Bertrand Russell

Foto del post: time out | © Shutterstock

Con un messaggio di Bertrand Russell, che ha regalato alle generazioni future già nel 1959, vorrei prendermi una pausa, seppur piccola, lentamente ma inesorabilmente.

L'intera intervista "Face to face", che Bertrand Russell ha già 87 anni, lo trovate qui in una versione di quasi 30 minuti:

Bertrand Russell Fu un famoso filosofo, matematico, logico e critico di religione, che ricevette anche il Premio Nobel per la Letteratura nel 1950.

Probabilmente ci è più noto per quello che è probabilmente il miglior libro sull'SPD, "Die deutsche Sozialdemokratie", che scrisse già nel 1896, o per il suo lavoro sul bolscevismo, "La pratica e la teoria del bolscevismo" (1920). . Per quanto ne so, non ha mai scritto dei partiti dell'Unione tedesca, i rispettivi politici professionisti qui tradizionalmente e volentieri lo fanno da soli. Sebbene non ricevano un premio Nobel per la letteratura per i loro saggi migliorati sul sentimento, vengono regolarmente insigniti di dottorati presso Università tedesche — che nel frattempo consentono di trarre buone conclusioni sulla qualità e la moralità delle facoltà pertinenti delle nostre università.

Ma ha scritto di "matrimonio e moralità" (argomenti puri dell'Unione) e ci ha anche spiegato perché non era cristiano: probabilmente conosceva troppi pastori o presunti politici cristiani. Il che potrebbe averlo motivato già nel 1953 al seguente libro: "Satana nei sobborghi e altre storie".

Penso ancora che i suoi scritti sulla storia della filosofia occidentale (1946) siano eccitanti e credo che con il libro "La conquista della felicità" (1930) abbia avviato un tipo completamente nuovo di libri di auto-aiuto che non sono più disponibili nel nostro le librerie sono indispensabili.

Come ho detto, ora mi sto prendendo una piccola pausa e sto valutando anche se posso fare a meno dei social media e di altri piccoli aiutanti che ho imparato ad amare.


"I meriti della democrazia sono negativi: non assicura il buon governo, ma previene certi mali".

Bertrand Russell, Una nuova analisi sociale (1938)

2 pensieri su "Bertrand Russell"

  1. Ciao caro Enrico
    Sono appena tornato da una settimana a New York, dove mio figlio era con la sua famiglia e ha finito un anno e mezzo di post-dottorato, ma voleva mostrarci di nuovo la "sua" New York.

    L'appendice con Russel è ovviamente molto impressionante. Devo ancora guardare l'intera mezz'ora.

    Vorrei commentare con molta cautela il tuo piano di ritirarti per il momento — se ho ben capito: dal tuo fitto blog — ma dal mio punto di vista sono d'accordo con te se lo vedi come una rottura e non come un fine.

    Ho avuto l'impressione che tu fossi e fossi così carico di questa nuova guerra di merda -- anche a causa delle tue esperienze professionali a volte drammatiche -- che a volte si esprimeva molta rabbia e amarezza. Questo è comprensibile, ma se non fai performance art o simili, per esempio, e puoi e vuoi affrontare e trasportare tu stesso le forti emozioni ad esso associate, e quindi affrontare le emozioni attraverso le emozioni, probabilmente diventerà anche più stressante e quindi anche sempre più soggettivo, perché poi bisogna continuamente spiegare il contrario: che quella che dici è una “oggettività” voluta, che può e può derivare solo da un approccio più sobrio, più razionale, se non esanime, al oggetto.

    Ma dopo tutto quello che c'è in te - penso anche alla frustrazione per l'Europa e dopo il tuo temporaneo calo di salute - quest'ultimo forse non è davvero il mezzo adeguato e buono per te al momento: ti scalda ancora di più.
    Spero che non troviate queste mie affermazioni -- che ovviamente comportano un po' di rischio -- non offensive. A presto, a un certo punto sono sicuro anche delle "chiacchiere", il che è un po' una seccatura, ma corrisponde anche quasi a un dovere che riconosci, quindi non te ne lamenti, soprattutto perché è "mantenersi entro i limiti"...

    Walther

    1. Caro Walther, grazie per le tue parole compassionevoli. Non sei il primo lettore che vorrebbe rileggermi presto. E non posso farne a meno così tanto. Se tutto va bene, mercoledì sarò su un aereo per gli Stati Uniti e lascerò penzolare i piedi. Sfortunatamente, questa volta non posso andare a New York, dovrebbe essere un po' rilassante. Heinrich

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato