ripensamenti

Foto in primo piano: Theaterschiff Heilbronn

Non c'è dubbio che i 6th Hertenstein Talks siano stati i migliori colloqui di questa serie di colloqui, inizialmente progettati per durare 12 anni. Ciò era certamente dovuto anche alla nuova sede, la nave teatro Heilbronn. Da un lato, ha offerto il team attorno al suo direttore artistico Christian Marten Molnar dopo i colloqui con l'opportunità di prendere parte alle prove del nuovo pezzo "der Eintänzer" un rinfrescante programma di supporto e d'altra parte il team di coffee bay di Jochen Wieland i partecipanti alla discussione per tutta la giornata con cibi e bevande e alla fine della discussione hanno offerto un ottimo buffet all'italiana.

Tuttavia, i colloqui non sarebbero stati possibili se alcuni membri dell'EUROPA-UNION non si fossero impegnati oltre il livello normale. Voglio prima la mia dolce metà Bettina Kummerle che ha fatto di tutto per settimane per attirare i federalisti europei da tutto il Baden-Württemberg a Heilbronn. E anche Ursula Hecht ha condotto una campagna per i colloqui nelle immediate vicinanze di Heilbronn fino alla fine e si è anche reso disponibile come redattore. Tommaso Heiligenmann ha assicurato che i membri del Presidium EUROPA-UNION del Baden-Württemberg potessero partecipare a una riunione del Presidium a Berlino tramite videoconferenza nel corso dei colloqui di Hertenstein. Herbert Burkhardt ha assicurato che la Heilbronner Marketing Gesellschaft mettesse a disposizione ulteriori locali e che l'ufficio operativo di Heilbronn issasse tre bandiere europee davanti alla nave teatro. Ultimo ma non meno importante, il Segretario generale di EUROPA-UNION si è recato in Germania Cristiano Muschio, nonostante un programma fitto, è venuto da Berlino con la moglie per poter prendere nuovamente parte ai colloqui.

Mi ha fatto piacere anche quello dott Vasilios Vadoka, Leonard Reinwald, Michael George Link MP, Franz Schirm , Herbert Steudel erano di nuovo a bordo. Inoltre, siamo stati in grado di persuadere altri nostri membri a partecipare, incluso Verena Dieye, Ingrid Eheim, Heiner Dorner, Thomas Michel , Wolfram Rodolfo. Ne sono stato particolarmente contento Florian Ziegenbalg la delegazione di Stoccarda, tra gli altri Simone Schmidt , Michele Conc guidato, Mannheim dal suo presidente distrettuale Pietro Schulze, Lussemburgo attraverso Manuel Schob, Heidelberg attraverso Prof. Dott. Walther Heipertz e Rems-Murr attraverso Katharina , dott Markus Schildknecht erano rappresentati. Dalla zona della Ruhr erano extra Andrea , Cai Barth arrivato e da Bruxelles Jean Marsi. Così potrebbe l'ex eurodeputato Evelyne Gebhardt sicuramente accoglierà una troupe eterogenea, che in tutto era composta da quasi 60 partecipanti.

La valutazione odierna e nel frattempo quasi obbligatoria dei sottobicchieri di birra ha mostrato che la maggior parte dei partecipanti era più che soddisfatta dell'evento, per cui dobbiamo considerare se e come possiamo tenere conto dei pochi suggerimenti per migliorare in futuro.

Tuttavia, era già evidente nel periodo che precedeva il 6° Hertenstein Talks che questi avrebbero prodotto un'intensità senza precedenti, e quindi non sorprende che un moderatore abbia distribuito un totale di 60 pagine di questi articoli ai discussant nel periodo precedente ai colloqui, e un altro moderatore ha addirittura ritirato la sua partecipazione alla preparazione dei colloqui, perché nel frattempo - dopo alcuni decenni di discussioni infruttuose - ha perso ogni fiducia nel senso e nello scopo di tali colloqui e vede il tempo per un La rivoluzione europea come più che venuta.

Questa intensità potrebbe essere rimasta nascosta ad alcuni dei nuovi partecipanti alla discussione, dal momento che può essere davvero rivelata solo se partecipi attivamente a questo processo di discussione nel corso degli anni e guardi ripetutamente gli argomenti ivi sollevati da una prospettiva diversa e allo stesso tempo riequilibrato.

Questa volta, tre punti mi hanno pesato più del solito e hanno mostrato chiaramente quanto sia diventato in stallo il carro europeo, nonostante la situazione molto precaria non solo in Europa ma nel mondo intero! Il fulcro della conversazione sull'attuale ed estremamente sanguinosa e costosa guerra in Ucraina ha mostrato chiaramente quanto sia pessima l'idea europea in realtà - e questo nonostante tutti i successi che sono già stati raggiunti negli ultimi decenni e che vale sicuramente la pena notare e menzionare! L'Europa ha restituito a noi cittadini dell'Unione la nostra sovranità e ha portato una prosperità prima inimmaginabile e senza precedenti, unita a un periodo di pace di oltre 75 anni e alla nostra aspettativa di vita di oltre 80 anni. Per non parlare delle democrazie funzionanti, dei diritti umani generali e civili europei che danno a tutti l'opportunità di realizzare la propria autorealizzazione senza dover offrire nulla in cambio.

Nonostante questo, o forse proprio per questo, sono rimasto più che sorpreso di tre punti. Il primo e meno tragico è lo sviluppo dopo che il Cancelliere federale ha proclamato la seconda svolta nella Repubblica federale di Germania Olaf Scholz nel marzo di quest'anno. Alcuni ricordano ancora la prima svolta, quella spirituale e morale, dell'allora Cancelliere federale Helmut Kohl, che ha riportato l'Europa e la Germania indietro di decenni e ha davvero aperto il divario tra la disuguaglianza sociale nella nostra società. L'attuale svolta ha nuovamente aperto la possibilità a una parte della nostra società di arricchirsi ulteriormente a spese della nostra società. E così, nel frattempo, i rappresentanti dell'industria delle armi tedesca e del commercio internazionale di armi si stanno precipitando per il paese, spiegando a tutti che gli USA sono in realtà dei protezionisti delle armi piuttosto terribili e che l'Europa può sopravvivere solo se diventiamo una potenza militare autonoma. Ovviamente, queste onorevoli colleghi sono interessati solo alla quota più grande possibile dei miliardi di dollari di spesa pubblica che ci si aspetta in futuro: i 100 miliardi di euro recentemente promessi alla Bundeswehr sono solo una piccola goccia nell'oceano, ma questo è motivo sufficiente per i lobbisti per partecipare alle nostre riunioni.

Anche se io stesso provengo originariamente dall'angolo economico liberale, devo riconoscere ed esigere che lo stato non debba lasciare questo al libero mercato quando si tratta di infrastrutture e soprattutto di armamenti - qui in particolare lo stato deve intervenire con forza per regolamentare il mercato, se non ignorare completamente il mercato. Inoltre, è assolutamente obbligatorio e vitale per i propri soldati (!) che le armi in particolare siano scambiate solo all'interno della propria alleanza e che il loro sviluppo e produzione siano organizzati in tutta l'alleanza (NATO) solo per motivi di costo, in modo che il necessario le quantità raggiunte possono diventare. Chiunque lo organizzi in modo diverso sovvenziona solo gruppi sociali molto specifici e mette in pericolo non solo la vita dei nostri soldati, ma l'intero Paese. Questo punto di vista non solo è stato espresso da me durante i colloqui, ma purtroppo anche respinto con veemenza da alcuni degli altri partecipanti ai colloqui e una presunta autonomia europea è stata elevata al non plus ultra.

Il secondo punto era la continua immanente glorificazione dello stesso stato-nazione. Anche le pubblicazioni diventano una Hannah Arendt ignorato, il che ha dimostrato molto tempo fa che lo stato nazionale è solo un prodotto della storia recente. E anche l'unico scopo dello stato nazione, ovvero quello di uno stato sociale, di garantire il benessere dei suoi cittadini, dovrebbe oggi essere messo in discussione: il Fondo sociale europeo o gli eurobond possono essere citati come buoni esempi. Per non parlare della sua impossibilità in tempi di globalizzazione; avvisi corrispondenti, come quelli di Michael Wolffshn, sono accuratamente ignorati dai difensori dello stato-nazione. Eppure è risaputo da molto tempo che i nostri Stati nazionali europei esistono solo oggi perché da decenni si stanno lentamente ma inesorabilmente dissolvendo in un insieme più ampio. E proprio come la Repubblica Federale Tedesca si è aggrappata alle strutture tradizionali per decenni e “paesi” come Saarland o Berlino sono stati tenuti in vita contro ogni ragione, così alcuni continuano a propagare la necessità di stati nazione in Europa; i cui sostenitori ovviamente riempiono interi libri. La giustificazione addotta è, oltre alla falsa affermazione che gli stati nazione sono strutture sociali antiche e quindi tradizionali, per lo più quella del sentimento di stato nazione, della propria identificazione con la nazione. Così facendo, dimentichiamo completamente che gli stati nazione sono strutture puramente politiche e che i cittadini tendono a sentirsi a casa nelle loro regioni, distretti e valli.

Il terzo punto è stato in definitiva quello decisivo per me e probabilmente ha portato anche un moderatore ad abbandonare prematuramente i colloqui. Eravamo dell'opinione che il percorso non potesse mai essere la meta! Ma la conclusione che noi esseri umani dovremmo essere effettivamente soddisfatti se continuiamo a essere sulla strada giusta verso un obiettivo ben specifico è corretta solo se è prevedibile che questo obiettivo sarà raggiunto anche dalle persone che stanno percorrendo questo percorso.

E non stiamo parlando di obiettivi così nobili come la pace nel mondo, la vita eterna o almeno la salute per tutta la vita, ma semplicemente e unicamente di un cambiamento nella struttura politica all'interno di una parte d'Europa molto gestibile.

E questo obiettivo è stato ridefinito e fissato nel 1945, dopo che le persone si erano già allontanate da un'unione mondiale nel 1946, ovvero la creazione di uno stato federale d'Europa! Al più tardi nel 1948, era chiaro a tutti gli europei che pensano politicamente che questo stato doveva essere democratico e strutturato a livello federale. Con la fondazione della Repubblica Federale di Germania, anche questo è diventato per noi una ragione di Stato. E i fatti degli ultimi decenni hanno dimostrato più volte che questo è l'obiettivo giusto per l'Europa e che noi europei siamo sulla strada giusta dal 1946: noi europei percorriamo questa strada da più di 75 anni, con il i primi che hanno percorso questa strada sono morti da tempo. Nel frattempo, la terza o quarta generazione di cittadini dell'Unione sta già seguendo questa strada.

Intendiamoci, "solo" una via verso l'obiettivo di un cambiamento strutturale politico - che avrebbe potuto essere attuato più volte e per un'ampia varietà di ragioni - senza che la grande maggioranza dei cittadini dell'Unione sia costretta a crisi o a grandi cambiamenti di comportamento in quanto un risultato.

Ecco perché penso che sia disumano mandare i tuoi cittadini su un percorso verso un obiettivo necessario e desiderabile senza dare loro l'opportunità o la possibilità di raggiungere questo obiettivo! E poi dire loro che devono essere felici e grati perché sono sulla strada giusta.

Dovremmo tutti parlare di che tipo di immagine umana c'è in realtà dietro una tale argomentazione.


2 pensieri su "ripensamenti"

Menzioni

  • #RECENSIONE | Hertenstein Talks il 17.09.2022 settembre XNUMX a Heilbronn - sul futuro dell'#Europa
  • Thomas Michl 🇪🇺

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato