americani

Foto del post: bandiera degli Stati Uniti | © Pixabay

Non solo dalla liberazione della Germania dal nazionalsocialismo nel 1945, gli americani sono stati parte integrante del nostro paesaggio urbano, perché le relazioni tedesco-americane sono molto più profonde, ma senza il merito dei soldati statunitensi dal 1945 al 1992 per il nostro paese in generale e in particolare il voler sminuire la città di Heilbronn.

Dal 18° secolo al più tardi i tedeschi emigrano, a volte anche in massa, negli Stati Uniti d'America, e da allora ci sono sempre state migrazioni di ritorno, visite dagli USA e, soprattutto, il sostegno americano non solo per Germania restanti membri della famiglia.

Ma è anche un dato di fatto che gli americani, dopo la fine della seconda guerra mondiale, hanno avuto un grande impatto sul paesaggio urbano di Heilbronn e probabilmente costituivano anche la minoranza più numerosa di Heilbronn fino al 1992.

Gli americani non solo vivevano in numerose baracche dentro e fuori Heilbronn, ma erano anche i benvenuti inquilini di appartamenti e case. Non solo i concessionari di auto di Heilbronn, le compagnie di taxi e soprattutto il settore della ristorazione difficilmente sarebbero esistiti in questa varietà, quantità e qualità senza i nostri concittadini americani.

Il fatto che Heilbronn sia ora collegata alla rete idrica del Lago di Costanza è merito anche degli americani, che per primi chiesero il serbatoio d'acqua "Schweinsberg" con una capacità di 24.000 m³ per le loro baracche sottostanti.

Per noi Heilbronner, che abbiamo vissuto a Heilbronn dagli anni '1950 agli anni '1990, era probabilmente impossibile non entrare in conversazione con gli americani o addirittura coltivare conoscenze e persino amicizie. E l'annuale festival popolare tedesco-americano manca a molti, me compreso.

E quindi non sorprende che ci siano ancora americani a Heilbronn che sono rimasti qui per amore o semplicemente perché a Heilbronn gli piace.

La mia relazione con gli americani inizialmente era di famiglia, poiché una zia sposò un soldato americano di Neckarsulm e un'altra zia riuscì a emigrare negli Stati Uniti con l'aiuto di una famiglia americana di Heilbronn.

In seguito è stato lo sport a mettermi in contatto con i miei compagni americani, dato che i soldati più giovani erano sempre alla ricerca di ragazzi con cui giocare a basket o all'allenamento del teakwondo, cosa che la comunità americana aveva sempre ottimi allenatori da mostrare per questo. mi piace ricordare Marte Sagario e le sue sessioni di allenamento indietro. Anche quando si ballava c'erano sempre dei punti di contatto, perché i genitori americani, almeno quando ero piccolo, amavano anche mandare i figli a scuola di ballo.

Più recentemente, i miei rapporti con la comunità americana sono stati più professionali, poiché da soldato, quando ero a Heilbronn, mi piace usare il casinò locale o approfittare del PX, poiché avevo imparato ad amare il burro di arachidi, i popcorn e il gelato fin dalla mia giovinezza.

È interessante notare che, dopo il suo apprendistato in banca e un soggiorno negli Stati Uniti, la mia futura moglie ha trovato lavoro in una banca statunitense, che a quel tempo gestiva filiali nella caserma di Heilbronn, tra l'altro.

Certo, ci sono sempre stati disaccordi tra la popolazione civile di Heilbronn e la loro guarnigione, ma questi sono inerenti a tutte le città di guarnigione e quindi non indicano un cattivo rapporto tra gli americani e noi tedeschi o una cattiva condotta "americana", ma solo un individuo puro, lasciamo ridurre.

Al contrario, fin dall'inizio, molte persone a Heilbronn hanno visto i loro compagni americani come puri occupanti, e quindi la guerra persa non come la liberazione da un regime terroristico, ma come un'altra vergognosa sconfitta nazionale.

A questo si è aggiunto il puro razzismo, che è stato sorprendentemente sostenuto da non poche persone di Heilbronn: i cartelli "OFF LIMITS" sono sicuramente ancora ben ricordati da tutti noi.

All'inizio o alla metà degli anni '1980, ho dovuto sperimentare di persona che questo era un grosso problema a Heilbronn quando ho portato sconsideratamente due compagni neri africani a Heilbronn per alcuni giorni; Ho ancora bei ricordi del rigido shock sui volti di molte persone a Heilbronn che in precedenza si erano abituate ai soldati neri statunitensi.

Al culmine della Guerra Fredda, i nostri concittadini americani divennero la superficie di proiezione di tutto l'odio e di tutti i pregiudizi della Quinta Colonna, che almeno a quel tempo aveva anche moltissimi e attivissimi membri a Heilbronn.

Con la fine della Guerra Fredda e la riunificazione della Germania, tutti concordarono sul fatto che il Moro avesse fatto il suo dovere e all'unanimità chiese e promosse la ridistribuzione delle forze americane.

Da un lato, le proprietà abbandonate degli Stati Uniti e della Bundeswehr erano estremamente preziose per l'ulteriore sviluppo di Heilbronn, ma dall'altro Heilbronn ha anche perso molto quando gli americani se ne sono andati.

Perché la città di Heilbronn è diventata più povera, proprio come dopo l'espulsione e lo sterminio dei nostri concittadini ebrei, con la partenza dei nostri concittadini statunitensi - anche se questo non si nota subito nel portafoglio.


"Quando una cosa è fatta, è fatta. Non guardare indietro. Attendo con ansia il tuo prossimo obiettivo". 

giorgio marshall, citato da Tom Callahan (2 giugno 2005)

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato