Verso la costruzione della pace in Europa?

Post foto: bandiera europea fatiscente | © Shutterstock

Cosa possiamo augurarci all'inizio di quest'anno, se non il rapido e duraturo ritorno della pace in Europa, così come nel suo vicinato? Ciò implica il ripristino del rispetto del diritto internazionale, e quindi dei confini dell'Ucraina, quelli internazionalmente riconosciuti nel 1991.

Nell'attuale situazione geopolitica, alcuni fatti non incoraggiano l'ottimismo. La guerra contro il terrorismo islamista è meno prioritaria, ma rimane una bomba a orologeria, in particolare nel Sahel. L'esito della guerra in Ucraina rimane incerto, come spiegheremo in seguito.

L'egemonia degli Stati Uniti d'America è messa in discussione. Il confronto di potere, pur rimanendo al di sotto della soglia della guerra aperta, è tornato di attualità. Invadendo l'Ucraina, Putin ha spazzato via vent'anni di ripresa e integrazione della Russia nell'economia mondiale. Xi Jinping sta seguendo la stessa strada: sta minacciando Taiwan e la libertà di navigazione nel Mar Cinese, così come l'India, mentre non può debellare la pandemia di Covid-19. Il signor Erdoğan sta facendo il doppio gioco tra Occidente e Russia, mentre la sua economia sta andando molto male.

In questo contesto, la solidarietà transatlantica è più che mai necessaria. La massa critica necessaria per fronteggiare il blocco formato da Cina, Russia, Iran e Corea del Nord potrebbe essere messa insieme solo unendo le capacità americane, europee e giapponesi, sudcoreane, taiwanesi, australiane e neozelandesi, a patto che ciascuno contribuisca secondo il proprio popolazione e prodotto interno lordo.

L'Europa, indecisa e impotente

Diciamo che le capacità europee sono ridicole rispetto a quelle degli Stati Uniti d'America, perché non esiste una “difesa europea” e perché gli Stati europei si sono disarmati a dismisura dalla fine della guerra fredda., L'Europa dovrebbe agire come Charles de Gaulle fatto nei primi anni '1960, in modo che la Francia potesse contribuire ad affrontare la minaccia sovietica in Europa. Ha creato una forza di deterrenza nucleare, un corpo di battaglia aria-terra, una forza di difesa territoriale e forze per intervenire fuori dall'Europa per mantenere o ripristinare la pace nel nostro vicinato. Così dovrebbe essere concepita una difesa europea. Ciò richiede in particolare poteri esecutivi e legislativi europei legittimi, effettivi ed efficienti.

L'Europa non deve più, per il momento, partecipare a varie coalizioni guidate dagli Stati Uniti d'America contro i cosiddetti Stati canaglia, condurre campagne aeree, fornire forze di pace, forze di interposizione o stabilizzazione o forze per l'intervento umanitario. Ha l'opportunità, per un certo periodo, di concentrarsi sulla minaccia principale. Si trova di fronte al fatto che la guerra in Europa non è più impensabile. Era già così vent'anni fa, durante l'implosione dell'ex Jugoslavia, ma i nostri leader hanno poca reattività o memoria. Non hanno sviluppato autonomia strategica, cioè politico-militare, né a livello degli Stati, che non hanno più i mezzi per farlo, né a livello europeo, perché ciò implicherebbe il trasferimento ad esso di un certo numero di poteri sovrani e competenze simboliche degli Stati.

Questo rimane un passo difficile da compiere per i nostri governi. Anche i drammatici eventi in corso in Ucraina non sembrano generare la necessaria volontà politica, anche se l'opinione pubblica è sempre più consapevole dell'urgenza di questo trasferimento. Questo non è sorprendente. Quasi ovunque, in tutte le aree, assistiamo ad un crescente divario tra i popoli ei loro rappresentanti eletti.

L'Unione Europea (UE) e alcuni Stati europei sono stati in grado di fornire all'Ucraina aiuti minimi, molto inferiori a quelli americani e britannici: i britannici fanno quasi quanto i 27, gli americani da dieci a venti volte di più. Lo strumento europeo per la pace ha contribuito a questa azione dell'UE attraverso una trasmutazione. Istituito nel luglio 2020 per finanziare attrezzature, principalmente non letali, per i paesi del Sahel che l'Europa sosteneva nella loro lotta al terrorismo islamista, nel 2022 ha consentito principalmente all'UE di rimborsare la fornitura di armi letali da parte degli Stati membri all'Ucraina. Tuttavia, si trattava di soli 3 miliardi di euro in dieci mesi, poiché la dotazione settennale era esaurita.Il Consiglio europeo ha pertanto deciso di aumentare tale dotazione di 2 miliardi di euro a breve termine e di 5.5 miliardi di euro a medio termine e se necessario, dopo tre mesi di discussioni. Questo sembra quasi alla burocrazia europea, ma è troppo lungo in tempo di guerra. Ciò conferma sia l'incapacità della nostra governance intergovernativa di gestire le crisi sia l'indigenza degli europei continentali, quasi sei anni dopo le dichiarazioni di Macron a favore di una difesa europea. Invece di fare ciò che è necessario per realizzarla, ha accettato la cooperazione strutturata permanente (PESCO) sullo sterile modello tedesco.

Cooperazione permanentemente strutturata: una cortina fumogena

La PESCO “tedesca”, come aveva previsto il presidente Chirac fin dal 2000, si è dimostrata incapace di sopperire alle nostre carenze di capacità e al nostro ritardo tecnologico.

La relazione intermedia dell'alto rappresentante sul PSC del luglio 2022 ha rivelato ancora una volta che non mantiene le sue promesse. La relazione mostra che la maggior parte degli Stati membri ha aumentato la propria spesa per la difesa, nel tentativo di raggiungere il 2% del prodotto interno lordo, ma gli obiettivi del 20% della spesa in R&S e del 35% della spesa in attrezzature in cooperazione sono lungi dall'essere raggiunti. Gli appalti congiunti sono persino diminuiti dall'11% nel 2020 all'8% nel 2021. Persistono molte carenze nei contributi alle missioni e operazioni militari dell'UE, ai gruppi tattici dell'UE, alla forza di reazione rapida, alle strutture di comando e controllo per le missioni e le operazioni, compresa la pianificazione militare dell'UE e capacità di condotta (MPCC). Gli Stati fanno scarso uso delle competenze dell'Agenzia europea per la difesa e degli strumenti di pianificazione e sviluppo delle capacità dell'UE.

La relazione del Parlamento europeo del dicembre 2022 sul PSCO lamenta che gli Stati membri non stanno facendo pieno uso del quadro PSCO e che i progressi nella sua attuazione rimangono ampiamente al di sotto delle aspettative. Ritiene che non siano state messe in atto misure solide ed efficaci per scoraggiare l'aggressione russa contro l'Ucraina. Ritiene che l'Europa stia affrontando la più complessa combinazione di minacce dalla fine della guerra fredda e che, in risposta, l'UE debba urgentemente rafforzare l'efficacia della sua politica estera, di sicurezza e di difesa e quindi le sue capacità in questo settore. Sottolinea che tra il 1999 e il 2021 la spesa per la difesa dell'UE è aumentata del 20%, rispetto al 66% per gli Stati Uniti d'America, al 292% per la Russia e al 592% per la Repubblica popolare cinese, e che questi ultimi due paesi utilizzano il loro potere militare per intimorire, minacciare e attaccare i loro vicini.

Deplora il fatto che la frammentazione industriale dello sviluppo e dell'approvvigionamento delle capacità militari europee costi tra i 25 ei 100 miliardi di euro all'anno e abbia un impatto considerevole sulla competitività complessiva del settore della difesa. Si rammarica che gli Stati membri abbiano acquistato in collaborazione solo l'11% delle loro attrezzature totali nel 2020 e l'8% nel 2021, nonostante il loro impegno a raggiungere il 35% degli appalti comuni per la difesa.

Ricorda che l'ambizione dell'UE di agire nel campo della sicurezza è stata espressa più di 20 anni fa e che i risultati in termini di capacità, interoperabilità e cooperazione rimangono limitati, nonostante l'istituzione dell'Agenzia europea per la difesa, il piano di sviluppo delle capacità, la PESCO, la capacità di pianificazione e condotta militare (MPCC) e la revisione annuale coordinata della difesa.

Denuncia il fatto che dal 2017 sono stati avviati 61 progetti nell'ambito della PESCO senza che nessuno di essi abbia ottenuto risultati tangibili; che la Commissione europea e il Servizio europeo per l'azione esterna hanno proposto l'istituzione dello strumento per rafforzare l'industria europea della difesa attraverso appalti congiunti (EDIRPA), che dovrebbe essere dotato di soli 500 milioni di euro, circa 1 euro per cittadino europeo.

Afferma che le missioni e le operazioni PSDC risentono della lentezza del processo decisionale e dell'eccessiva microgestione da parte del Consiglio europeo.

D'altro canto, il rapporto ritiene erroneamente che la bussola strategica “costituisca una dinamica importante che potrebbe fornire lo slancio necessario per la creazione di un'autentica Unione della difesa, in grado di consolidare l'approccio integrato dell'UE e consentirle di essere un vero attore nella campo della sicurezza e un partner affidabile”.,

Ciò trascura il fatto che la bussola strategica è solo una dichiarazione di intenti, che non può porre fine alla spesa dispendiosa per la difesa in Europa, in quanto l'uso della forza rimarrà una prerogativa degli Stati. Perché l'Europa diventi una potenza militare effettiva ed efficiente, e quindi deterrente, è necessario e sufficiente che crei uno Stato federale.

La guerra in Ucraina

Putin ha fermato temporaneamente la riconquista ucraina dell'oblast di Luhansk grazie alla stagione delle piogge, alla mobilitazione e al ripristino di una disciplina stalinista: il divieto di resa e i distaccamenti di sbarramento di secondo scaglione: la morte è certa se ti ritiri, la morte è possibile se ti avanti.

Trascurando il fallimento di Hitler con i suoi missili V1 e V2, Putin ha poi bombardato con missili e droni per distruggere l'infrastruttura civile vitale dell'Ucraina, ma la mancanza di munizioni e la crescente efficacia della difesa aerea, missilistica e dei droni dell'Ucraina, grazie alle consegne di sistemi occidentali, è riducendo gradualmente i danni.

L'Ucraina ha sviluppato la sua capacità di colpire lontano in Russia. Due basi russe sono state colpite il 6 dicembre, a 850 km e 700 km da Kharkiv, oltre che in Crimea e persino a Novorossiysk nel Caucaso., Ciò minaccia l'approvvigionamento delle truppe russe di stanza in Crimea, ma anche quelle sulla riva sinistra del Dnepr, a ovest di Melitopol. Una svolta ucraina nell'oblast di Zaporizhia taglierebbe in due l'area che collega la regione russa di Rostov sul Don e la Crimea. Una svolta ucraina del fronte Svatove-Kreminna potrebbe costringere la Russia a evacuare almeno la parte dell'Oblast di Luhansk che ha invaso nell'estate del 2022.

Putin sta cercando di convincere l'opinione pubblica occidentale a smettere di aiutare l'Ucraina, facendo leva sulle conseguenze della guerra sulla vita quotidiana e sulle paure, soprattutto del conflitto globale. A questo proposito, generale in pensione Ben hodges, ex comandante delle forze di terra statunitensi in Europa, ritiene che se Putin dovesse usare un'arma di distruzione di massa, nucleare, chimica o batteriologica, Biden probabilmente si vendicherebbe violentemente, ma con armi convenzionali. Avrebbe potuto distruggere basi russe, posti di comando e armamenti nell'Ucraina occupata, inclusa la Crimea, ma anche nel Mar Nero, Transnistria, Abkhazia, Ossezia meridionale e Siria. Anche le varie basi di Wagner in Africa sono vulnerabili.

A forza di sconfitte Putin finirà per essere sfidato, l'apparato di sicurezza non lo sosterrà a tempo indeterminato. L'avventurismo di Krusciov durante la crisi cubana ha causato la sua cacciata. Un regime di Mosca più democratico e meno aggressivo potrebbe gradualmente normalizzare le sue relazioni con l'Occidente, soprattutto se l'Europa acquisisse forze deterrenti per mantenere la pace interna e contribuire a ristabilire la pace in Ucraina, Moldavia e Georgia.

Cosa dovrebbe essere fatto?

La difesa dell'Europa dovrebbe diventare una parte più importante del progetto europeo. È necessaria una maggiore integrazione degli sforzi militari dell'Europa. L'Europa dovrebbe avere capacità di difesa, una catena di comando forte, affidabile ed efficiente e un rapido processo decisionale, ma senza sovrapposizioni o duplicazioni con la NATO. Il conflitto in Ucraina ha mostrato le debolezze di un esercito russo che non valorizza l'istruzione e la formazione professionale, non ha una dottrina adatta a un ambiente operativo mutevole, disperso e complesso e non ha un processo decisionale rapido. In via prioritaria, i nostri eserciti dovrebbero investire in personale, istruzione, addestramento e infrastrutture per supportare il personale nelle guarnigioni e nelle operazioni.

In secondo luogo, per evitare sorprese strategiche, dovremmo raggiungere la superiorità tecnologica, per dissuadere chiunque dall'iniziare una guerra convenzionale. Ciò richiede brevi processi di approvvigionamento della difesa, per essere in grado di adattare le nostre forze a circostanze impreviste, e una base industriale e tecnologica di difesa agile e solida, orientata alla cooperazione, deframmentata e all'avanguardia. Per questo la nostra spesa per la difesa deve diventare efficiente.

I concetti di messa in comune e condivisione nel quadro dell'UE e di difesa intelligente nella NATO non sono riusciti per un decennio ad aumentare l'interoperabilità. Solo un'Europa federale può stabilire una difesa significativa in Europa. Sembra utopico, ma Cavour e Garibaldi non hanno unificato un'Italia che era stata frammentata dalla caduta dell'Impero Romano?

A differenza dei loro concittadini, molti leader europei sostengono ancora che solo una capacità nazionale consente di agire, al momento giusto, per lo scopo giusto, per rispondere alle minacce e garantire la sicurezza. Per questo vogliono la cooperazione con altri Stati solo attraverso trattati specifici, mentre la vita dei soldati degli eserciti nazionali non dovrebbe essere messa a rischio sulla base di una decisione unanime del Consiglio europeo.

In Europa c'è un degrado della democrazia: mentre negli Stati nazionali la sovranità è passata progressivamente dal sovrano al popolo, nell'UE è vero il contrario: il Consiglio europeo ha progressivamente concentrato la maggior parte del potere. Il Parlamento europeo, eletto direttamente ma illegittimamente, gli è diventato subordinato, così come la Commissione europea ei parlamenti nazionali.

Pertanto tutti gli europei dovrebbero sostenere gli sforzi del S€D per realizzare un'Europa federale, che è una condizione necessaria per l'istituzione di una difesa europea efficace ed efficiente.


, I principali paesi europei (Francia, Germania, Italia, Olanda, Norvegia, Polonia, Spagna, Turchia e Regno Unito) avevano 18,941 carri armati nel 1992, che scenderanno a 4,372 nel 2022, cioè un calo del 77%; 3,660 aerei da combattimento, che scenderanno a 1,586, cioè un calo del 57%; 180 grandi navi da combattimento, che scenderanno a 109, cioè un calo del 39%; e 107 sottomarini, che scenderanno a 57, cioè un calo del 47%. Anche i dati del 2022 devono essere ridotti del 30-60% a seconda del Paese e del tipo di sistema d'arma, per ottenere i numeri dei sistemi operativi. Questi non sono molto interoperabili, dato il gran numero di tipi di carri armati, veicoli corazzati da combattimento, artiglieria, aerei ed elicotteri da combattimento, navi, missili, ecc. Vedi Georgiana Cavendish, David Chinn, Nadine Griessmann, Ugo Lavandier e Tobia Otto, Invasione dell'Ucraina: implicazioni per la spesa europea per la difesa, McKinsey & Company, https://www.mckinsey.com/industries/aerospace-and-defense/our-insights/invasion-of-ukraine-implications-for-european-defense-spending, Dicembre 2022.

, Tom Vandendendelaere, Rapporto annuale 2022 sulla mise en œuvre de la politique de sécurité et de defence commune, Bruxelles, Parlamento europeo, A9-0296/2022, https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/A-9-2022-0296_FR.html, 13/12/2022.

, Hans Peter Midtun, “Guerra russo-ucraina. Giorno 286: le truppe russe hanno lanciato un massiccio attacco missilistico contro le infrastrutture critiche e civili dell'Ucraina "in Euromaidanpress, https://euromaidanpress.com/2022/12/06/russo-ukrainian-war-day-286-russian-troops-launched-a-massive-missile-attack-on-the-critical-and-civilian-infrastructure-of-ukraine/, 6/12/2022.


  • Caro Jean, proprio per tutte le argomentazioni sopra riportate, non credo che andare da soli in Europa sia fattibile o opportuno.

    Ci sono motivi per cui abbiamo la NATO e sono ancora più seri oggi di quanto non lo fossero allora.