Lettera di Natale 2011

Foto del post: immagine di esempio | © Pixabay

L'anno si avvicina rapidamente alla fine, il quarto Avvento è alle porte e per la settima volta ne approfitto per scriverti una lettera di Natale. 

Le decisioni di vasta portata e sicuramente gravi prese in questi giorni dagli Stati membri dell'Unione Europea sono tra i momenti salienti di un anno molto turbolento. I dittatori se ne sono andati e nuovi sono alle porte. Il cambiamento climatico provocato dall'uomo mostra sempre più i suoi orrori e non tutti i progressi tecnologici sembrano gestibili. Le banche collegate a livello internazionale hanno bisogno di ulteriori aiuti di Stato, che la maggior parte degli stati non può più gestire da sola con le loro precedenti politiche del debito. Di conseguenza, le economie di tutti i paesi stanno soffrendo e, di conseguenza, anche le più deboli in tutte le società stanno soffrendo sempre di più. Inoltre, il nazionalismo e cose ancora peggiori sembrano tornare ad essere accettabili nel nostro Paese.

Tutto sommato, non c'è certo fine all'anno che può darti una grande gioia e pace interiore. Tuttavia, continuo a mantenere saldo il nostro obiettivo comune, l'idea europea di un mondo pacifico: un mondo democratico, federale e costruito a beneficio di tutte le persone.

Man mano che stiamo diventando sempre più consapevoli, questo mondo e la nostra nuova Europa non esisteranno per niente. Un'"Isola dei Felici", anche se limitata a una groppa d'Europa, non può e non esisterà!

Le sfide del nostro tempo sono troppo grandi per poterle superare da soli. Siamo felicemente uniti, che ci piaccia o no, così come il Regno Unito.

Inoltre, dobbiamo riconoscere ancora una volta che il presunto più forte sostiene il più debole: fraternità, solidarietà e carità sono valori che non si applicano solo a quelli di uguale forza. È risaputo che una catena è forte solo quanto il suo anello più debole. E se pensi di poter semplicemente tagliare l'anello più debole, ti ritroverai presto in un circolo vizioso.

Ma anche coloro che sono presumibilmente più deboli devono fare la loro parte per renderlo un grande successo. Nessuno stato sociale e l'Europa sociale non devono essere una strada a senso unico! Dobbiamo far sì che gli anelli più deboli siano "adatti alla vita"; e più tardi inizieremo, più doloroso sarà per tutti i soggetti coinvolti. 


"L'odio genera odio e l'amore genera amore".

come Neill, Summerhill School: una nuova visione dell'infanzia
(1995 [1960]: 13)

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato