Bücherregal

GNL | libertà | 1 anno Joe Biden | Fondamenti | Gruppo di dati delle particelle

Foto caratteristica: immagine di S. Hermann & F. Richter | © Pixabay 

Gas Naturale Liquefatto (GNL)

Vincent Neumaier , Omar Zeroual il 21 gennaio 2022 in Wirtschaftswoche è sorta la domanda sul motivo per cui la Germania non ha terminali GNL.

Fortunatamente, ci sono parecchi terminali di gas liquido in altre parti d'Europa, quindi possiamo essere contenti che i terminali previsti nel Mar Baltico non siano stati costruiti. Immagina se le petroliere statunitensi dovessero superare alcuni terminal dell'UE, intorno alla Danimarca e nel Mar Baltico, per poi scaricare lì il loro gas in modo che possa essere trasportato nella zona della Ruhr tramite i nostri gasdotti.

Ma questo non risponde alla domanda sul perché noi in Germania, ad es. B. sul Mare del Nord, non dispongono di tali terminali.

In ogni caso, ci siamo resi dipendenti dal gas russo inutilmente e contro tutti gli avvertimenti dei nostri amici, abbiamo scartato tutte le alternative e i nostri serbatoi di stoccaggio si stanno lentamente svuotando. Probabilmente non saremo in grado di aspettare, ma lo faremo sicuramente! – che tutte le consegne di gas in arrivo in Europa siano prima messe a disposizione di noi tedeschi.

Puoi trovare l'articolo corrispondente in Wirtschaftswoche qui: https://www.wiwo.de/politik/deutschland/fluessigerdgas-importe-warum-deutschland-fast-als-einziges-land-keine-lng-terminals-hat/27994348.html


La libertà sta diventando sempre meno importante per i partiti

Già scritto il 20 settembre 2021 Simone Hass , Kaspar Manz nella Neue Zürcher Zeitung (NZZ) un'interessante valutazione dei programmi elettorali per le elezioni federali dei nostri partiti in Germania: “Il termine “libertà” sta diventando sempre meno importante nei programmi elettorali tedeschi. Nelle ultime due feste, non è quasi mai venuto fuori".

Ora che il nuovo governo è in carica, vale la pena leggere di nuovo questo articolo, senza alcuna campagna in mente.

Ho già detto altrove che sono stati i liberali a rendere socialmente accettabile la necessità della protezione dell'ambiente in Germania per la prima volta. Purtroppo, il FDP non ha potuto affermarsi con corrispondenti concetti e soluzioni attuali e praticabili e ha dovuto lasciare il campo ai puri spacconi, che di recente, ancora una volta al governo, contribuiranno anche a far sì che il nucleare che un tempo tanto demonizzato e che probabilmente diventeranno centrali a gas ancora più dannose in tutta Europa come energia verde.

Non dovrebbe sorprendere nessuno che “le persone” stiano diventando sempre più fuori moda e che i “bambini” stiano diventando sempre più importanti. E più grandi diventano i programmi elettorali, meno vengono letti.

Puoi trovare l'articolo corrispondente nella NZZ qui:

https://www.nzz.ch/visuals/wahlprogramme-bundestagswahl-freiheit-ld.1644576


L'America ha bisogno di un Biden più audace

Emma Ashford disegna il 20 gennaio 2022 nel suo articolo in Foreign Affairs sulla politica estera degli Stati Uniti, primo anno di Joe Bidens presidenza, una conclusione molto sobria. Ammette che il "più esperto funzionario di politica estera degli Stati Uniti" Biden - George HW Bush — ha ammesso, tuttavia, che dopo quattro anni è stato molto difficile Donald Trump creare nuovamente la fiducia necessaria per poter agire a livello internazionale.

Nel suo articolo, però, elenca alcuni dei successi che nel frattempo sono stati raggiunti, senza tralasciare i passi falsi che l'amministrazione Biden ha già compiuto.

La tua conclusione è quella Joe Bidens la politica estera è ancora troppo cauta e antiquata, il che è prevedibile dopo oltre 40 anni nell'establishment politico. Ecco perché gli chiede di essere un po' più coraggioso nelle sue decisioni di politica estera.

"La buona notizia per i funzionari dell'amministrazione è che queste decisioni rischiano di essere meno costose dal punto di vista politico di quanto potrebbero presumere. Ci sono molti aspetti negativi della polarizzazione interna, ma c'è un lato positivo, ovvero la relativa libertà d'azione".

Ecco l'articolo pertinente in Affari esteri:

https://www.foreignaffairs.com/articles/world/2022-01-20/america-needs-bolder-biden


Fondamenti

Non intendo il mio articolo su di loro Fondamenti europei, che ho pubblicato anche su questo blog lo scorso anno, ma faccio riferimento al libro 2021 del Premio Nobel per la Fisica del 2004, Frank Wilczek, che ha pubblicato con il sottotitolo "Dieci chiavi della realtà".

Entra nelle basi del nostro mondo e vuole renderle il più facili e comprensibili possibile per il lettore. Durante la lettura dovevo inevitabilmente farlo spesso Stephen Hawkings già pubblicato nel 1988 il libro "Una breve storia del tempo", che anch'io ho davvero divorato.

Da allora è passato molto tempo e non solo il nostro mondo è andato avanti, ma anche la nostra scienza si è ulteriormente sviluppata. Ed è così Frank WilczekIl lavoro più recente è stato scritto più per i profani come me per dare loro un aggiornamento sullo stato attuale delle conoscenze.

Non posso dire se gli esperti o anche i fisici irriducibili saranno contenti di questo libro; ma sospetto che, da un punto di vista molto umano, forse lo criticheranno come un po' troppo banale.

Ma per la persona media, è solo la giusta dose di scienza per ottenere una migliore comprensione del nostro mondo, ben oltre la politica e la TV spazzatura - e forse questa nuova comprensione porterà anche a un cambiamento nelle proprie azioni.

Ciò che mi piace particolarmente di questo libro è che cita poeti e filosofi nel libro, che mi piace leggere io stesso, e quindi fa ripetutamente riferimento alla "realtà percepita" e, del tutto incidentalmente, testimonia il fatto che la curiosità non conosce confini né aree tematiche.

E quindi è inevitabile che lui Ray Cummings con un bon mot citato, che ho già inserito nel mio contributo Cambio di tempo hanno utilizzato.

E per rendere il libro un po' più curioso, cito Frank Wilczek (2021: 47) stesso: "Il tempo è ciò che misurano gli orologi, e tutto ciò che cambia è un orologio".

Trovate il libro su Amazon qui: https://amzn.to/343hWEv


Gruppo di dati delle particelle

Consigliato a tutti coloro che vogliono approfondire l'argomento dopo aver letto il libro di cui sopra Frank Wilczek Il sito Web del Particle Data Group: "Il Particle Data Group (PDG) è una collaborazione internazionale che fornisce un riepilogo completo della fisica delle particelle e delle aree correlate della cosmologia: il Revisione della fisica delle particelle. "

Per me questo è già troppo di una buona cosa.

Ecco il sito Web di Particle Data Group: https://pdg.lbl.gov


"Mi sono sforzato di essere chiaro che la scienza ci insegna ciò che è, non ciò che dovrebbe essere. La scienza può aiutarci a raggiungere i nostri obiettivi, una volta scelti, ma non sceglie i nostri obiettivi per noi".

Frank Wilczek, Fondamenti (2021: 227)

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht.