mascherata

30.4.02022

Foto del post: Masquerade | © Pixabay

circolare

Mi è già stato chiesto dove sia la newsletter mensile dell'EUROPA-UNION, visto che la Settimana dell'Europa è alle porte. Mi piace scrivere, ma come faccio a trovare le parole giuste in questa situazione? I lettori del blog sono abituati alle mie parole franche, altrimenti non continuerebbero a tornare qui.

Mi piacerebbe molto essere ancora un po' più chiaro nella newsletter in arrivo, l'unica domanda è quanto puoi ancora aspettarti dai destinatari oggi? Ma sono già abituato al fatto che le mie newsletter possono anche portare l'una o l'altra a cancellarsi da esse.

Lentamente ma inesorabilmente il villaggio di Potemkin che tutti noi abbiamo costruito così magnificamente sta cadendo a pezzi e a pezzi dalla nostra reputazione nel mondo, che non è mai stata la migliore, probabilmente rimarranno solo macerie e un ambiente distrutto. E questa volta siamo anche riusciti a farlo senza partecipare direttamente o iniziare una guerra. Chapeau, cari politici professionisti!

Non può davvero andare peggio di così. Nel peggiore dei casi, il Bundestag e un governo in esilio ci governeranno dalle Hawaii; dovrebbero esserci ancora sufficienti riserve auree negli Stati Uniti.

debito di guerra

Non c'è dubbio che la Federazione Russa sia responsabile dell'attacco illegale all'Ucraina, iniziato per inciso già nel 2014 (!). Dal momento che questi da Vladimir Putin e i suoi fedeli - non è solo un uomo solo - sono governati, si possono nominare queste signore e signori a nome di tutti i russi e, ancora meglio, presentarle davanti a un tribunale internazionale.

Il grande vantaggio di un tale tribunale è che l'intera questione può essere ben preparata e analizzata. ha da decenni Vladimir Putin anche in Occidente si è allungata una rete criminale di cospirazioni e preparativi per una guerra di aggressione. Perché senza i suoi complici occidentali, in primo luogo, l'attacco all'Ucraina non sarebbe stato possibile.

Trovano questi complici in tutto il mondo occidentale, ma per noi tedeschi è ancora una volta un grande peccato essere tra i principali sostenitori, se non tra i garanti, di questa guerra di aggressione — e noi tedeschi siamo di nuovo gli stessi, che rimanere fedeli ai loro "cognati socialisti" fino alla fine. I popoli che (felicemente) annoverano Stalin e Hitler tra i loro politici di maggior successo oggi hanno molto più in comune di quanto alcuni vorrebbero ammettere.

E quindi mi auguro che ci sia un tribunale internazionale che poi chiarisca anche la questione della complicità in questo omicidio di massa del tutto insensato. Quella Gerhard Schröder , Angela Merkel appartieni ad essa, nessuno vorrà più dubitarne. E piace anche ai rappresentanti del governo in carica Olaf Scholz e anche il Presidente Frank-Walter Steinmeier sono inclusi.

Questi avrebbero Vladimir Putin ma non avremmo potuto sostenerlo così con successo se il GroKo non fosse esistito per questo - ora sappiamo anche lo scopo reale di una tale grande coalizione, dal momento che ci siamo sempre chiesti cosa vuole ottenere.

E così sono i numerosi politici di GroKo dell'Unione e dell'SPD, nonché alcuni primi ministri, la cui partecipazione a questi preparativi bellici aggressivi dovrebbe essere esaminata più da vicino (i ministri della Difesa sono già ufficialmente responsabili).

Ma come nel Terzo Reich, senza gli innumerevoli concittadini che si sono messi volentieri a disposizione a tutti i livelli, questo lavoro di squadra non sarebbe stato possibile. E anche a Heilbronn, coloro che sono fedeli a Putin continuano a mantenere le loro convinzioni, così magnificamente menzionate all'inizio della guerra con il Conclusione di un nuovo gemellaggio di città sono stati celebrati.

Lettera aperta

Il quadro si adatta e i miei pregiudizi sono confermati ancora una volta. Il fatto che questa lettera sia pubblicata anche su EMMA è logico. E anche quello Dieter Nur, uno degli altri illustri co-firmatari, ha da tempo superato il suo apice, ha vissuto a lungo di semplice bullismo e ora sta davvero facendo di tutto per mantenere viva la conversazione.

“Al contrario, vi esortiamo a fare tutto il possibile per garantire che un cessate il fuoco possa essere raggiunto il prima possibile; a un compromesso che entrambe le parti possono accettare”.

LETTERA APERTA AL CANCELLIERE OLAF SCHOLZ

È lui Alice Schwarzer come vive e respira. Un crimine è un crimine solo se l'autore o la vittima ha "le inclinazioni politiche sbagliate". Di conseguenza, le donne o gli uomini non dovrebbero comportarsi in questo modo quando vengono violentati e almeno come compromesso dovrebbero consentire al “benefattore” qualche stupro.

“Il secondo confine è il livello di distruzione e sofferenza umana tra i civili ucraini. Anche la legittima resistenza contro un aggressore è a un certo punto in una sproporzione intollerabile".

LETTERA APERTA AL CANCELLIERE OLAF SCHOLZ

Difficilmente si può dire in modo più bello, perché più un assassino di massa uccide in modo massiccio e crudele, più velocemente la vittima perde ogni diritto all'autodifesa.

"... affrontare l'aggressore originario e non anche coloro che, con gli occhi sbarrati, gli forniscono un motivo per un'eventuale azione criminale." 

LETTERA APERTA AL CANCELLIERE OLAF SCHOLZ

E c'era anche da aspettarsi che alla fine gli americani, i capitalisti e tutti gli altri che vogliono difendersi, saranno gli aggressori e i poveri Vladimir Putin Fornisci il motivo "con occhi che vedono" - in realtà solo per la sua autodifesa (SIC!). E tutto ciò che Putin fa o potrebbe fare è solo “possibilmente criminale”.


Rivista ZDF Royal

La potente rete di propaganda russa

compleanni del giorno

Franz Lehar e Carl Friedrich Gauss

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht.