pensieri trilli

Foto del post: Scarabeo con bandiera | © Shutterstock

Ho seguito il trillo di oggi con grande interesse perché era in onda pubblica. Ma poi, immediatamente e parallelamente alle dichiarazioni dei tre rappresentanti del partito, ho dovuto premere di nuovo i tasti, il mio modo di elaborare mentalmente l'intera faccenda.

socialismo

Anche un socialismo democratico, cioè quello che non vuole abolire in modo rivoluzionario l'economia di mercato e la democrazia, deve sempre chiedersi se e fino a che punto è ancora rispetto al nostro ordine di base democratico libero.

La socialdemocrazia - originariamente un contro-concetto - non è ancora riuscita a prendere le distanze completamente dal socialismo. Al contrario, continuano a blaterare di coalizioni socialiste.

I partiti di sinistra e quelli verdi sono un po' più chiari e chiedono ripetutamente, più o meno, la completa privazione dei diritti dei cittadini. O per ragioni "sociali" o "ecologiche", ma sempre motivate dal totalitarismo.

conservatorismo

Una direzione politica che, curiosamente, qui non esiste più, poiché i partiti sindacali in realtà sono stati fin dall'inizio solo un'alternativa borghese alla socialdemocrazia, sia "cristiana" che "sociale", e affermano di essere del tutto sul campo per reggersi dal nostro ordine di base democratico libero. Sfortunatamente, fin dall'inizio, questa affermazione è stata ripetutamente sventata dai membri del partito "nazionalsocialista", che regolarmente si lamentavano delle coalizioni nazionali di destra.

Comune

Tutti questi partiti, forse con l'eccezione dei Verdi, hanno una cosa in comune, vale a dire che vogliono ufficialmente lottare per e tutelare il benessere di tutti i cittadini, sia per ragioni sociali che cristiane. Costruiscono la loro esistenza politica proprio su questa promessa di "prosperità per tutti".

Come tutti dobbiamo riconoscere, queste parti in particolare non possono mantenere questa promessa.

liberalismo

Sfortunatamente, una direzione politica che, come il conservatorismo, qui non esiste quasi più. Decenni fa, i Liberi Democratici, che affermano ripetutamente di rappresentare il liberalismo, si sono impegnati nell'economia sociale di mercato in cambio dei partiti e delle correnti di cui sopra, e giustamente.

Ma sono ancora i Liberi Democratici a insistere sul fatto che noi cittadini non dobbiamo essere completamente incapaci e vogliamo anche dare respiro al mercato.

Forse, o anche molto probabilmente, l'unico modo per rendere realtà le promesse di "prosperità per tutti" delle altre parti.

corrente principale

Come previsto, al Triell si adattava perfettamente al fatto che i tre rappresentanti del partito presentati provenissero tutti dall'esteso “ambiente socialdemocratico”; in realtà un partito di unità tripartito: il SuperGroKo.

Speriamo solo che tutti e tre i rappresentanti del partito continuino a tenere sotto controllo i loro margini sinistro e destro, per il bene della nostra democrazia.

sostenibilità

Tuttavia, raggiungeremo il progresso politico solo se le due principali correnti politiche, vale a dire il conservatorismo da un lato e il liberalismo dall'altro, avranno l'opportunità di strofinarsi nuovamente l'una contro l'altra. In ogni caso, questo duello sarebbe più interessante e sicuramente più produttivo.

fiducia e solidarietà

La fiducia viene attraverso le azioni, non le parole! E se la pandemia di COVID-19 ci ha mostrato qualcosa, è che solidarietà è solo una bella parola.


"POLITICA, n. Un conflitto di interessi mascherato da concorso di principi. La conduzione degli affari pubblici a vantaggio privato».

Ambrose Bierce, Il dizionario del diavolo (2020 [1911])

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato