La sottomissione dell'Ucraina sarebbe un presagio della sottomissione dell'Europa!

Foto caratteristica: bandiere dell'Ucraina e dell'UE | open source

Questo pezzo di opinione è stato scritto da Jean Marsia, Presidente della Società Europea per la Difesa INPV (S€D), Guy Buchsenschmidt, Vice Presidente della S€D, Bruno Smet, Emile Peeter , Roland Guebel, tutti e tre i direttori S€D, insieme scritta.

Il presidente Putin ha invaso l'Ucraina dal 24 febbraio 2022, violando le più elementari regole del diritto internazionale. Molti europei sono frustrati dalla relativa passività dell'Occidente di fronte a questa aggressione, che ha visto soldati e civili ucraini uccisi da truppe russe impazzite. Questi europei sono arrabbiati ma non sorpresi: i nostri militari sono rimasti a guardare e hanno assistito ai massacri di Vukovar e Sarajevo, lasciando il popolo ruandese a un destino crudele. Sanno che le nostre opzioni di azione sono limitate. Il veto della Cancelliera Merkel e del Presidente Sarkozy al Consiglio Atlantico del 2008 a Bucarest significa che l'Ucraina non fa parte della NATO, che può intervenire solo quando minaccia un conflitto globale. Questo potrebbe rapidamente diventare un problema nucleare poiché la Russia ha minacciato di utilizzare queste armi in caso di intervento occidentale. Il Consiglio Atlantico non può che esprimere la sua disapprovazione, ma la presenza di truppe Nato nei paesi confinanti con la Russia, anche se limitata a poche migliaia di truppe, compresi gli americani, sta aumentando la pressione delle sanzioni economiche occidentali.

L'ONU ha condannato in modo schiacciante la Russia, ma alla Russia non sembra importare: non è affatto isolata, Cina, India e gran parte dell'Africa non l'hanno votata. L'Unione Europea (UE) riesce a rimanere unita. Per una volta, ha reagito abbastanza rapidamente. Il contributo degli Stati europei è significativo: anche Germania e Belgio hanno inviato armi e munizioni in Ucraina, il che rappresenta un cambio di rotta radicale. Per la prima volta, l'UE ha attivato il suo Fondo europeo per la pace per acquistare armi per un valore di 450 milioni di euro e forniture mediche per un valore di 50 milioni di euro per l'Ucraina. Lo spazio aereo europeo è chiuso ai russi, Russia Today e Sputnik sono vietati. L'Occidente ha imposto sanzioni economiche su una scala senza precedenti: vietando i visti, congelando i beni di dignitari vicini al Cremlino, sospendendo le esportazioni russe verso i paesi occidentali ad eccezione di diamanti, gas e petrolio, bandendo le banche russe dal sistema di pagamento internazionale. L'elenco è lungo ed è probabile che le implicazioni per la vita quotidiana di russi e occidentali siano significative. Putin probabilmente non se ne preoccupa. La repressione degli oppositori, il bavaglio della stampa, la propaganda e la disinformazione sono serviti al loro scopo. Il "regime" può contare sull'appoggio del parlamento russo, altrimenti i parlamentari sarebbero mandati nel Gulag...

Grazie anche all'aiuto occidentale, la resistenza ucraina è combattiva; i russi sembrano ristagnare nel nord: una colonna di carri armati russi è ferma da diversi giorni sulla strada di Kiev. Gli ucraini mostrano un'ammirevole volontà di difendere il loro paese, anche se costa loro la vita. I padri portano le loro mogli e i loro figli al confine polacco prima di andare in battaglia, sapendo che difficilmente li rivedranno.

Le conseguenze di questa invasione saranno drammatiche. Il suolo ucraino è intriso del sangue dei suoi figli. Chi non può o non vuole fuggire non ha vita facile: deve trovare cibo, accesso all'acqua potabile, cure mediche, riscaldamento, riparo e un nuovo posto dove vivere. Quasi un milione di rifugiati sono già in viaggio verso l'Europa occidentale. Secondo l'ONU, il loro numero potrebbe salire a 5 milioni. Merita lode l'ammirevole solidarietà di polacchi, slovacchi e rumeni che sono in prima linea per accoglierli.

Questa tragedia ha reso il presidente Zelensky uno statista. È stato eletto democraticamente in un processo molto equo e trasparente, con i separatisti filo-russi che hanno ricevuto meno del 10% dei voti.

Putin ha rivelato la sua vera natura: è il prodotto più puro del regime sovietico e soprattutto del KGB. Senza dubbio ha vissuto la caduta dell'URSS come il crollo del sistema che aveva servito diligentemente e che a sua volta gli ha permesso di rialzarsi. Un buon stratega, un bugiardo professionista, un calcolatore e un temuto manipolatore, ha ottenuto il favore del presidente Eltsin e alla fine gli è succeduto. È al potere dal 2000 e ha approvato un emendamento costituzionale in un referendum del 2020 che gli avrebbe consentito di candidarsi per altri due mandati. Quest'uomo misterioso e impenetrabile ha anche un lato paranoico. Sente che se rinuncia al potere, non sarà in grado di godersi un tranquillo pensionamento.

In seguito all'adesione di nove Stati satelliti dell'ex Unione Sovietica, tra cui Polonia e Stati baltici, all'UE e alla NATO, Putin ha espresso un profondo senso di reale o finta insicurezza alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del 2007 e al Consiglio Atlantico di Bucarest del 2008, che ha frequentato. In tal modo, potrebbe cercare di nascondere il suo desiderio di ripristinare il dominio russo su questi stati. Trova l'appartenenza dell'Ucraina a queste due organizzazioni del tutto insopportabile, perché questo paese democratico incoraggia i russi a sfidare la sua dittatura. Ha sempre affermato di aver bisogno di una zona cuscinetto tra il territorio russo e l'Occidente.

Il 26 febbraio 2022, Putin ha minacciato Finlandia e Svezia di "conseguenze militari" se avessero tentato di aderire alla NATO. Ora ha invitato il governo finlandese a impegnarsi in una politica di non allineamento militare, che considera un fattore chiave per garantire sicurezza e stabilità nell'Europa settentrionale. Il giorno successivo, secondo un sondaggio d'opinione, per la prima volta la maggioranza dei finlandesi era favorevole all'adesione alla NATO.

Dopo i tentativi falliti di convincere l'Occidente a negare all'Ucraina l'adesione alla NATO, Putin ha cambiato marcia: l'Ucraina dovrebbe essere "denazificata" e "smilitarizzata" e la popolazione filo-russa del Donbass dovrebbe essere protetta da un "genocidio". A parte questo delirio paranoico, non c'è dubbio che Putin voglia cancellare le umiliazioni subite, se necessario attraverso spargimenti di sangue.

In tutto il mondo, le reazioni all'invasione sono variate. Tradizionalmente, e preoccupata di mantenere le sue relazioni con la Russia, la Cina non ha preso una posizione chiara e non ha appoggiato né la Russia né l'Ucraina. Gli anglosassoni imposero rapidamente sanzioni alla Russia e fornirono all'Ucraina armi e munizioni anticarro e antiaeree. Il 27 febbraio l'industriale Elon Musk telecomunicazioni parzialmente ripristinate in Ucraina con la sua costellazione Starlink.

L'Occidente, compresa la Svizzera, condanna all'unanimità l'intervento russo e blocca i beni russi. Per la prima volta, l'UE mostra la sua solidarietà all'Ucraina. Anche l'Ungheria di Orban ha accettato le sanzioni, perché il popolo ungherese ricorda l'aggressione subita nel 1956. In qualità di presidente francese, membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e presidente a rotazione del Consiglio europeo per il semestre in corso, Macron spera che i negoziati abbiano la precedenza sul tintinnio delle sciabole. Purtroppo questo non è avvenuto. La Germania ha mostrato coraggio mantenendo chiuso il gasdotto NordStream 2 dall'inizio, poiché metà del gas che importa proviene dalla Russia tramite NordStream 1. L'attuale relativa scarsità sta facendo salire i prezzi di gas e petrolio, e quindi dell'elettricità, che colpisce il pozzo -essere della nostra popolazione e della nostra produzione industriale, che risentirà anche della cessazione delle importazioni di materie prime dalla Russia a causa delle sanzioni e dall'Ucraina a causa della guerra.

Il cancelliere Scholz ha reagito duramente all'invasione dell'Ucraina il 28 febbraio al Bundestag e ha formulato una nuova dottrina di sicurezza e difesa. Sostiene l'Ucraina, anche fornendo armi. Crede che la Bundeswehr abbia bisogno di nuove e solide capacità per poter resistere ai russi. A tal fine, sta lavorando alla creazione di un fondo speciale di investimento con un budget di 100 miliardi di euro per il 2022. Vuole lavorare con partner europei. Investirà ogni anno più del 2% del PIL in difesa. Vuole un'Europa libera e aperta, giusta e pacifica e vuole difenderla.

Resta da vedere cosa farà Putin. Sembra voler negoziare una cessazione delle ostilità con l'Ucraina. Ma allora? Attaccherà gli Stati baltici? Polonia? Ciò è improbabile, perché in tal caso la NATO dovrebbe attivare l'articolo 5 del Trattato di Washington, che consente una risposta militare. E quello sarebbe l'inizio della quarta guerra mondiale se prendiamo la guerra fredda come la terza guerra mondiale. Ma alla fine, nulla è impossibile, perché Putin è più imprevedibile che mai e risparmiare la vita ai suoi soldati e al suo popolo non è certamente la sua priorità assoluta. Probabilmente cercherà di costringere tutti i satelliti dell'ex Unione Sovietica e degli stati neutrali, tra cui Svezia, Finlandia e Austria, a non allinearsi. Per ripristinare lo status della Russia come grande potenza militare, Putin ha sacrificato lo sviluppo economico degli ultimi 4 anni, confinandolo allo sfruttamento delle risorse naturali e all'esportazione di armi.

L'Europa deve restare vigile, applicando il proverbio latino: "Si vis pacem, para bellum", se vuoi la pace, preparati alla guerra e affronta le conseguenze economiche di questa grave crisi. Sebbene le forniture di gas sembrino sicure da Algeria, Qatar, ecc., molte attività industriali si fermeranno a causa della carenza di metalli, materiali e tecnici russi o ucraini. La cessazione dei lanci di satelliti europei da parte dei razzi Soyuz da Kourou pone un problema, in particolare per l'Aeronautica Militare e l'Agenzia Spaziale francese in attesa del lancio di un satellite di osservazione della Terra e dell'espansione della costellazione Galileo. L'Europa attenderà il suo servizio di navigazione crittografato e sicuro per il governo e le forze armate.

Accettare uno status neutrale per l'Ucraina significherebbe ignorare il diritto dei popoli all'autonomia, significherebbe prepararsi alla sottomissione dell'Europa. Gli ucraini devono essere aiutati a fermare o addirittura respingere i russi nel miglior modo possibile in modo che possano negoziare da una posizione di forza. I russi stanno causando gravi danni con i loro bombardamenti, ma il morale delle loro truppe sembra essere basso e la loro offensiva non sta procedendo come previsto ovunque.

La quarta guerra mondiale iniziò a Monaco nel 4. Dobbiamo trarne le conclusioni, perché è giunto il momento di riconoscere che la nostra democrazia è minacciata. Ci deve essere una difesa europea all'interno della NATO, cioè un comando politico e militare che presuppone l'unione politica europea, l'indipendenza e l'autonomia. I politici ne parlano da 2007 anni, ma a parte de Gaulle, i nostri leader non hanno fatto nulla di serio per realizzarlo. Dopo l'invasione dell'Ucraina, la maggior parte dei nostri concittadini si è resa conto che la difesa europea è urgente. Facciamo una campagna all'interno dell'S€D per esortare gli europei a chiedere ai nostri rappresentanti politici di cambiare questa situazione.


Jean Marsia è un colonnello in pensione dell'amministrazione militare belga e presidente della Società europea di difesa INPV (S€D). È anche federalista europeo e membro del Comitato federale dell'UEF.

È lì che ho imparato Jean Marsia conoscere e apprezzare. Quindi sono molto contento che ora stia anche scrivendo articoli sul blog di Kümmerle.

Puoi supportare questo blog su Patreon!

2 pensieri su "La sottomissione dell'Ucraina sarebbe un presagio della sottomissione dell'Europa!"

  1. Alcune persone che firmano il manifesto fanno parte dell'inefficienza dell'UE.
    Ho trovato un articolo su ET che voglio lasciare come commento

    [già un collegamento morto il 2 settembre 2022]

    1. Javier, sono totalmente d'accordo con te su questo. Uno stato federale è il prerequisito per le forze armate europee comuni. Senza questo, la NATO è l'unica cosa giusta. E con essa la NATO, una necessaria espansione.

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht.