Lo stato di diritto della Corte di giustizia

Immagine in primo piano: bandiera polacca e ungherese | © Shutterstock

Simile al mio articolo precedente "Insolita insicurezza in America: l'Europa deve diventare più dinamica“del 24 febbraio 2022, la crisi ucraina, che Putin ha ora ampliato in una guerra che viola il diritto internazionale, mette in ombra anche la mia presentazione di oggi. Dal punto di partenza di questo documento, la sentenza della Corte di giustizia del 16.02.2022 febbraio 2 contro Polonia e Ungheria, c'è un collegamento diretto con la guerra di Putin. Come può essere attuata la sentenza della Corte di giustizia, che mira a proteggere i valori europei ai sensi dell'articolo XNUMX TUE, in un momento in cui la guerra di Putin ha portato una svolta in Europa? La Polonia e l'Ungheria riconosceranno le opportunità che si trovano nella nuova unità della NATO e dell'UE e impareranno di nuovo a pensare e ad agire in termini europei? Tutto è ancora aperto.

La sentenza dello Stato di diritto della Corte di giustizia - L'attacco di Putin all'Ucraina - la svolta riserva un'occasione per i "peccatori costituzionali"

Finalmente! È stata la mia prima reazione. Infine, l'Unione Europea ha uno strumento per proteggere il suo catalogo di valori. La Corte di giustizia ha reso chiare dichiarazioni il 16.02.2022 febbraio XNUMX: "Poiché il rispetto dei valori comuni è un prerequisito per godere di tutti quei diritti che derivano dall'applicazione dei Trattati a uno Stato membro, l'Unione deve poterlo fare anche per difendere questi valori nell'ambito dei compiti che gli sono assegnati". E se c'è una "connessione reale" qui, potrebbe collegare il pagamento a condizioni appropriate (sueddeutsche.de, 16.02.2022 febbraio XNUMX: "L'UE potrebbe tagliare i pagamenti a Polonia e Ungheria"). 

Polonia e Ungheria non sono innocenti agnelli, ma piuttosto clienti abituali della Corte di giustizia. Ho trovato "audace" che abbiano intentato una causa contro il meccanismo dello stato di diritto presso la più alta corte europea. Ma i loro governi probabilmente volevano anche dimostrare al proprio popolo di aver “combattuto duramente”, perché alla fine erano in gioco molti soldi da Bruxelles. 

Dopo la sentenza della Corte di giustizia, spetta ora alla Commissione emanare le linee guida per l'attuazione del regolamento sulla condizionalità dello stato di diritto, che è stata confermata dal tribunale. Il Parlamento farà sicuramente in modo che questo o quel capo di governo in Consiglio non tenti di disinnescare subito il nuovo strumento per costruire un ponte d'oro per i "peccatori dello Stato di diritto". Questo pericolo esiste perché la guerra di Putin ha cambiato il mosaico di Stati europeo, l'architettura di sicurezza europea e la posizione e il peso dei singoli Stati membri. Da un lato, Germania e Francia sono ancora più chiamate ad assumere un ruolo di primo piano nell'UE. Gli stati membri dell'Europa dell'Est vedono i loro avvertimenti sugli obiettivi di Putin confermati ancora più di prima. Gli effetti della svolta europea sull'attuazione pratica del nuovo meccanismo dello Stato di diritto saranno discussi altrove in questo documento. 

La Corte di giustizia dichiara che il meccanismo dello Stato di diritto è pienamente legale

Il giorno della sentenza – 16.02.2022 febbraio 28 – la Corte di giustizia ha pubblicato un comunicato stampa di tre pagine (n. 22/XNUMX) in cui ha presentato per la prima volta gli sviluppi e i precedenti che hanno portato alla decisione del tribunale. Il comunicato stampa è un vero tesoro per gli europei convinti. In esso, i contesti legali in realtà aridi vengono tradotti nel pensiero europeo e nella politica europea pratica:

"Nei due casi, Ungheria e Polonia si sono sostenute a vicenda, mentre Belgio, Danimarca, Germania, Irlanda, Spagna, Francia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Finlandia, Svezia e la Commissione sono intervenute a sostegno del Parlamento e del Consiglio." (Anche questo l'elenco mostra quanto Polonia e Ungheria si siano isolate nella discussione sui valori nell'UE). 

“Su richiesta del Parlamento, la Corte di giustizia ha trattato questi casi secondo la procedura accelerata. Inoltre, le cause sono state deferite alla sessione plenaria della Corte di giustizia perché sollevano una questione di fondamentale importanza, vale a dire la misura in cui l'Unione ha il potere, ai sensi dei Trattati, di tutelare il proprio bilancio e gli interessi finanziari contro violazioni negli Stati membri Stato dei principi dello Stato di diritto è violato”.

Comunicato stampa della Corte di giustizia (n. 28/22)

L'obiettivo della norma generale sulla condizionalità è principalmente "proteggere il bilancio dell'Unione da svalutazioni che derivano sufficientemente direttamente da violazioni dei principi dello stato di diritto, e non è punire tali violazioni in quanto tali". a tutela dei valori dell'Unione Europea sanciti dall'articolo 2 TUE. La tutela del bilancio dell'UE e della sovvenzione in esso contenuta è lo strumento per garantire nella pratica la tutela dei valori.

Al riguardo, la Corte di giustizia sottolinea che la fiducia reciproca tra Stati membri si basa sul rispetto dei valori comuni su cui si fonda l'Unione. Questi valori sono stati definiti dagli Stati membri e sono ad essi comuni. Conferiscono all'Unione come comunità giuridica degli Stati membri il loro carattere. Includono lo stato di diritto e la solidarietà. Poiché il rispetto dei valori comuni è quindi un prerequisito per godere di tutti i diritti derivanti dall'applicazione dei Trattati ad uno Stato membro, l'Unione deve poter difendere tali valori anche nell'ambito dei compiti ad essa affidati. "

Comunicato stampa della Corte di giustizia (n. 28/22)

Una scoperta importante – le piace principalmente il governo ungherese e Viktor Orban finalizzato a trasformare l'Ungheria in una democrazia illiberale: l'obbligo di rispettare i valori non può limitarsi al momento dell'adesione all'Unione, a cui un Paese candidato può poi rinunciare. Sembra una cosa ovvia: rispettare e proteggere i valori dell'UE è un obbligo costante per le istituzioni e gli Stati membri. È positivo e sensato che ciò sia stato espressamente formulato dalla Corte di giustizia.

In un'altra sezione della decisione, la CGUE ha impartito ai governi di Varsavia e Budapest una lezione virtuale su come definire lo stato di diritto e il contenuto concreto dei valori dell'UE: “... nella misura in cui Ungheria e Polonia hanno sostenuto che c'era una violazione del principio di certezza del diritto - in particolare nella misura in cui il regolamento non definisce né la nozione di "Stato di diritto" né i principi ad essa relativi - che i principi citati nel regolamento quali componenti di tale nozione sono stati ampiamente precisati nella causa -il diritto della Corte di giustizia, che tali principi hanno le loro radici in valori comuni, riconosciuti e applicati anche dagli Stati membri nei propri ordinamenti giuridici, e si basano sulla comprensione dello "stato di diritto" condiviso e sottoscritto dagli Stati membri in termini di valore comune alle loro tradizioni costituzionali. Di conseguenza, la Corte ritiene che gli Stati membri siano in grado di determinare con sufficiente precisione l'essenza di ciascuno di tali principi e i requisiti che ne derivano. 

E infine l'ultima sentenza decisiva della sentenza: "Nelle circostanze, la Corte respinge integralmente le pretese di Ungheria e Polonia". (tutte le citazioni da: Comunicato stampa della Corte di giustizia n. 28/22).

"Il verdetto è molto chiaro. Il nuovo meccanismo dello Stato di diritto può essere implementato", riferisce tagesschau.de il 16.02.2022 febbraio XNUMX ("il meccanismo dello stato di diritto è legale"). Espresso in modo simile Thomas Kirchner in un commento nel Giornale della Germania meridionale

“Politicamente, questa sentenza invia un segnale inequivocabile: l'Ue non si lascerà ingannare da governi che non tengono conto dei valori comuni essenziali; Selezionare e disciplinare i giudici in base al gusto o molestare i media liberi. Adesso ha le armi in mano, non deve più sopportare i trucchi e le manovre ingannevoli che la Polonia, ad esempio, usa da anni per insabbiare le sue intenzioni e giocare per tempo. L'UE potrà esistere solo come comunità che può essere difesa. All'esterno manca molto, ma all'interno lei è sulla strada giusta". 

sueddeutsche.de, 16.2.22 febbraio XNUMX: "Armeria completa", commento di Thomas Kirchner 

Ma Kirchner è sospettoso sull'attuazione del verdetto:

 “Ma essa (l'UE) non ha ancora raggiunto il suo obiettivo. Lo dimostra la reazione della Commissione Ue. Intende "analizzare attentamente" il verdetto prima di iniziare a sviluppare linee guida per l'attuazione del nuovo meccanismo. Come se questi non potessero essere preparati molto tempo fa, dopotutto era prevedibile come avrebbe deciso il Lussemburgo. Al Parlamento europeo, dove mercoledì il presidente della Commissione von der Leyen non si è presentato a un dibattito sull'argomento, la gente è giustamente indignata. La Commissione potrebbe avere ragioni tattiche per farlo, come le imminenti elezioni in Ungheria, ma non può essere che la sua esitazione sulle questioni dello stato di diritto sembri un metodo". 

sueddeutsche.de, 16.2.22 febbraio XNUMX: "Armeria completa", commento di Thomas Kirchner 

Un avvertimento notevole, che assume un significato particolare dopo la svolta europea con la guerra di Putin contro l'Ucraina. 

La sentenza della Corte di giustizia è stata osservata ben oltre l'Europa. Nel New York Times si fa riferimento allo stesso ostacolo in attuazione: "La tempistica della decisione del tribunale rende il verdetto politicamente esplosivo. Tra poche settimane ci saranno le elezioni in Ungheria e l'UE sta cercando di stringere i ranghi di fronte all'aggressione russa contro l'Ucraina (Putin non aveva ancora iniziato la guerra calda al momento del verdetto)…” (nytimes.com, 16.002.2022 febbraio XNUMX: "Le principali regole della Corte europea L'UE può congelare gli aiuti a Polonia e Ungheria"). Il rapporto del NYT cita Daniel Freund, eurodeputato Verde, affermando: “La crisi ucraina sta attirando l'attenzione su questo processo (l'attuazione della sentenza della Corte di giustizia); ci saranno forti sforzi verso l'unità se la situazione in Ucraina dovesse degenerare”. Questa paura è diventata ancora più attuale il 24.2.2022 febbraio XNUMX, quando le truppe russe hanno attaccato l'Ucraina in violazione del diritto internazionale. I vicini Stati membri dell'UE, tra cui Polonia e Ungheria, sono diventati il ​​bersaglio diretto dei rifugiati dall'Ucraina e stanno svolgendo un lavoro straordinario nell'accoglienza e nell'alloggio di questi ultimi: questo deve essere apprezzato. Diventa problematico quando fanno proposte pubbliche che non sono state coordinate nella NATO o nell'UE, come l'appello del politico del PiS e del vicepremier polacco Jaroslaw Kaczynski, alla NATO per istituire una forza armata di protezione della NATO per proteggere i trasporti umanitari verso l'Ucraina. Putin sta aspettando proprio questi sforzi da solista per spezzare il fronte chiuso della NATO e dell'UE.

Questo è uno dei punti di collegamento tra la questione originaria – la sentenza della Corte di giustizia della Corte di giustizia – e la guerra di Putin, di cui parlerò più dettagliatamente nelle prossime sezioni. Sorge la domanda quasi macabra, se di tutte le persone Vladimir Putin, che sta facendo di tutto per indebolire la NATO e l'UE, contribuirà a garantire che i "trasgressori costituzionali" come Polonia e Ungheria siano risparmiati dalle sanzioni dell'UE? Putin come "protettore" e "liberatore" dei presunti perseguitati dalla dittatura a Bruxelles? Un'idea ridicola. Dovrebbe esserci un'altra soluzione al problema dello Stato di diritto nell'UE.

La guerra illegale di Putin: la svolta

Nei mesi precedenti l'invasione russa dell'Ucraina, ci furono molte speculazioni sui media sul fatto che Putin avrebbe effettivamente osato usare la forza bruta per invadere l'Ucraina, che ha descritto come una nazione fratello, 77 anni dopo la fine della seconda guerra mondiale in Europa per scatenare una guerra calda. L'idea di una guerra era altrettanto inimmaginabile per gli anziani, che avevano ancora vissuto per vedere la fine della guerra nel 1945, e anche per i più giovani, cresciuti in un continente in via di estinzione ma pacifico. 

Ma i veri esperti Putin ed esperti del Cremlino non escludevano più il pericolo di una guerra in Europa. "Se Putin vuole una Grande Russia, ora sarebbe il momento", con didascalia Sonja Zekri il loro rapporto nel Giornale della Germania meridionale (sueddeutsche.de, 21.02.2022/XNUMX/XNUMX). Il presidente russo ha ripetutamente lamentato il declino della Russia come grande potenza alla fine della Guerra Fredda. Il giornalista Lopez tedesco citato nel New York Times una dichiarazione più recente di Putin, che ha descritto la caduta dell'Unione Sovietica come "la più grande catastrofe geopolitica del secolo' denotava e sottintendeva che desiderava invertire questo crollo. "Le lamentele di Putin hanno una base meno ideologica - non è comunista e non governa come tale - è preoccupato per i propri interessi: vuole assicurarsi il suo potere e si aspetta ancora più sostegno in patria da un'espansione della sfera di influenza globale della Russia." (nytimes.com – Il mattino, 27.02.2022/XNUMX/XNUMX: "Una guerra alle democrazie"). 

Ma Putin è anche guidato da idee ideologiche. Michele Zigar, giornalista russo e autore del libro “Tutti gli uomini del Cremlino – Dentro la corte di Vladimir Putin” – lo descrive in un articolo ospite del New York Times quello del caro amico e consigliere di Putin, nonché azionista della Rossiya Bank. Yuri Kovalchuk sviluppato idee per riconquistare la grandezza della Russia. Kovalchuk ha un dottorato in fisica, ma non è solo un uomo di scienza, ma anche un ideologo la cui visione del mondo è fatta di misticismo cristiano ortodosso, teorie del complotto anti-americane ed edonismo. (Edonismo: insegnamento etico della filosofia greca, secondo il quale il fine più alto di ogni comportamento umano nel mondo è lo stato di felicità dell'anima (sa Epicuro); Fonte: Enciclopedia Duden in 3 volumi, Mannheim 1976).

Zygar scrive nel suo editoriale del NYT che, secondo i consiglieri, Putin ha completamente perso interesse per il presente negli ultimi due anni. Le questioni economiche, sociali e la pandemia lo disgustavano. Invece, lui e Kovalchuk sono ossessionati dal passato (nytimes.com, 10.03.2022/XNUMX/XNUMX: “Come Vladimir Putin ha perso interesse per il presente”).

Allo stesso modo scrive Frank Nienhuysen nel suo commento nel Süddeutsche Zeitung: “La Russia sta cercando di riconquistare i suoi vicini sicuri di sé facendo tintinnare le loro sciabole. Ma l'intimidazione non riparerà un impero distrutto." (sueddeutsche.de, 23.02.2022/XNUMX/XNUMX: "Le armi di Putin di ieri"; commento di Frank Nienhuysen).

Diede gli ordini di marcia alle sue truppe d'invasione con una conferenza molto selettiva sulla storia russa e ucraina. Sonja Zerki cita un proverbio sovietico: "Il passato è in continua evoluzione." Citato in un altro commento di SZ Paul Anton Krueger il Cancelliere tedesco, che dopo la sua conversazione di diverse ore con Putin a Mosca ha affermato che lui, Scholz, appartiene a una generazione per la quale la guerra in Europa era diventata impensabile. "Questo dovrebbe essere inteso più come un appello morale che come una descrizione della situazione' osserva Krueger. "Perché nessuno incarna il fatto che la guerra e la sua minaccia in Europa siano tornate da tempo un mezzo di politica rispetto all'uomo che stava accanto a Scholz al Cremlino: il presidente della Russia Vladimir Putin.“(sueddeutsche.de, 20.02.2022 febbraio XNUMX: "Solo Putin sa se ci sarà una guerra").

E infatti, quando si visita Olaf Scholz a Mosca il 15.02.2022/XNUMX/XNUMX e anche durante la precedente visita di Emmanuel Macron il 7.02.2022 febbraio XNUMX, i piani di attacco russi erano attesi da tempo. Putin ha presentato i suoi due visitatori, fingendo che ci fosse ancora una possibilità per la pace. Macron ha chiamato ripetutamente Putin prima e dopo la sua visita a Mosca e ha avuto più contatti con lui di qualsiasi altro capo di governo occidentale. il Onda tedesca riferisce che i diplomatici francesi hanno concluso che il capo del Cremlino non era contrario a impegnarsi in colloqui con Parigi e altre capitali europee. E questo nonostante il suo originario rifiuto di parlare con gli europei e solo con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden essere riconosciuto come partner negoziale (DW, 6.02.2022/XNUMX/XNUMX:  "L'offensiva diplomatica di Macron a Mosca"). La visita di Scholz a Mosca, una settimana dopo, è stata descritta nel Tagesschau come "l'ultima possibilità di pace?", anche se con un punto interrogativo (tagesschau.de, 15.02.2022/XNUMX/XNUMX: "Ultima possibilità di pace?").

Putin ha impostato la NATO come uno spauracchio, invocando la presunta minaccia alla Russia dalla NATO come pretesto per l'attacco all'Ucraina, anche se Scholz e altri gli avevano detto che l'adesione dell'Ucraina alla NATO non era attualmente un problema, e sebbene provenisse da La parte della NATO è stata più volte dichiarata di non voler intervenire nella guerra.

Pochi giorni dopo, il 24.02.2022 febbraio XNUMX, Putin ha scatenato la furia della guerra e ha dato l'ordine di marcia per la sua “operazione militare speciale” contro tossicodipendenti e neonazisti. Chiunque parli di guerra in Russia deve aspettarsi di essere punito.

Tuttavia, il fatto che Putin abbia mentito a Macron e Scholz potrebbe aver contribuito alla reazione della NATO e dell'UE con insolita unità. Lo stesso Putin ha dimostrato che non ci si può fidare delle sue parole. Il rating internazionale della Russia è negativo e ora si presenta così:         

  • Nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite il 25.02.2022 febbraio 7.03.2022, la Russia ha potuto porre il veto a una risoluzione contro l'invasione dell'Ucraina solo con il proprio veto (Fonte: Agenzia federale per l'educazione civica; Kurz & Knapp: Eight Questions on the War in Ukraine – March XNUMX, XNUMX)
  • L'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha condannato l'invasione il 2.03.2022 marzo 141 con 5 voti contrari, 35 contrari e 21 astenuti. Tale riunione di emergenza è stata convocata per la prima volta nel 1950° secolo. In totale ci sono state solo 11 riunioni di emergenza di questo tipo dal XNUMX (fonte: come sopra).
  • Il CIO raccomanda di non consentire agli atleti russi di competere in competizioni internazionali.
  • Fifa e Uefa hanno bandito Russia e Bielorussia da tutte le competizioni per club e nazionali il 28.02.2022 febbraio XNUMX. Di conseguenza, l'RB Lipsia è progredito di un turno in Europa League senza combattere, poiché lo Spartak Mosca è escluso. La nazionale russa è esclusa dai playoff di Coppa del Mondo per il Qatar. Non solo la maggior parte degli atleti russi non sarà più vista sulla scena sportiva mondiale, ma anche i loghi della maggior parte delle aziende e delle corporazioni scompariranno. (Fonte:  voce Heilbronn, 1.03.2022/XNUMX/XNUMX: "La Russia non è più ricercata nello sport mondiale")
  • Il 16.03.2022 marzo XNUMX la Corte internazionale di giustizia dell'Aia, la più alta corte delle Nazioni Unite, ha condannato l'attacco russo all'Ucraina come contrario al diritto internazionale. Deve essere terminato immediatamente. Tuttavia, il tribunale non ha il potere di eseguire la sentenza, a prima vista sembra solo simbolica. Un passaggio nella relazione di Giornale della Germania meridionale è degno di nota: "La Russia ha sostenuto davanti alla Corte che l'affermazione di Putin secondo cui l'Ucraina stava commettendo un "genocidio" contro persone di origine russa non era intesa letteralmente, almeno non nel significato della Convenzione sul genocidio del 1948" (sueddeutsche.de, 16.03.2022 marzo XNUMX: "Punto per il diritto internazionale"). Che debole ammissione dei paladini di Putin.

Qualunque sia l'esito dell'avventura di Putin in Ucraina, gran parte del mondo rimarrà sospettosa del governo russo. I successori di Putin dovranno affrontare una montagna di domande senza risposta. 

Il 23.02.2022 febbraio XNUMX, un giorno prima dell'invasione russa - ha descritto il portavoce del governo francese Gabriele Attali il dilemma in cui Putin ha portato il suo Paese: l'avanzata del nazionalismo russo, che sta riscoprendo la sua voglia di impero, minaccia i principi base dell'esistenza della “nostra Europa”. "Questa sfida della sicurezza europea e internazionale ci attende" (voce Heilbronn, 24.02.2022).

Il termine Zeitenwende ha il Cancelliere tedesco Olaf Scholz era solito descrivere nella sua dichiarazione del governo durante la sessione speciale del Bundestag di domenica 27.02.2022 febbraio XNUMX, quali straordinarie conseguenze avrà per la Germania e l'Europa l'attacco innescato da Putin al paese sovrano limitrofo, l'Ucraina:

“Il 24 febbraio 2022 segna una svolta nella storia del nostro continente. Con l'attacco all'Ucraina, il presidente russo ha iniziato una guerra di aggressione a sangue freddo, per un motivo: la libertà degli ucraini mette in discussione il suo stesso regime oppressivo. Questo è disumano. Questo è contro il diritto internazionale. Niente e nessuno può giustificarlo.

...

Al centro c'è la questione se il potere può infrangere la legge, se permettiamo a Putin di riportare l'orologio alle grandi potenze del 19° secolo, o se abbiamo la forza di porre limiti a guerrafondai come Putin.

...

La guerra di Putin rappresenta una svolta, anche per la nostra politica estera. Quanta diplomazia possibile senza essere ingenui, questa affermazione rimane. Ma non essere ingenui significa anche non parlare per il gusto di parlare”.

Olaf Scholz, sessione straordinaria del Bundestag (27.02.2022 febbraio XNUMX)

Alla fine smetti Olaf Scholz il 27.02.2022 febbraio XNUMX, un completo riorientamento della politica estera e di sicurezza tedesca. il Voce di Heilbronn chiama questo una svolta storica (voce Heilbronn, 28.02.2022 febbraio XNUMX: "Scholz annuncia l'aggiornamento"), e Christine Tanschinez ha intitolato il suo commento sullo stesso giornale con il termine "dietro faccia": "Mentre i governi precedenti hanno preferito evitare le crisi e sperato nel mantra del "cambiamento attraverso il commercio", la coalizione del semaforo sta finalmente facendo i tanto necessari dietrofront. Per la prima volta, le armi vengono ufficialmente consegnate a un paese assediato da un aggressore" (voce Heilbronn, 28.02.2022/XNUMX/XNUMX: "Inversione a U"; commento di opinione da Christine Tanschinez). 

La New York Times scrive in un rapporto sulla sessione straordinaria del Bundestag di un fondamentale cambio di direzione non solo nella politica estera e di difesa tedesca, ma anche nei confronti della Russia. Il termine "inversione a U", comunemente usato nel traffico stradale, è usato per descrivere l'inversione a U in modo vivido (nytimes.com, 27.02.2022 febbraio XNUMX: "Nell'inversione di marcia della politica estera, la Germania aumenta la spesa militare, armamenti Ucraina").

Questi i principali punti focali della nuova politica estera e di sicurezza tedesca:

  • "Senza se e senza ma sosteniamo il nostro obbligo di alleanza nella NATO" (Olaf Scholz al Bundestag il 27.02.2022 febbraio XNUMX);
  • Per gli investimenti necessari, migliori attrezzature, moderne attrezzature di schieramento e più personale, viene istituito un fondo speciale per la Bundeswehr con 100 miliardi di euro e ancorato alla Legge fondamentale; 
  • In accordo con gli accordi nell'ambito della NATO, la Germania investirà più del 2 per cento del proprio prodotto interno lordo nella difesa con effetto immediato;
  • La Germania si procurerà un moderno sostituto per gli obsoleti jet Tornado in tempo utile per la condivisione nucleare. (Nel frattempo è stata presa una decisione preliminare per l'aereo da combattimento americano F-35);
  • La Germania cambierà rotta per superare la dipendenza dalle importazioni dai singoli fornitori di energia. Il Cancelliere federale ha annunciato la rapida costruzione di 2 terminali di gas liquido a Brunsbüttel e Wilhelmshaven.

Anche prima della sessione speciale del Bundestag del 27.02.2022 febbraio 2, il governo federale aveva sospeso il gasdotto "Nord Stream 1.000" e annunciato la consegna di 500 armi anticarro e XNUMX missili antiaerei Stinger all'Ucraina.

Un passaggio della dichiarazione del governo mi sembra particolarmente degno di nota: riguarda il futuro dell'Europa e dell'Unione Europea: 

"La svolta non riguarda solo il nostro Paese, riguarda tutta l'Europa. E qui sta una sfida e un'opportunità allo stesso tempo. La sfida è rafforzare in modo sostenibile e permanente la sovranità dell'Unione europea. L'opportunità sta nel fatto che manteniamo l'unità che abbiamo dimostrato in questi giorni, parola chiave 'pacchetto sanzioni'. Per la Germania e per tutti gli altri stati membri dell'UE, questo significa non solo chiedere cosa puoi ottenere da Bruxelles per il tuo paese, ma chiedersi: qual è la decisione migliore per l'Unione?"

Olaf Scholz, sessione straordinaria del Bundestag (27.02.2022 febbraio XNUMX)

Scholz affronta le sfide vecchie e nuove che l'UE sta affrontando in questo punto di svolta. Ma parla anche delle possibilità di superare queste sfide attraverso l'unità degli Stati membri dell'UE. Questo passaggio mi riporta al punto di partenza di questo articolo, che riguarda l'allontanamento e la scissione dell'UE, e anche l'isolamento in cui si sono trovati paesi come la Polonia e l'Ungheria a causa delle loro politiche nazionaliste e autocratiche. Altrove mi chiederò se la svolta non offra anche a Polonia e Ungheria un'opportunità per superare questo isolamento e imparare di nuovo a pensare in termini europei.

Gli errori di calcolo di Putin

Sarebbe presuntuoso se volessi presentare in dettaglio le cause e il contesto della guerra di Putin in alcune sezioni di questo documento, il cui vero punto di partenza è la sentenza sullo stato di diritto della Corte di giustizia del 16.02.2022 febbraio XNUMX, e poi disegnare una linea che collega i due eventi. Questo va ben oltre lo scopo di questo documento. Tuttavia, vorrei rivolgere una parola chiave che probabilmente renderà le cose ancora difficili a Putin e al suo Paese anche dopo la fine della guerra – qualunque sia l'esito: gli errori di valutazione di Putin su cui si basa la sua decisione di invadere l'Ucraina.

Le prime domande sorsero quando, pochi giorni dopo l'invasione, l'avanzata russa su Kiev, nonostante la grande superiorità militare e potenza di fuoco, si fermò per ragioni inizialmente poco chiare. Con il progredire delle cose, un mosaico di piccoli e grandi errori nei preparativi per l'invasione ha prodotto un quadro generale che ora mette in dubbio il genio di Putin.

In questo contesto, le dichiarazioni di esperti e le relazioni dei media hanno menzionato in particolare tre complessità, che Putin ha giudicato male o che apparentemente ha affrontato solo superficialmente.

  • La fermezza e lo spirito combattivo della popolazione militare e civile ucraina e le capacità di leadership del presidente ucraino Voldomir Zelensky;
  • L'unità della NATO e dell'UE, la portata e la direzione delle sanzioni decise e il loro impatto sull'economia e sulla società russa;
  • La questione di quanto tempo e quanto fermamente la maggioranza della popolazione russa sosterrà la guerra del loro presidente.

(1) Di fermezza militare e civile

"Putin fallisce nella guerra lampo" (voce Heilbronn, 1.03.2022)

È difficile immaginare che lo stesso Putin credesse a ciò che aveva detto ai suoi soldati all'inizio dell'invasione, il 24.02.2022 febbraio XNUMX: gli ucraini li avrebbero accolti con i fiori in mano come "liberatori". Anche un'altra delle aspettative di Putin non è stata soddisfatta: che l'invasione dell'Ucraina, che era stata programmata come una guerra lampo, si sarebbe conclusa dopo pochi giorni con l'invasione di Kiev. È successo il contrario!

Il 7.03.2022 marzo 12 – XNUMX° giorno di guerra – il New York Times, che, secondo stime americane prudenti, l'esercito ucraino, che era stato in molti modi in inferiorità numerica, uccise più di 3.000 soldati russi. "Gli ucraini hanno abbattuto i trasportatori militari russi che trasportavano paracadutisti, distrutto elicotteri e perforato convogli militari russi con missili anticarro americani e droni turchi". Secondo questo rapporto, i soldati russi soffrivano sia di morale basso che di carenza di carburante. La conclusione del New York Times:  "I leader militari europei, che una volta temevano i russi, ora affermano di non essere intimiditi dalle forze di terra russe come una volta."(nytimes.com, 7.03.2022/15.03.2022/XNUMX: "Mentre l'esercito russo inciampa, sono gli avversari a prenderne atto"). Il XNUMX marzo XNUMX un titolo letto nel Suddeutsche Zeitung: "Putin ora capisce di essere stato fuorviato prima di invadere l'Ucraina."

Tuttavia, Putin ha riconosciuto i punti deboli delle sue forze di terra e ha cambiato la sua strategia. Lo stato maggiore ucraino riferisce che i russi hanno ora proceduto alla distruzione totale delle infrastrutture civili, degli alloggi e dei mezzi di sussistenza (nytimes.com, 18.03.2022 marzo XNUMX: "Il progresso militare della Russia rallenta, ma fa progressi nel sud e nell'est"). Putin sta ora distruggendo i mezzi di sussistenza delle persone che aveva appena descritto come "gente fraterna".

Il modo in cui il presidente ucraino sta agendo nella crisi del suo paese è estremamente straordinario. Heribert Prantl lo designa nel Giornale della Germania meridionale del David ucraino: "Parla con l'autorità dell'autoaffermazione coraggiosa e il coraggio della disperazione, la cui disperazione non si nota perché è in pace con se stesso.(sueddeutsche.de, 13.03.2022 marzo XNUMX: “Zelensky, il David ucraino”; rubrica “Prantls Blick”). Tatticamente abile, Zelensky si rivolge all'esercito russo e al popolo russo con appelli urgenti nella lingua degli invasori, provocando una riflessione sul fatto che gli obiettivi bellici di Putin possano giustificare il numero crescente di vittime. Se gli appelli portino frutto è un'altra questione. Sono utili anche se sollevano dubbi nel tempo.

Va citata anche una figura dubbia sull'orlo della sventura dell'Ucraina: l'ex presidente americano Donald Trump, che una volta voleva costringere Selensky con la riluttanza degli aiuti militari americani a dargli “sporcizia” per la campagna elettorale contro Joe Biden consegnare. "Immagina se fosse successo ai tempi di Trump", scrive Gioacchino Kaeppner in un commento nel Giornale della Germania meridionale e dipinge questo quadro in modo drastico: "Se Putin avesse dato l'ordine di invasione solo un anno e mezzo prima... allora la Casa Bianca non avrebbe Joe Biden governa, che ora evoca l'unità del mondo libero e invia soldati dell'82a divisione aviotrasportata al confine orientale della NATO come deterrente ... A Washington invece sarebbe stato all'altezza di quel pagliaccio dell'orrore politico che ora sta adulando Putin, quanto "brillante" e "intelligente" sia una guerra di aggressione contro l'Ucraina irrimediabilmente sconfitta." (sueddeutsche.de, 27.02.2022 febbraio XNUMX: “Putin ha scelto il momento sbagliato, dopotutto”; commento di Joachim Capitano).   

Käppner si riferisce qui alle lodi di Trump per Putin, che ha reso pubbliche in un'intervista il 22.02.2022 febbraio XNUMX, dopo che Putin aveva spostato le truppe nell'Ucraina orientale. "Questa è la più grande forza di pace che abbia mai visto. C'erano più carri armati di quanti ne abbia mai visti' sgorgò Trump (sueddeutsche.de, 23.02.2022: Come l'ex presidente Trump pugnala alle spalle il suo successore").

"Biden è fatto per questo momento", citato Hubert Wezel in un rapporto dettagliato di Washington, l'ex dipendente della CIA Marc Polymeropoulos, che è stato per diversi anni responsabile di missioni segrete della CIA in Europa e Russia. "L'Europa è sempre stata il principale campo di battaglia per la nostra lotta con la Russia. E l'Ucraina era ground zero.Wetzel scrive:Joe Biden non è niente Donald Trump, solo per questo motivo molti europei sono lieti che sia attualmente presidente."Biden è un uomo che conosce la Guerra Fredda non solo dai film - e ha sempre considerato Putin pericoloso." (sueddeutsche.de, 21.03.2022/XNUMX/XNUMX: "Biden è perfetto per questo momento").

Come nei post precedenti, potrei sollevare nuovamente la domanda su cosa potrebbe accadere se Trump tornasse alla Casa Bianca nel 2024. Ma la guerra di Putin ha anche innescato un ripensamento negli Stati Uniti: è ancora completamente aperto se sarà una svolta politica per il Partito Repubblicano di Trump. In una relazione, il New York Times Dichiarazioni politiche da entrambi i lati dello spettro politico che suggeriscono uno spostamento dell'attenzione negli Stati Uniti. "L'Ucraina ha fatto riflettere molti repubblicani sull'importanza delle alleanze internazionali", ha affermato il membro del Congresso repubblicano Tom Cole dall'Oklahoma. “Gli altri paesi non sono sempre solo un peso. Spesso sono anche una risorsa”. Senatore Chris Coon, democratico del Delaware e stretto confidente del presidente Biden, ha osservato che bisogna tornare all'9 settembre (gli attacchi terroristici dell'11 settembre 11.09.2001) per vedere un impegno così coeso (nytimes.com,15.03.2022 marzo XNUMX: "La guerra in Ucraina cambia l'agenda del Congresso, potenziando il centro"). 

La prova acida del fatto che i repubblicani siano effettivamente abbastanza forti da liberarsi dall'"America first" di Trump e dal trumpismo sarà la nomina del candidato per le elezioni presidenziali del 2024. Nella citata relazione Giornale della Germania meridionale di Hubert Wezel C'è una nota importante: "Il nome Trump è spesso menzionato a Washington, accompagnato da un sospiro di sollievo." Tanta acqua scorrerà ancora lungo il fiume Potomac entro il 2024, ma - che ironia del destino: la dignità di tutte le cose Vladimir Putin, che Trump ha sempre ammirato e quasi idolatrato, ha rovinato i piani di Trump per la rielezione alla Casa Bianca? 

(2) L'unità della NATO e dell'UE

Il presidente russo non solo ha valutato male la resistenza militare contro le sue truppe, ma anche, sulla base di precedenti esperienze, non ha tenuto conto dell'attuale unità della NATO e dell'UE. Putin avrebbe dovuto saperlo meglio, perché già prima dell'inizio dell'invasione, politici europei e statunitensi lo avevano avvertito di un pacchetto di sanzioni senza precedenti. Putin non ha creduto agli avvertimenti e li ha ignorati. 

Yaroslav Hrytsak, storico e professore all'Università cattolica ucraina di Lviv, lo descrive in un articolo ospite nel New York Times Due errori di valutazione di Putin: l'aspettativa (già citata) che le truppe russe sarebbero state accolte con fiori quando avrebbero invaso. E in quella speranza e aspettativa – simile a quanto accadde dopo la guerra contro la Georgia nel 2008 – anche l'Occidente avrebbe inghiottito silenziosamente l'aggressione contro l'Ucraina. "Ma l'Ucraina ha affrontato la rinnovata aggressione russa con coraggio eroico e ha unito l'Occidente.Lo storico Hrytsak – che ha recentemente pubblicato un'opera sulla storia dell'Ucraina – contrappone la lettura putiniana del caffè macinato che l'Ucraina e la Russia sono in realtà un paese e l'Ucraina non esiste con i fatti storici: 

“Ucraini e russi non differiscono fondamentalmente per lingua, religione o cultura – sono relativamente vicini sotto questo aspetto – la differenza principale risiede nelle loro tradizioni politiche. In breve, una rivoluzione democratica è quasi impossibile in Russia, mentre un governo autoritario duraturo è quasi impossibile in Ucraina”. 

nytimes.com, 19.03.2022/XNUMX/XNUMX: "Putin ha commesso un profondo errore di calcolo in Ucraina", articolo ospite di Yaroslav Hrytsak

Il 20.02.2022 febbraio XNUMX - quattro giorni prima dell'invasione russa - il presidente della Commissione Ue si è dimesso Ursula von der Leyen nel caso in cui l'esercito russo invadesse il territorio ucraino, un "grande pacchetto di sanzioni" che i ministri degli Esteri dell'UE hanno approvato il 21.02.2022 febbraio XNUMX. Il pacchetto è stato messo insieme in stretta collaborazione con partner, tra cui Stati Uniti e Gran Bretagna, e mira in particolare a isolare la Russia dai mercati finanziari internazionali e utilizzare un embargo sulle esportazioni per impedire l'esportazione di beni e tecnologia di cui la Russia "ha urgente bisogno modernizzare e diversificare la propria economia" - lontano dalla produzione di petrolio, gas e carbone (sueddeutsche.de, 21.01.2022 gennaio XNUMX: "L'UE prevede sanzioni globali contro la Russia").    

In un collegamento video degli Stati membri della NATO, è stato sostanzialmente deciso quanto segue:

  • Il chiaro impegno all'assistenza reciproca secondo l'articolo 5 del trattato NATO.
  • Consegne di armi in Ucraina.
  • Dispiegamento di truppe in Polonia e negli Stati baltici (in seguito anche negli Stati sul fianco sud-orientale della NATO).
  • È stato escluso un intervento attivo della NATO nella guerra in Ucraina.

Il presidente dell'SPD ha riassunto lo stato delle cose dopo che Putin ha riconosciuto parti dell'Ucraina orientale come "repubbliche popolari indipendenti" e subito prima dell'invasione russa Lars Klingbeil insieme in poche frasi:

“Vladimir Putin ha sottovalutato la determinazione e l'unità dell'Unione Europea e degli Stati Uniti. È positivo quanto siano uniti l'UE ei partner transatlantici in questa situazione. Putin si è isolato a livello internazionale e pagherà un prezzo pesante per questo. Ora spetta a lui dare un contributo efficace per garantire che la situazione non si aggravi ulteriormente". 

newsletter@spd.de, 22.02.2022/XNUMX/XNUMX: "Putin ha schiaffeggiato la mano tesa dell'Europa"

Kurt Kister ha scritto in un commento nel Suddeutsche Zeitung: 

"Non è chiaro per quanto tempo l'Ucraina potrà resistere militarmente, forse gli Strela (missili antiaerei forniti dalla Germania) aiuteranno. Ma è altrettanto incerto se questa invasione non significherà anche la fine politica del presidente russo. Con un gigantesco errore di valutazione, Putin ha lanciato una guerra le cui conseguenze credeva essere in qualche modo maggiori dell'annessione della Crimea. Tuttavia, ha ottenuto il divieto internazionale quasi completo della Russia. " 

sueddeutsche.de, 3.03.2022/XNUMX/XNUMX: "Putin e il suo gigantesco errore di valutazione", commento di Kurt Kister)

Parte di questo errore di valutazione riguardava anche la portata del pacchetto di sanzioni dell'UE e di altri stati occidentali. Gli effetti a lungo termine sull'economia russa non possono ancora essere stimati, ma i resoconti della stampa indicano che stanno avendo un effetto.

La Voce di Heilbronn ha riferito il 3.03.2022/XNUMX/XNUMX che il valore del rublo è “piombato nell'abisso” (voce Heilbronn, 3.03.2022/XNUMX/XNUMX: "La guerra fa precipitare Ucraina e Russia nel caos"). il New York Times aggiunge che il rublo ha perso quasi la metà del suo valore nell'ultimo mese. I prezzi dei generi alimentari di base sono aumentati notevolmente. La Borsa di Mosca è chiusa dall'inizio della guerra; la banca centrale ha implementato severi controlli sui capitali che vietano alle imprese di prelevare più di $ 6 nei prossimi 5.000 mesi (nytimes.com, 10.03.2022 marzo 24.03.2022: "Di fronte alla calamità economica, Putin parla di nazionalizzare gli affari occidentali"). La negoziazione di azioni in borsa è ripresa il 33 marzo XNUMX. Tuttavia, sono state negoziate solo azioni di XNUMX società russe (ARD Tagesschau il 24.03.2022/XNUMX/XNUMX).

Il portavoce di Putin Dimitri Peskov ha ammesso che le sanzioni occidentali sono state un duro colpo (voce Heilbronn, 3.03.2022).

Anche l'economista americano e premio Nobel Paul Krugman fa riferimento nella sua colonna nel New York Times sugli errori di valutazione militari di Putin. Putin si aspettava, essere in grado di marciare rapidamente fino a Kiev con una forza piccola e leggermente armata e ottenere una rapida vittoria. Krugman descrive le sanzioni economiche come “altamente efficaci”; Putin non li aspettava a causa delle esperienze con l'annessione della Crimea. Krugman scrive: "Finora, la pressione sull'economia russa sembra estremamente efficace; nel commercio russo colpisce anche merci che non sono state ufficialmente sanzionate. Le restrizioni finanziarie hanno reso più difficile il commercio di merci con la Russia, anche l'acquisto di petrolio. I timori di ulteriori sanzioni, così come i timori generali che le istituzioni occidentali che sembrano aiutare Putin siano trattate in modo sgarbato dalle autorità, hanno portato a un'auto-sanzione diffusa, anche per i beni formalmente consentiti.“(nytimes.com, 4.03.2022/XNUMX/XNUMX: "Wonking Out: l'altro grande errore di calcolo di Putin"). 

Non c'è dubbio che le sanzioni imposte stanno colpendo anche l'economia dell'Occidente. Un messaggio dal Voce di Heilbronn effetto: “Secondo gli esperti finanziari, le conseguenze economiche delle sanzioni russe in Germania sono limitate. Le misure nei confronti della banca centrale russa sono attribuite l'impatto maggiore" (voce Heilbronn, 21.03.2022 marzo XNUMX: "Effetto delle sanzioni"). Tuttavia, le sanzioni non hanno lo stesso effetto sull'economia occidentale, perché i legami con la Russia non sono gli stessi in tutti i settori.

Dopo che alcune multinazionali e catene di negozi hanno chiuso le loro fabbriche e negozi in Russia - per esempio Ikea, McDonald's e altri - Putin sta valutando la possibilità di confiscare i loro beni e nazionalizzare le società per salvare i posti di lavoro colpiti (nytimes.com, 10.03.2022 marzo XNUMX: "Di fronte alla calamità economica, Putin parla di nazionalizzare le imprese occidentali"). Un simile passo avrebbe conseguenze a lungo termine. Non importa come finirà la guerra e cosa potrebbe accadere in Russia in seguito, qualsiasi compagnia occidentale ci penserebbe due volte prima di investire di nuovo in Russia. 

(3) Una svolta anche in Russia? — Quanto è unita la popolazione dietro la guerra di Putin?

Al momento è difficile dare una risposta chiara alla domanda su quanto sia unita la popolazione russa dietro la guerra di Putin. Guardando la folla esultante dentro e fuori lo stadio Luzhniki di Mosca all'evento che segna l'8° anniversario dell'annessione della Crimea, si dovrebbe concludere che tutta la Russia è al 100% "a bordo". Tuttavia, se si valuta la pressione esercitata dai detentori del potere sulla popolazione, la minaccia di punizione anche per chi usa la parola "guerra" contrariamente alla terminologia ufficiale, o la brutale violenza della polizia con cui anche piccoli approcci alla protesta pubblica vengono combattuto, si deve concludere da questo: Putin non si fida dei suoi compatrioti. Sei costretto a stargli dietro. 

Per quanto tempo accetteranno che la "operazione militare speciale" mira solo a "liberare" l'Ucraina dai "neo-nazisti tossicodipendenti"? Per quanto tempo crederanno che il "popolo fratello" stia ricercando e sviluppando armi di distruzione di massa e armi biologiche insieme alle forze armate statunitensi proprio al confine con la Russia? Tali "storie" raccontate Vasily Nebenzya, il rappresentante permanente delle Nazioni Unite della Russia l'11.03.2022 marzo XNUMX presso il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. "Una brutta bugia, anche per l'apparato di propaganda russo, che in questi tempi sta lavorando a pieno regime", cita il quotidiano Süddeutsche Zeitung più diplomatici tedeschi e americani. Altrettanto non provata è l'affermazione di Mosca secondo cui la Russia avrebbe dovuto catturare Chernobyl per impedire all'Ucraina di costruire una bomba radiologica "sporca" (sueddeutsche.de, 29.03.2022/XNUMX/XNUMX: "La bugia più pericolosa"). È risaputo che in tempo di guerra la verità muore prima. Gli americani hanno detto bugie simili molti anni fa nel Consiglio di Sicurezza per giustificare la seconda guerra in Iraq.

Realizzato poco prima dell'invasione russa Madeleine Albright (Segretario di Stato americano dal 1997 al 2001) fa una prognosi che dà speranza e paura allo stesso tempo: “Putin deve sapere che una seconda Guerra Fredda non finirà necessariamente bene per la Russia, nonostante il suo arsenale nucleare. Gli Stati Uniti hanno forti alleati in quasi tutti i continenti - tra gli amici di Putin ora ci sono figure simili Bashar al-Assad, Alexander Lukashenko , Kim Jong-un“(nytimes.com, 23.02.2202 febbraio XNUMX: "Putin sta facendo un errore storico"; messaggio degli ospiti di Madeleine Albright). Tra le altre cose, descrive come sia stata la prima diplomatica americana di alto rango a incontrare per la prima volta il successore di Eltsin Putin all'inizio del 2000: lui fingeva di capire perché doveva cadere il muro di Berlino, ma non si aspettava l'intera Unione Sovietica L'Unione al collasso lo farebbe. All'epoca, ha notato della sua conversazione con Putin: "Putin è imbarazzato per quello che è successo al suo Paese ed è determinato a restituirne la grandezza”. Madeleine Albright ha il suo guest post nel New York Times con didascalia con la prognosi: "Putin sta commettendo un errore storico.' La profezia di un diplomatico devoto con un'affascinante storia di vita: Madeleine Albright morì un mese dopo, il 23.03.2022 marzo XNUMX.

È improbabile che i russi comuni pensino in modo così lungimirante al momento Madeleine Albright ha fatto. Ma con la crescente durata e brutalità della guerra, alcune persone si chiederanno se l'intera base dei loro mezzi di sostentamento debba essere prima distrutta prima che la nazione gemella ucraina possa essere "riportata a casa"? Come gli americani durante la guerra del Vietnam, il governo russo dovrà fare l'amara esperienza: con l'aumentare del numero di bare con soldati morti che tornano dall'Ucraina, l'entusiasmo della popolazione per la guerra diminuirà. 

La New York Times riporta il 16.03.2022 marzo 20 per i primi 7.000 giorni di guerra più di 14.000 soldati russi caduti e circa 21.000 - 4 feriti. 36 generali russi sono morti. Il quotidiano si basa su stime prudenti dei servizi segreti statunitensi. Un confronto specifico rende questi numeri di vittime particolarmente vividi per gli americani: durante la battaglia di XNUMX giorni dell'isola del Pacifico Iwo Jima quasi 7.000 marines statunitensi persero la vita nella seconda guerra mondiale; L'esercito di Putin ha già registrato più vittime dopo 20 giorni. Il numero di soldati russi caduti è superiore al numero di americani uccisi in Iraq e Afghanistan messi insieme (nytimes.com, 16.03.2022/XNUMX/XNUMX: "Mentre le morti delle truppe russe aumentano, il morale diventa un problema, dicono i funzionari").

"Al di là della geografia, Putin considera la "Russia" un essere supremo, un sentimento molto grande, qualcosa di eterno”, scrive Kurt Kister nella Süddeutsche Zeitung (sueddeutsche.de, 26.02.2022/XNUMX/XNUMX: "Un uomo decolla"). Una tale comprensione metafisica dello stato non può essere mantenuta a lungo termine - e nemmeno con una forte coercizione statale. Le sue apparizioni pubbliche dall'inizio dell'invasione mostrano che Putin è consapevole di questo problema e quanto sia teso al riguardo. il Süddeutsche Zeitung riferisce di un discorso programmatico emotivamente carico che ha pronunciato il 16.03.2022 marzo XNUMX in un incontro con diversi capi regionali, sebbene l'incontro avrebbe dovuto affrontare principalmente questioni economiche e le conseguenze delle sanzioni. Mentre il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov alludendo alla possibilità di una soluzione negoziata quello stesso giorno, Putin ha tirato fuori la palla dall'Occidente. Lì, le persone provenienti dalla Russia sarebbero ora "veramente perseguitate, la musica, la cultura e la letteratura russe sarebbero bandite. L'Occidente ha cercato di "abolire la Russia" e Putin è arrivato al punto di paragonare la situazione ai pogrom in Germania negli anni 'XNUMX. Ma Putin ha attaccato duramente non solo l'Occidente, ma anche i russi che lo simpatizzano. Li chiamava "quinti editorialisti", "feccia e traditori" (sueddeutsche.de, 17.03.2022/XNUMX/XNUMX: "Feccia e Traditori"). Queste dichiarazioni generali – così come la minaccia di punizione contro i media e altri esseri umani che non seguono la terminologia ufficiale – mostrano, a mio avviso, che Putin non si fida dei suoi connazionali. La sorveglianza e anche la propaganda sono state intensificate: niente di tutto ciò parla della forza interiore del sistema.

Non voglio speculare sull'andamento e sulla durata della guerra e su come potrebbe finire prima o poi. "Più a lungo si trascina la guerra, maggiore diventa per Putin la sproporzione tra sforzo e risultato", scrive Gustav Seibt nella Suddeutsche Zeitung". Il regime di Putin non è preparato alla ritirata e ai compromessi, ma questo non è solo un suo problema (sueddeutsche.de, 17.03.2022/XNUMX/XNUMX: "Alla fine"). Il numero di giocatori dentro e intorno al campo di battaglia sta crescendo. La Cina è fortemente coinvolta politicamente e soprattutto economicamente. Il sovrano cinese Xi Jinping Apparentemente tentando una politica altalenante: alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali il 4.02.2022 febbraio 2.03.2022, nessun foglio di carta tra Xi e Putin sembrava adattarsi alla loro opposizione all'Occidente. La Cina si è astenuta dal votare la risoluzione sull'Ucraina all'Assemblea generale delle Nazioni Unite il XNUMX marzo XNUMX. "Il dilemma della Cina e dell'Ucraina" è il titolo di un rapporto di Pechino nel Suddeutsche Zeitung"  (sueddeutsche.de, 23.02.2022/XNUMX/XNUMX). Un altro rapporto di SZ descrive l'equilibrio di Pechino come un tentativo di apparire al mondo esterno come una potenza mediatrice neutrale nel conflitto ucraino, mentre in patria si diffonde la propaganda russa, fino alla scelta delle parole. "Peacemaker qui, incendiari là" - "Questo atto di equilibrio non è privo di rischi per il presidente cinese, che vuole assicurarsi un altro mandato come leader del partito in autunno" ... "Se la strategia di Pechino fallisce, ciò potrebbe avere anche conseguenze politiche interne. L'economia cinese si indebolisce, le sanzioni contro la Russia pesano sull'economia globale. Le sanzioni dell'Occidente o il crescente isolamento devono essere evitati dalla stessa Pechino" (sueddeutsche.de, 22.02.2022 febbraio XNUMX.: “Fino a quando Pechino sarà fedele a Putin?”).

Ad un certo punto, dopo la fine della guerra calda in Ucraina, ci saranno nuove considerazioni su un futuro concetto di sicurezza in Europa. Questo – se la Russia vorrà essere coinvolta – sarà possibile solo dopo il governo di Putin. Tempo: Totalmente aperto!

Una svolta, anche in Polonia e Ungheria?

Dopo queste affermazioni e riflessioni sulla guerra di Putin contro l'Ucraina, che è fondamentalmente diretta contro le idee occidentali di libertà, Stato di diritto e democrazia e che ha cambiato radicalmente l'Europa, torniamo ora al punto di partenza di questo scritto: la situazione interna e in particolare la problemi irrisolti dell'Unione Europea. Il fulcro della mia presentazione dovrebbe essere il problema dello stato di diritto dopo la sentenza della Corte di giustizia contro Polonia e Ungheria del 16.02.2022 febbraio XNUMX e il problema dei rifugiati, che è diventato particolarmente acuto a seguito della guerra di Putin. La guerra ha portato alla ribalta tutta una serie di altre questioni, come la sicurezza in Europa, la prontezza alla difesa degli Stati europei e la sicurezza del fabbisogno energetico dell'UE. Ma i "vecchi" problemi ci sono ancora e vengono affrontati anche dalla stampa.

In un commento di opinione Voce di Heilbronn fornisce Cristoforo Ziedler l'approccio unificato dell'UE e la rapida adozione di sanzioni ben preparate contro la Russia. Cita dalla dichiarazione del vertice della riunione dei capi di Stato e di governo a Versailles del 10/11.03.2022 marzo XNUMX gli obiettivi per il raggiungimento della politica energetica, dell'indipendenza economica e militare dell'UE: “ICiò che salta all'occhio è l'obbligo di aumentare la spesa per gli armamenti e il graduale distacco dall'importazione di combustibili fossili dalla Russia.Nel descrivere la futura UE, Ziedler usa il termine “Stati d'Europa indipendenti”, che in futuro dovrebbero essere in grado di difendere il proprio modello di libertà e di vita in un mondo pieno di nuovi pericoli. Ma aggiunge – smorzando le speranze degli europei convinti: “Ma c'è ancora molta strada da fare, perché le contraddizioni ei conflitti insiti in Europa non sono scomparsi dall'oggi al domani." (voce Heilbronn, 12.03.2022 marzo XNUMX: “Stati indipendenti d'Europa”; commento di opinione da Cristoforo Ziedler). 

In realtà, sono ancora tutti lì, i vecchi conflitti, come lo stato di diritto e l'attuazione della sentenza della Corte di giustizia del 16.02.2022 febbraio XNUMX. Resta lo stallo di molti anni su un concetto europeo sul tema “rifugiati, asilo e migrazione”, la cui necessità è tornata evidente nelle ultime settimane. Per i rifugiati dall'Ucraina, l'UE ha trovato molto rapidamente un accordo di benvenuto. Ma che dire dei profughi di altri paesi, come la Siria. Ora ci sono due tipi di leggi sui rifugiati nell'UE: questo non può essere permanente. 

Quanto restano in cima all'agenda queste vecchie contraddizioni e conflitti? O saranno spinti molto in basso o addirittura dietro le quinte dalle nuove sfide di politica energetica, economiche e militari? 

Il mio scetticismo è aumentato quando il 3.03.2022 marzo XNUMX nel Voce di Heilbronn è stato pubblicato un rapporto dpa di 4 righe nella sezione “Brevi note” a pagina 13: Il 2.03.2022 marzo XNUMX la Commissione Ue ha presentato le linee guida per l'attuazione delle regole Ue sulla riduzione dei fondi in caso di violazione dello stato di diritto (voce Heilbronn, 3.03.2022 marzo XNUMX: "Linea guida presentata"). Ma attualmente svolgono qualche ruolo negli affari politici in Polonia e Ungheria? Con sentimenti contrastanti ho letto delle discussioni in corso in Polonia dopo l'invasione russa dell'Ucraina: 

"La Polonia accoglie l'inversione di marcia in Germania non solo con gioia - basata sulla convinzione di aver avuto ragione nel valutare la Russia di Putin - ma anche con il pragmatismo che è caratteristico del Paese"...

– “Per molti anni, la Germania pacifista e “sensibile alla Russia” è stata percepita dalla maggioranza dell'élite politica sulla Vistola come uno stato insicuro e volubile su cui non si poteva contare in caso di minaccia dall'est. A ciò si aggiungevano il Nord Stream 1 e 2, che andava contro gli interessi della Polonia e dell'Europa centrale e per sempre con la miopia dell'Ostpolitik Angela Merkel rimarrò connesso”.

– “A Varsavia, la domanda è quanto durerà il cambiamento avviato da Olaf Scholz, per quanto tempo Berlino parlerà “polacco” quando si tratta della minaccia al mondo libero dalle azioni aggressive della Russia. I politici di tutti i campi sono perplessi su quanto tempo la Germania rimarrà sul suo nuovo percorso "realistico".


giornale ipg, 4.3.22; Bartosz Rydlinski: "Il giorno in cui Berlino ha iniziato a parlare polacco"

Lo scienziato Bartosz Rydlinski dell'Istituto di Scienze Politiche dell'Università Cardinal Stefan Wyszynski di Varsavia offre uno specchio alla politica tedesca: l'approccio del “cambiamento attraverso il riavvicinamento/commercio” non solo si è rivelato inefficace, ma è stato anche cinicamente sfruttato dal regime di Putin.

Ma Rydlinski mostra anche un altro aspetto: nomina lo stato ancora aperto delle discussioni nel partito al governo polacco e usa la parola "caso" per plasmare il futuro rapporto tra Germania e Polonia, che serve anche per migliorare il rapporto tra la Polonia e il L'UE dovrebbe:

Tuttavia, non è nemmeno chiaro come reagirà il partito al governo polacco Diritto e giustizia (PiS) a lungo termine. Da un lato, il Primo Ministro polacco festeggia Mateusz Morawiecki dopo il discorso domenicale di Scholz trionfa perché la sua visita a Berlino del giorno prima, come sostiene, "ha scosso la coscienza della Germania". D'altra parte, dovremmo ricordare quel Vice Primo Ministro Jaroslaw Kaczynski sul settimanale di gennaio Reti dichiarò: “La designazione 'Quarto Reich' è (...) legittima. I tedeschi proclamano apertamente che sono loro a decidere (...). lei richiesta il riconoscimento ufficiale della supremazia tedesca. E si può, in un certo senso, ringraziare la nuova coalizione tedesca per aver messo le cose in chiaro dichiarando l'obiettivo di creare uno stato federale europeo, ovviamente sotto la loro guida.

...

Quindi potrebbe risultare che la destra nazionale polacca deve smettere di vedere la Germania come una minaccia, proprio come la Germania ha rivisto il suo atteggiamento nei confronti della Russia. Anche gli elettori del PiS potrebbero vedere una più stretta cooperazione tra Varsavia e Berlino come un'opportunità per aumentare la propria sicurezza".

giornale ipg, 4.3.22; Bartosz Rydinski: "Il giorno in cui Berlino ha iniziato a parlare polacco"

I problemi dell'UE con l'imminente attuazione della sentenza della Corte di giustizia - fondamentalmente si tratta della difesa dei valori europei - sono chiaramente indicati con questi contributi alla discussione dalla Polonia: Per alcuni si tratterà delle stesse fondamenta del L'UE, per la Polonia e l'Ungheria è un sacco di soldi. 

La New York Times descrive un'altra direzione dell'attuale politica polacca, di cui si parla poco, di cui probabilmente non è appropriato parlare in questo momento: “Il governo populista di destra della Polonia sta cercando di scrollarsi di dosso la reputazione di persistente piantagrane in Europa, o almeno per coprirlo. Ora è al centro degli eventi, corteggiata sia da Bruxelles che dagli Stati Uniti come pilastro della solidarietà e della sicurezza occidentale. Ma nonostante non ci siano segnali di indietreggiamento dalle tante controversie con l'Unione Europea, la Polonia - che ha anche litigato con Washington - si è riorientata per diventare un alleato indispensabile e fidato" (nytimes.com, 25.03.2022/XNUMX/XNUMX: "A lungo ai margini dell'Europa, la Polonia è al centro della scena mentre la guerra infuria in Ucraina").

Dovrebbe essere descritto un altro processo della serie di tentativi di riorientamento della Polonia:

Con il viaggio in treno dei capi di governo di Polonia, Repubblica Ceca e Slovenia il 15.03.2022 marzo XNUMX, che ha anche Jaroslaw Kaczynski, l'"uomo forte" della Polonia ha preso parte agli affari New York Times in un rapporto dettagliato. Si segnala, tra l'altro, che Kaczynski non ha rilasciato dichiarazioni sui motivi del viaggio. “A parte il sostegno morale a Kiev, i leader europei non hanno portato alcun aiuto concreto. Il viaggio in treno, tuttavia, ha aiutato Kaczynski a mantenere i suoi precedenti rapporti entusiastici con i più importanti fan europei di Putin - (ad es. Marine Le Pen , Matteo Salvini) – o anche allo stesso Putin”.

L'opposizione polacca ha descritto il viaggio come un'acrobazia politica. Anche giudicare allo stesso modo Ryszard Schnepf, l'ex ambasciatore polacco negli Stati Uniti: "Dato il suo atteggiamento (di Kaczynski) nei confronti dell'Ue, siamo molto preoccupati per il suo viaggio in treno improvviso e piuttosto rischioso. Si sta solo occupando di pubbliche relazioni e cercando di riparare il danno che anni di indebolimento dell'UE e di scambi con gli amici di Putin hanno fatto in Europa." (nytimes.com, 18.03.2022 marzo XNUMX: "La guerra in Ucraina richiede un rinnovamento politico in Polonia"). 

La questione se le discussioni in corso in Polonia porteranno a un ripensamento fondamentale delle relazioni della Polonia con l'UE e se ci sarà un cambiamento nell'atteggiamento della Polonia nei confronti della questione dei rifugiati, dell'asilo e della migrazione, sembra ancora del tutto senza risposta.

Joseph Kelnberger dà in un commento nel Giornale della Germania meridionale risposte chiare:

“Il sistema antidemocratico, illiberale e corrotto di Orban non è scomparso il 24 febbraio. Né l'attacco alla separazione dei poteri si è fermato in Polonia, dove il governo vuole sottoporre la magistratura alla sua volontà e ignorare la giurisprudenza europea. Se l'UE dovesse ritirare il procedimento contro i due paesi sotto l'impressione della crisi ucraina, sacrificherebbe il suo nucleo. Allora potrebbe anche abolire se stessa.

...

I governi di Varsavia e Budapest sembrano aspettarsi una sorta di sconto sullo stato di diritto per le loro prestazioni nella crisi ucraina. Non può esserci. Quindi non resta molto di più della speranza che l'UE, saldata dall'immagine di Putin come nemico, si unisca anche su questo tema. Di recente, tuttavia, sono emerse differenze tra i due paesi. Il governo polacco sta cercando, almeno a stento, di trovare soluzioni con l'UE. Anche la loro influenza moderatrice su Viktor Orban È grazie a questo che l'UE è stata finora in grado di imporre all'unanimità tutte le sanzioni contro Putin. Orban vuole continuare a fare affari con Putin e non ha in mente altro che il proprio vantaggio. In poche settimane, gli elettori ungheresi potrebbero estrometterlo. In questo modo faresti anche un favore all'UE". 

sueddeutsche.de, 10.03.2022 marzo XNUMX: "Uniti in pericolo", commento di Josef Kelnberger

Le affermazioni di Kelnberger suonano pessimistiche. Forse ha un'idea di quali contorsioni possono essere capaci gli organi dell'UE per rimandare decisioni attese da tempo. Il commento chiarisce una cosa: l'UE non deve compensare i "peccati" di Polonia e Ungheria in termini di valori europei, stato di diritto e riconoscimento della Corte di giustizia, né l'atteggiamento di blocco nei confronti del concetto di rifugiato europeo, contro la corrente contributi all'unità europea contro Putin e la performance durante l'ammissione di profughi dall'Ucraina. Sono proprio questi risultati, questa "nuova cultura dell'accoglienza" dei paesi dell'Europa orientale che è notevole. La Polonia ha accolto, ospitato e sta lavorando per fornire assistenza a oltre 2 milioni di persone, principalmente donne e bambini. La domanda è se il Paese estenderà questa "cultura dell'accoglienza" ad altri rifugiati e non bloccherà più il concetto europeo. Il governo PiS di Varsavia non ha una netta maggioranza in parlamento e dipende dal sostegno degli oppositori radicali dell'UE. Non è quindi chiaro se il PiS sia abbastanza forte da dirimere effettivamente gli anni di controversie con Bruxelles.

Non appena si attende l'attuazione concreta della sentenza della Corte di giustizia, quando si tratta effettivamente di applicare tagli ai finanziamenti per Polonia e Ungheria, ci saranno discussioni accese ed emotivamente cariche a tutti i livelli dell'UE. Tagli ai finanziamenti, sanzioni contro gli Stati membri dell'UE? La nozione di sanzioni ha assunto una dimensione e un significato completamente diversi dall'inizio della guerra di Putin. La Russia, l'aggressore che viola il diritto internazionale, è stata sanzionata. Ma Polonia e Ungheria? Come punire la Polonia, ad esempio, che, secondo lo ZDF heute-journal del 26.03.2022 marzo 26.03.2022, è diventata uno "Stato in prima linea"? Uno "Stato in prima linea" può essere minacciato con una sentenza del tribunale dopo che lo "Stato in prima linea" la Polonia è diventato un hub chiave per sostenere l'Ucraina con armi, equipaggiamento militare e forniture civili? Il XNUMX marzo XNUMX il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha pronunciato un discorso storico a Varsavia e ha descritto la guerra in Ucraina come una lotta tra democrazia e autocrazia, tra un ordine basato su regole e un governo di forza bruta (nytimes.com, 26.03.2022/XNUMX/XNUMX: "In un discorso infuocato, Biden avverte di una battaglia tra 'Libertà e Repressione'").

Ma - al di là di tutte le questioni aperte e le incertezze citate - ci sono altre domande: che peso hanno tutte le parole e i fatti contro la guerra di Putin e per l'unità dell'Occidente se i "peccatori" condannati alla fine usano l'aggressione di Putin per uscire dai guai volevi partire?

In che modo la svolta influirà alla fine sulla politica attuale e futura della Polonia? Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki si prende il merito di aver "scosso la coscienza della Germania" attraverso la sua visita a Berlino il 26.02.2022 febbraio XNUMX e quella di Olaf Scholz di aver contribuito alla svolta annunciata il giorno dopo. Il governo di Varsavia coglierà anche l'occasione che sta in questa svolta in Europa e cercherà di imparare a pensare e parlare di nuovo europeo? La risposta dipende anche dalle elezioni che si terranno in Ungheria il 3.04.2022 aprile XNUMX. Dovrebbe Viktor Orban votato fuori, il governo polacco perderà il suo alleato chiave di Bruxelles e sarà costretto a riposizionarsi per non restare solo e isolato.

Una svolta in Ungheria? — Ci saranno le elezioni il 3 aprile 

Simile ai partiti nazionalisti e populisti e ai politici di altri paesi europei - e persino simile Donald Trump negli Stati Uniti – ci vediamo Viktor Orban prima delle elezioni ungheresi del 3.04.2022 aprile XNUMX, si è confrontato con la sua precedente relazione con Putin. Orban è stato a lungo il più grande sostenitore del Cremlino in Europa. L'opposizione ha presentato agli elettori la seguente alternativa: “Orban e Putin o Occidente ed Europa”. New York Times ha riferito che il partito di Orban Fidesz marginalmente avanti nei sondaggi e sostenuto dall'ampia falange di organi di stampa filo-governativi che ritraggono Orban come un baluardo contro lo spargimento di sangue che si sta diffondendo in Ungheria (nytimes.com, 18.03.2022 marzo XNUMX: "La guerra in Ucraina richiede un rinnovamento politico in Polonia"). 

rapporti simili Catherine Kahlweit da Budapest nel Suddeutsche Zeitung: "A due settimane dall'inizio delle elezioni parlamentari in Ungheria Viktor Orban come principe della pace e protettore della libertà. I suoi oppositori si sentono trasportati indietro ai tempi del comunismo.Una frase nel rapporto di Kahlweit suona pessimistica: "Molti intellettuali non credono più in un risveglio democratico(sueddeutsche.de, 18.03.2022 marzo XNUMX: “Il maestro della propaganda”). 

L'editorialista del NYT vede questo in contrasto Michelle Goldberg un'opportunità per l'opposizione di sconfiggere l'autocrate Orban per la prima volta in più di un decennio. Il rapporto di Goldberg chiarisce anche quanto sia divisa la società ungherese e quanto profonda e fondamentale sarà la decisione di voto. è citato Peter Marki-Zay, il candidato capofila dei 6 partiti di opposizione contrari a Orban Fidesz si sono fusi. Marki-Zay ha detto che l'Ungheria deve ora scegliere tra due mondi: Vladimir Putins Russia o Occidente liberale. "Putin e Orban appartengono al mondo autocratico, repressivo, povero e corrotto e dobbiamo scegliere l'Europa, l'Occidente, la NATO, la democrazia, lo stato di diritto, la libertà di stampa, un mondo molto diverso" (nytimes.com, 18.03.2022/XNUMX/XNUMX: "Dispaccio dall'Ungheria: l'uomo che cerca di riportare il suo Paese nel mondo libero").

L'elenco dei candidati dell'opposizione mostra tutti i cantieri della politica ungherese, tutti i punti di contesa tra Bruxelles e Budapest e, soprattutto, mostra quanto l'Ungheria di Orban si sia allontanata dai valori dell'Unione Europea. Questo rende comprensibile il motivo per cui molti intellettuali non credono più in un risveglio democratico. Questo scetticismo suona anche dalle dichiarazioni dell'intervista di Ferenc Laczo, Professore Associato di Storia all'Università di Maastricht: 

"Scommetterei i miei soldi sul fatto che l'opposizione ottenga più voti di quelli di Orban festa di fedesz, quello ma il Fidesz mantiene la maggioranza parlamentare. La divisione dei distretti elettorali dell'Ungheria è così truccata che l'opposizione dovrebbe vincere con un margine dal 4 al 5 per cento per formare un governo. Le risorse di entrambe le parti sono distribuite in modo molto diseguale. La spudorata appropriazione di fondi statali da parte del Fidesz a. Tuttavia, credo che il risultato sarà molto vicino. L'opposizione ha buone possibilità di ottenere il maggior numero di voti. Ma ci vuole di più per vincere le elezioni”. 

giornale ipg, 25.03.2022/XNUMX/XNUMX: "Con le forze unite", intervista a Ferenc Laczo

Laczo sottolinea che la popolazione ungherese è molto europeista. E intrattiene - in vista degli sviluppi in Ungheria Viktor Orban – lo specchio davanti all'UE:

 “Molti trovano... la risposta europea alle azioni di Orban dal 2010 abbastanza deludente. Dopo il processo di transizione ei numerosi criteri di adesione che l'Ungheria ha dovuto soddisfare, l'opposizione aveva sperato e probabilmente si aspettava anche che l'UE avrebbe reagito in modo molto più deciso al declino democratico del Paese. L'opposizione è rimasta positiva nei confronti dell'Europa e dell'Occidente, mentre Orban ha violato le norme fondamentali in modi sempre più sfacciati. Tollerando per anni il regime di Orban, l'Ue rischia di alienarsi le forze democratiche e filo-europee del Paese". 

giornale ipg, 25.03.2022/XNUMX/XNUMX: "Con le forze unite", intervista a Ferenc Laczo

È chiaro che in Ungheria le elezioni del 3.04.2022 aprile XNUMX sono molto più di un nuovo parlamento. Catherine Kahlweit descrive la campagna elettorale, "una lotta culturale, una lotta di campo, una lotta tra due mondi collegati senza parole"essere. 

Dove sta andando l'Ungheria? Viktor Orban non è un europeo dal punto di vista politico, per lui e il suo partito Bruxelles fornisce solo i mezzi per rimanere al potere. Da lui non c'è da aspettarsi un'inversione di rotta verso il pensiero e la recitazione europei. L'Ungheria è il paradigma europeo delle democrazie che muoiono. Se vince le elezioni del 3.04.2022 aprile XNUMX, l'UE non ha altra scelta che applicare il meccanismo dello stato di diritto confermato dalla Corte di giustizia. 

Puoi supportare questo blog su Patreon!

Un pensiero su "Lo stato di diritto della Corte di giustizia"

  1. Caro signor Müller, grazie mille per questo contributo molto istruttivo. Ma ho i miei dubbi sul fatto che ci sia effettivamente un "punto di svolta" nella politica tedesca. Dopo uno shock iniziale e un corrispondente discorso del cancelliere, la politica tedesca sta ora cercando di rimettersi in carreggiata. Nel frattempo, si crede di nuovo che si può semplicemente stare fuori.

    E in vista della crescente minaccia rappresentata dalla dittatura di Putin, l'inversione di tendenza in termini di stato di diritto viene felicemente sospesa, soprattutto dai politici tedeschi. La Russia, la Polonia e l'Ungheria non sarebbero oggi in una situazione così grave se la Germania fosse consapevole della propria responsabilità nei confronti dell'Europa e promuovesse la democrazia invece di perseguire esclusivamente interessi economici.

    Purtroppo - anche dopo più di 70 anni - democrazia e diritti umani sono ancora merce di scambio nel nostro Paese.

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht.