maniaco del lavoro

maniaci del lavoro

Foto del post: maniaco del lavoro | © Shutterstock

Dopo aver realizzato che una presunta poesia Rainer Maria Rilkes, che da qualche anno circola su internet, in realtà da Lars van Roma Comprai subito il suo libro di poesie. Le poesie di Van Rome sono scritte fresche di vita e coprono alcuni decenni di storia della vita, quindi è facile per i contemporanei abbandonarsi ai propri ricordi. Insomma, un volume di poesie che è sempre un piacere raccogliere e che sa sorprendere anche se letto più volte.


maniaci del lavoro

Con il lavoro è così sulla terra:
può diventare un vizio molto rapidamente!
Non conosci i fiori che odorano
puoi solo lavorare e faticare!

Così vanno, gli anni più belli,
finché finalmente ti sdrai sulla barella,
e dietro di te la morte sorride:
"Distrutto, idiota!"


Lars van Roma Secondo le sue stesse dichiarazioni, ha scritto la poesia nel 1979-1980, ma il suo manoscritto corrispondente risale al 1991.

Se questa poesia stuzzica il tuo appetito, allora van Rome sarebbe felice se tu leggessi il suo libro di poesie Compagnia indecente, che include anche la poesia di cui sopra.


Avevo anche pubblicato la poesia su un altro sito web in una raccolta di poesie che conservo, dove è stata la poesia più letta della raccolta dal 2014 al 2017.


"Suppongo di avere un'interpretazione molto ampia di 'lavoro' perché penso che essere vivi sia così tanto lavoro in qualcosa che non sempre vuoi fare. Nascere è come essere rapiti. E poi venduto come schiavo. Le persone lavorano ogni minuto. I macchinari sono sempre in funzione. Anche quando dormi."

Andy Warhol, La filosofia di Andy Warhol (1977: 96)

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht.