondi statali.

L'implacabile politica in materia di rifugiati e asilo del governo ungherese è ben nota. Detto a luglio 2018 Viktor Orban “C'è un cambiamento demografico in atto in Europa. In parte perché gli speculatori come lo stesso Soros possano fare un sacco di soldi. Vogliono distruggere l'Europa perché si aspettano grandi profitti da essa. D'altra parte, hanno anche motivazioni ideologiche. Credono in un'Europa multiculturale, non amano l'Europa cristiana, non amano le tradizioni cristiane dell'Europa e non amano i cristiani». Questo chiarisce: Orban si sente chiamato a difendere l'Occidente cristiano dai profughi, contro estranei. Ma per conto di chi lo fa? Ecco perché quanto ha detto sull'Islam nel maggio 2015 suona contraddittorio: “Non condividiamo il punto di vista degli estremisti di destra europei. Sono contro l'Islam. Non lo sappiamo affatto. Siamo contro l'immigrazione. Ci sono paesi che hanno preso questo rischio. Non l'abbiamo accettato e non intendiamo farlo nemmeno in futuro. Rispettiamo che la Francia o la Germania siano andate diversamente, ma abbiamo il diritto di far rispettare anche la nostra. Non vogliamo una società multiculturale”. I soliti “sì-ma-dichiarazioni” dei populisti. Avrebbe potuto dire tutto questo più brevemente: i musulmani sono grandi, ma non quando vengono in Ungheria.  

Se si confronta il catalogo europeo dei valori di cui all'articolo 2 TUE con i principi della costituzione ungherese sanciti nell'impegno nazionale introduttivo, colpisce la diversa lingua e terminologia. L'articolo 2 TUE contiene tutti i termini che si trovano abitualmente nei testi costituzionali: dignità umana, libertà, democrazia, Stato di diritto e altri. Alcuni dei principi ungheresi si muovono su un livello concettuale completamente diverso: lealtà, fede, amore e orgoglio nazionale sono difficili da definire legalmente, perché ognuno ha idee diverse sul contenuto. 

Il primo credo nella costituzione ungherese del 25.4.2011 aprile 1000 recita: "Siamo orgogliosi che il nostro re, Santo Stefano I, abbia costruito lo stato ungherese su solide fondamenta mille anni fa e abbia reso la nostra patria una parte dell'Europa cristiana. Stefano I fu senza dubbio una grande figura nella storia ungherese. Dal 1038 al 2 fu il primo re del Regno d'Ungheria. È il santo nazionale del paese; la Corona di Santo Stefano incorona quello che oggi è lo stemma nazionale dell'Ungheria. Gli storici possono discutere la linea di collegamento con l'Europa cristiana. I patrioti costituzionali possono fare molto con la terminologia dell'articolo XNUMX TUE, ma poco con alcuni principi ungheresi.  

Il governo ungherese dichiara con sicurezza di voler difendere la cultura e le tradizioni del Paese (e anche dell'Occidente cristiano). Ma chi decide cosa questo significhi effettivamente? Chi e cosa fa parte di questa cultura e tradizioni e chi o cosa no? E cosa succede quando la cultura e le tradizioni si evolvono e cambiano, come in ogni società vivente? E se il tempo passasse oltre i termini attuali? E indubbiamente l'esperienza non è nuova: la cultura e le tradizioni possono appropriarsi e caricarsi emotivamente e guai quando la lealtà, la fede, l'amore e l'orgoglio nazionale vengono usati contro “gli altri”, contro coloro che non dovrebbero appartenere.

Anche i francesi e gli americani amano il commovente patriottismo. Tuttavia, non hanno scritto il loro amore per la patria e il loro rispetto per la bandiera nella costituzione, dove sono sanciti soprattutto i fondamenti del paese e della legge, ma piuttosto nei loro inni nazionali, nella Marsigliese e nella “Stella -Spangled Banner, che cantano con dignitoso fervore in molte occasioni

I termini dell'impegno introduttivo alla costituzione ungherese sono difficili da comprendere perché non provengono dal linguaggio giuridico. Simile al Trattato sull'Unione Europea (EUV), la Legge fondamentale tedesca non contiene termini che piacciono al cuore. Il fatto che siano stati introdotti nella costituzione ungherese, entrata in vigore nel 2012, mostra che i politici locali vogliono prendere le distanze consapevolmente e linguisticamente dalle norme dell'Unione europea. Sarà finché Viktor Orban e il suo partito Fidesz governa lì, ci sono sempre controversie sulla legge e lo stato di diritto. Nell'interesse della sua credibilità, l'UE non deve evitare queste controversie.

Sottocapitoli: le persone ticchettano in modo diverso nell'Europa orientale?

Quando l'Ungheria e la Polonia hanno aderito all'Unione Europea nel 2004, avevano soddisfatto tutti i requisiti. Al referendum in Ungheria, con una partecipazione del 45,6 per cento degli aventi diritto al voto, l'83,6 per cento ha votato a favore dell'adesione. In Polonia ha partecipato al voto il 58,8 per cento; Il 77,4 per cento ha votato a favore dell'adesione all'UE (fonte: Wikipedia). Entrambi i paesi avevano contribuito in modo significativo alla disintegrazione e all'eventuale fine del sistema comunista in stile sovietico. In Ungheria la cortina di ferro è diventata permeabile per la prima volta e gli altri satelliti non sono stati più in grado di colmare le lacune. In Polonia, il sindacato Solidarnosz ha resistito a forti pressioni da parte di chi detiene il potere. Solidarnosz esiste ancora oggi, ma il sindacato è ora profondamente legato al partito nazionalista al governo PiS.  

Lech Walesa, che ha guidato lo sciopero di Danzica che ha contribuito in modo significativo al collasso del sistema, ha detto del sindacato Solidarnosz di oggi: “È completamente diverso da allora, non dovrebbe più essere consentito usare lo stesso nome. Niente mi collega con Solidarnosz di oggi. Abbiamo obiettivi e interessi completamente diversi". Un rapporto del New York Times rileva che, invece di difendere la libertà, Solidarity oggi opera attivamente a fianco del governo contro gay, lesbiche e chiunque altro abbia ancora la propria libertà Non pagare abbastanza rispetto dell'opinione della nazione polacca e delle sue tradizioni.  

Di Jaroslaw Kaczynski, l'uomo forte nell'attuale Polonia e suo fratello gemello Lech Kaczynski, che è morto in un incidente aereo nel 2010, non pensa molto a Walesa: "Erano attivisti minori", ha detto il New York Times. Jaroslaw Kaczynski non è stato nemmeno arrestato dopo che i comunisti hanno dichiarato la legge marziale nel 1981. L'antipatia è reciproca. Il partito al governo PiS descrive Walesa come un traditore perché ha negoziato il trasferimento pacifico del potere con i comunisti nel 1989 (informazioni e citazioni da nytimes.com, 28.7.2021: "Poles Tussle Over an Icon of Their Past, With an Eye on the Futuro") .

Ma non è paradossale e quasi assurdo che la Polonia e l'Ungheria, tra tutte le persone che hanno rovesciato la dittatura comunista, abbiano poi portato al potere politici nazionalisti e autocratici? Sebbene questi siano felici di ricevere sovvenzioni dall'UE, non pensano molto allo stato e alle basi socio-politiche, l'essenza dell'UE. Le ragioni e lo sfondo di questo capovolgimento non possono essere presentati qui in dettaglio. Non solo in Polonia e Ungheria, ma anche altrove nell'Europa orientale e anche nell'ex RDT c'erano aspettative, speranze e sogni che non si sono avverati. Dopo il 1989 c'è stato un periodo in cui ci si parlava, di ferite interne e frustrazioni che "Ossis" e "Wessis" si infliggevano l'un l'altro. Sebbene ci sia stato un rapido cambiamento, spesso non è stato quello che la gente si aspettava.  

Negli anni successivi alla riunificazione, mi trovavo relativamente spesso nella città gemella di Heilbronn, Francoforte (Oder). Si è sviluppato un rito: ogni volta che visito il caffè all'ultimo piano dell'Oderturm e guardo la città cambiare. I lotti liberi sono stati chiusi, gli edifici ei tetti sono diventati più colorati, lo sviluppo urbano era in pieno svolgimento e irradiava vita. Ma sapevo dagli incontri e dalle conversazioni che le persone vivevano laggiù - probabilmente molte persone - che guardavano al futuro con sentimenti contrastanti. Nella conversazione abbiamo convenuto che gli sconvolgimenti materiali nell'ex DDR erano più facili da affrontare che in Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Bulgaria o Ungheria a causa dell'afflusso di denaro dalla Repubblica federale. Le rotture e le delusioni personali erano molto più profonde lì che nei nuovi stati federali.  

Allo stesso tempo, in Occidente si stava verificando uno sconvolgimento economico che ha avuto un impatto significativo sugli sviluppi nell'Europa orientale. Ronald Reagan negli Stati Uniti e Margaret Thatcher in Gran Bretagna ha proclamato un nuovo credo che lo stato non fosse la soluzione ma il problema. "Il mercato" avrebbe dovuto risolverlo, dovevi solo lasciarlo funzionare a tempo indeterminato. Con il crollo della banca statunitense Lehman Brothers nel 2008 e la conseguente crisi finanziaria ed economica, questo credo è stato gravemente danneggiato. Tutto ciò colse le persone dell'Est Europa completamente impreparate e furono profondamente deluse da ciò che "il mercato" aveva fatto loro. Gli anni successivi alla riunificazione non sono stati solo il periodo di massimo splendore dell'espansione economica, ma anche il periodo di massimo splendore dei populisti e dei proclamatori di soluzioni semplici: il loro tempo non è ancora finito.

In Occidente si discuteva ed è tuttora in discussione se e perché le persone nell'Europa orientale ticchettano in modo diverso? Lo storico Ilko-Sascha Kowalczuk Nel capitolo 5 del suo libro "The Takeover - How East Germany Became Part of the Federal Republic" (Verlag CH Beck, 2019), esamina la domanda "Chi sono i tedeschi dell'est?" “ –- indica in quale direzione sosterrà: 

"I tedeschi dell'Est sono ... non solo diversi e spesso modellati in modo contrastante dalle esperienze fino al 1989 o dalla rivoluzione. Altrettanto determinanti sono stati gli eventi, le esperienze e le condizioni di vita da allora». Le persone non solo hanno portato con sé le loro impronte dai tempi prima della riunificazione: noi, i "Wessi", gli europei occidentali, abbiamo anche contribuito a plasmare le impronte in seguito. Nel capitolo finale del libro di Kowalczuk, viene elaborata questa co-costruzione e quindi la corresponsabilità dell'Occidente per gli sviluppi nella Germania orientale - e certamente anche nell'Europa orientale. Due citazioni dalla sezione “La Germania dell'Est come laboratorio della globalizzazione”:  

Si riferisce ad affermazioni che Ralph Dahrendorf più di vent'anni fa in vista della globalizzazione. La globalizzazione e le sue conseguenze sociali “incoraggiano costituzioni autoritarie piuttosto che democratiche”. Queste “ma possono durare; non sono né catastrofiche né precarie come le dittature totalitarie. Un secolo di autoritarismo non è affatto la prognosi più improbabile per il 21° secolo”.

Il populismo di destra ha avuto un inizio molto diverso (rispetto al populismo di sinistra) sulla base di principi nazionali ed etnici. Perché i populisti di destra hanno deliberatamente costruito sulle tradizioni irrisolte del nazionalismo, dell'antisemitismo e del razzismo in Germania e in Europa. Hanno raccolto i tedeschi dell'est "dove si sono fermati".

Kowalczuk lo ha stabilito principalmente in vista della Germania dell'Est; ma la promozione del populismo di destra come risultato della globalizzazione si è probabilmente applicata in egual modo o in modo simile agli altri stati dell'Europa orientale. Le persone sono state modellate in modo diverso dalle loro esperienze prima e dopo la riunificazione.

Queste descrizioni scientifiche delle cause del populismo di destra assolvono i popoli dell'Europa orientale dalla responsabilità di questi sviluppi nel frattempo pericolosi? Probabilmente non del tutto. Che gli elettori in Polonia Jaroslaw Kaczynski e in Ungheria Viktor Orban eletti al potere non possono essere biasimati senza riserve. Gli americani ce l'hanno Donald Trump ne elesse il presidente, con tutte le conseguenze ei pericoli che divennero sufficientemente chiari dopo quattro anni. Tuttavia, la responsabilità dei cittadini responsabili è necessaria al più tardi quando si tratta di valutare le prestazioni dei nuovi governanti eletti. Gli americani hanno ripreso il potere da Trump. Non è chiaro cosa accadrà alle prossime elezioni in Polonia e Ungheria. Quello che l'UE può fare con le sue possibilità legali e di altro tipo deve ancora essere discusso. Ma anche su cosa possono e devono fare la società civile ei media - se non si adeguano - per far pensare l'elettorato dell'Est Europa.

Cosa fare?

Dagli scontri dell'estate e dell'autunno 2020, quando Ungheria e Polonia si sono mosse per bloccare l'entrata in vigore del programma di ricostruzione dell'UE "Next Generation EU", sono aumentate le notizie sulla stampa e in televisione sulla misura in cui alcuni membri dell'UE gli stati membri -- contrariamente agli impegni presi al momento dell'adesione all'UE -- scivolano in strutture autocratiche. Particolarmente a rischio sono i due paesi governati dal nazionalismo di destra, Polonia e Ungheria, che con il loro blocco hanno cercato di ribaltare il meccanismo dello Stato di diritto dell'UE.

Dopo molte discussioni, è stato negoziato un compromesso sotto la guida della Presidenza tedesca del Consiglio e il meccanismo originale dello Stato di diritto è stato integrato da diverse dichiarazioni aggiuntive. A mio parere è una questione aperta come queste aggiunte influenzeranno effettivamente una futura controversia. Tra l'altro, l'Ue ha promesso in una delle dichiarazioni che non avrebbe interferito con l'"identità nazionale" degli Stati membri. Ma come viene definita questa “identità nazionale” nel caso in esame? Innanzitutto, Ungheria e Polonia hanno guadagnato tempo perché il compromesso prevede, tra l'altro, che la Corte di giustizia europea debba attendere una valutazione del meccanismo dello Stato di diritto. È quindi probabile che passerà molto tempo prima che un taglio dei finanziamenti venga effettivamente attuato sulla base del meccanismo dello Stato di diritto. (Per i dettagli sul compromesso, vedere Frankfurter Rundschau – fr.de, 4.12.2020 dicembre XNUMX: "Pacchetto di aiuti dell'UE Corona: Ungheria e Polonia accettano un compromesso - i fondi possono fluire").

può lui stesso Viktor Orban sentirsi un vincitore dopo questo compromesso? Forse di casa in Ungheria alla sua base ma non certo a livello europeo. Qui ha assolutamente cementato la sua reputazione di piantagrane e ostruzionista. In tal modo, ha reso la reputazione del suo paese un disservizio a lungo termine. L'ombra di Orban cade sui visitatori dall'Ungheria in altri paesi dell'UE.  

Potrebbe volerci più tempo, ma il continuo gocciolamento logora la pietra e alcuni elettori di Fidesz vedranno le contraddizioni nelle dichiarazioni del primo ministro ungherese. Su tagesschau.de, questo è riassunto in due brevi frasi: "Orban mantiene l'immagine orribile di un superstato di Bruxelles che deve essere imposto all'Ungheria. Il Paese è uno degli Stati europei che beneficiano particolarmente del denaro dell'UE” (tagesschau.de, 7.7.2021/XNUMX/XNUMX: “La consegna dell'assegno deve attendere”). Tuttavia, c'è da temerlo Viktor Orban e alcuni politici del PiS polacco non diventeranno più democratici europei. Gli equilibri all'interno dell'Unione Europea cambieranno di nuovo solo quando i populisti di destra saranno eliminati dai loro connazionali. Tuttavia, ciò non deve significare che la lotta per lo Stato di diritto e per i valori europei possa fermarsi fino ad allora. Esistono diversi approcci legali e di altro tipo.  

Ai sensi dell'articolo 17 TUE, la Commissione controlla l'applicazione del diritto dell'Unione sotto il controllo della Corte di giustizia dell'Unione europea. È custode dei trattati e soprattutto dei valori europei secondo l'articolo 2 TUE. Visti gli anni di controversie con la Polonia sulla riforma giudiziaria del Paese, questo non è un compito gratificante. La Polonia ha semplicemente ignorato una serie di sentenze della Corte di giustizia. Ma a volte, a quanto pare, succedono ancora segni e prodigi. Condiviso il 7.8.2021/XNUMX/XNUMX Jaroslw Kaczinski, il presidente del partito di governo PiS con che la Polonia voleva la Corte di giustizia a metà luglio d. J. di dare esecuzione alla sentenza e di abolire il controverso Corpo Disciplinare. Questa camera, una parte fondamentale della riforma giudiziaria polacca, ha il potere di destituire qualsiasi giudice o pubblico ministero. Resta da vedere cosa ne sarà delle altre parti della riforma giudiziaria, che la Corte di giustizia ha bollato come violazione del diritto dell'UE.  

A prima vista, l'articolo 7 TUE sembra offrire una grande protezione per i valori elencati nell'articolo 2. Secondo l'articolo 7, il Consiglio europeo può stabilire che un paese membro violi i valori in modo serio e persistente e per questo paese alcuni diritti - fino al diritto di voto in Consiglio - sospendono. Ma uno sguardo più attento rivela che questa possibilità ai sensi dell'articolo 7, paragrafo 2, è in realtà un'arma contundente. La determinazione di una sanzione contro uno Stato membro deve essere unanime. Polonia e Ungheria, le aspiranti prioritarie, si sono già impegnate a vicenda a impedire che nessuno dei due venga ucciso.  

La protezione dei valori europei sulla base del Trattato di Lisbona è un'impresa lunga e prolungata che alla fine potrebbe non fruttare molto. Tuttavia, gli organi preposti alla tutela dei valori, in primis il Parlamento, devono lavorare con pazienza su questa strada. Il gruppo PPE in parlamento ora può diventare chiaro anche dopo che il partito Fidesz di Orban se ne è andato. I governi, che apprezzano molto le sovvenzioni di Bruxelles ma non molto i valori dell'UE, non devono dare l'impressione che l'UE possa essere abbattuta.

Mi sembra che una protezione effettiva contro le violazioni contrattuali avvenga attraverso la sfera pubblica europea. È quindi importante che i media riferiscano costantemente su ciò che sta accadendo, nel bene e nel male, nei singoli Stati membri. Ad esempio, gli agricoltori in Europa dovrebbero sapere come l'Ungheria di Orban ha trovato il modo di utilizzare i soldi di Bruxelles per premiare i loro "fedeli". Nel rapporto del New York Times del 3.11.2019 novembre XNUMX sopra citato Giuseppe Angyan, cita un ex collaboratore del governo Orban: “È un sistema assolutamente corrotto.” tra le persone più ricche del Paese. "Coloro che controllano il paese ottengono milioni dall'UE" (nytimes 3.11.2019/XNUMX/XNUMX: "The Money Farmers: How Oligarchs and Populiists Milk the EU for Millions").  

In merito al rapporto Ue 2021 sullo stato di diritto, anch'esso già citato, il titolo nella voce di Heilbronn del 21.7.2021 - stampato sotto una foto di Viktor Orban - recita "Un bilancio devastante". La legge è stata approvata dal parlamento ungherese il 15.6.2021 giugno 15.6.2021 con i voti del partito Fidesz e del partito di destra Jobbik, che si dice protegga i bambini e i giovani ma in realtà i diritti degli omosessuali e dei giovani transgender sono limitati. Un titolo della Süddeutsche Zeitung recita: "Il parlamento ungherese vota per una legge ostile LGBTQ" (sueddeutsche.de, XNUMX). Un altro titolo cita la dichiarazione del presidente della Commissione Ursula von der Leyen: “Questa legge ungherese è una disgrazia” (sueddeutsche.de, 23.6.2021/24.7.2021/XNUMX). Il New York Times titolava: "In Ungheria, una comunità LGBTQ in conflitto scende in strada" (nytimes.com, XNUMX/XNUMX/XNUMX). Apparentemente Orban ha speculato su questa legge e ha pugnalato in un vespaio. Ora valuterà se permetterà effettivamente agli ungheresi di votare su questa legge in un referendum, come annunciato. Una campagna elettorale guidata dallo stato contro una minoranza può farlo apparire un "eroe" alla sua base, ma un'azione del genere danneggerà ulteriormente la reputazione dell'Ungheria in Europa e oltre. Annotato nella Süddeutsche Zeitung Matteo Kolb in vista delle reazioni del Consiglio europeo: "Finalmente si parla chiaro" (sueddeutsche.de, 25.6.2021).  

Tutti questi titoli e rapporti potrebbero non avere alcun effetto a livello legale. Ma sono necessari e importanti. Non avranno un impatto immediato in Ungheria, dove gran parte dei media è conforme o controllata, ma gli europei ben informati al di fuori dell'Ungheria porranno ai visitatori da lì - e anche dalla Polonia - domande critiche: cosa sta succedendo nel tuo paesi? Perché ci balli sul naso e prendi ancora da Bruxelles i soldi che altri pagano lì? E alcuni dall'Ungheria e dalla Polonia torneranno a casa con queste domande critiche nelle orecchie: cosa sta succedendo nel nostro paese? Anche gli autocrati non governano per sempre. Le prossime elezioni parlamentari in Ungheria si terranno nel 2022 e in Polonia nel 2023.