modello di democrazia

4.5
(2)

Posta foto: Cittadino | © Atena a Pexels

Alla fine del suo libro Walden mette 1854 Henry David Thoreau la domanda: "è una democrazia come la conosciamo, l'ultimo miglioramento possibile nel governo?"

Purtroppo a questa domanda, soprattutto in quelle parti del mondo dove spesso il moccio sta correndo sulle guance dei cittadini, si risponde sempre più spesso con un no e subito si rimettono in gioco forme di governo del tutto antiquate. I politici conservatori, che hanno sempre fatto finta di avere almeno orecchio per il popolo, da tempo affermano di essere in realtà nipoti dell'imperatore e poi subito von Carlo Magno essere o appendono immagini di grandi dimensioni di regine in ufficio.

Sempre più tedeschi stanno scoprendo, e ora di nuovo in modo abbastanza pubblico, che le ex dittature, sia la Germania nazista che la RDT, in realtà non erano poi così male. Senza dubbio, la nostra attuale democrazia ha un problema.

Anche se non so io stesso che tipo di modelli di governo saranno sul mercato tra qualche migliaio di anni, rimango fermamente convinto che almeno allora il dominio popolare sarà ancora tra i modelli di maggior successo. E non c'è dubbio che la democrazia in tutte le sue manifestazioni - modelli socialisti o controllati a parte, che si travestono solo da democrazia - è attualmente lo stato dell'arte in tutto il mondo!

Ma come si vede, tutte le democrazie, siano esse svizzere, statunitensi, britanniche, francesi, italiane, giapponesi o nostre, hanno i propri problemi da affrontare. Uno di questi problemi è che sempre più cittadini presumono che la democrazia non sia governata dal popolo. Un altro è che alcuni cittadini non vogliono nemmeno governarsi da soli, ma aspettano con impazienza che qualcuno faccia saltare la marcia per loro. Un terzo, vale a dire molti cittadini si stanno lentamente ma sicuramente rendendo conto che il (buon) governo ha anche qualcosa a che fare con il lavoro. Per cui poi giungono alla conclusione che la democrazia non è così importante per loro da affrontarla sotto forma del proprio lavoro - almeno finché il suddetto moccio scorre sulle loro guance. L'ultimo problema è probabilmente così antico che è stato già discusso nella Bibbia.

E quindi non sorprende che i modelli di democrazia rappresentativa siano stati sviluppati e scelti come forma di governo molto presto, proprio come la nostra stessa democrazia.

Per decenni, io stesso sono stato un sostenitore della democrazia rappresentativa perché, tra tutte le forme di democrazia, è stata la migliore in grado di coprire le dimensioni e la complessità del nostro stato e ha anche tenuto abbastanza sotto controllo il terzo problema menzionato.

Nel frattempo, però, devo dire che la nostra democrazia rappresentativa non è più vista così positivamente agli occhi di molti cittadini, probabilmente perché sempre più dubitano di essere loro stessi ancora rappresentati dai loro rappresentanti.

Mi sta diventando sempre più chiaro che l'arroganza umana che colpisce la maggior parte di noi è il più grande nemico della democrazia rappresentativa. E così una cosa è effettivamente cambiata in Germania negli ultimi duecento anni, e cioè che le decine di principi tedeschi sono ora diventati migliaia di piccoli principi tedeschi che, come i loro predecessori, si aggrappano ai loro troni e si accontentano di se stessi.

Questo enorme problema potrebbe essere risolto solo con un limite di tempo generale, ma ciò richiederebbe una rivoluzione in Germania che oscurerebbe completamente quella del 1848 - che è del tutto impensabile in Germania.

E anche se ci fosse un termine limite, probabilmente non renderebbe più giustizia al tempo di oggi, perché il mondo si sta muovendo più velocemente di quanto tutti vorremmo ammettere.

Ecco perché giungo alla conclusione che dovremmo abbandonare del tutto il modello rappresentativo della democrazia e passare alla democrazia diretta.

Noi tedeschi eleggiamo i nostri cancellieri e primi ministri ogni quattro anni. E poiché i ministri tedeschi non sono più buoni funzionari pubblici, lo sono anche loro. Il rispettivo capo del governo mette quindi insieme il proprio governo.

I parlamenti vengono aboliti, al loro posto quelli che allora erano ex servizi scientifici si espandono in "agenzie decisionali". Questi sono tutti composti da dipendenti pubblici che hanno almeno un QI di 130 e un titolo universitario e devono superare un apposito esame di ammissione; i risultati saranno pubblicati.

Noi tedeschi stiamo assumendo l'intera legislatura, con i governi che continuano a mantenere l'iniziativa legislativa, ma quella di noi cittadini viene ulteriormente rafforzata. Tutti i disegni di legge sono preparati o modificati dalla rispettiva autorità decisionale e presentati al sovrano - cioè a noi - per una decisione in modo del tutto neutrale. Tale neutralità è elevata a "ragione di Stato" e il funzionario che non vi si attiene viene immediatamente licenziato.

Tutte le iniziative legislative ei progetti di decisione vengono pubblicati e, in linea di principio, rilasciati per la discussione generale per almeno quattro settimane prima che i rispettivi cittadini tedeschi decidano a maggioranza.

Al giorno d'oggi, quando abbiamo Internet e persino i primi strumenti di intelligenza artificiale, non è più un problema sociale o tecnologico per un cittadino tedesco leggere le bollette, saperne di più se necessario e poi decidere da solo può — non deve.

Una futura settimana di quattro giorni invita i cittadini a trascorrere un'intera giornata occupandosi di politica e alla fine diventare zoon politikon.


"Se fossimo lasciati esclusivamente all'arguzia prolissa dei legislatori del Congresso per la nostra guida, non corretti dall'esperienza stagionale e dalle efficaci lamentele della gente, l'America non manterrebbe più il suo rango tra le nazioni".

Henry David Thoreau, Walden (2020 [1854]: 336)

Quanto è stato utile questo post?

Clicca sulle stelle per votare il post!

Valutazione media 4.5 / 5. Numero di valutazioni: 2

Nessuna recensione ancora.

Mi dispiace che il post non ti sia stato utile!

Mi permetto di migliorare questo post!

Come posso migliorare questo post?

Visualizzazioni della pagina: 5 | Oggi: 1 | Conteggio dal 22.10.2023 ottobre XNUMX

Condividere:

  • Lo "zoon politikon" è semplicemente un eufemismo obsoleto per "essere sociale e politico".
    Il termine si riferisce alla comprensione della politica nell'antica Grecia (Polis), quando solo gli uomini erano coinvolti nella politica. Alle donne era proibito avere voce in capitolo, così come i cittadini non liberi e gli schiavi.
    Nella forma pura di intendere il termine, ci si aspetterebbe un passo indietro sociale ed è dubbio che questo passo indietro sia desiderabile.

    La democrazia ha davvero molti punti deboli e avrebbe senso avere limiti di durata che compensino alcune delle debolezze umane.
    Ma questo richiede sempre una certa forma di lungimiranza, che non è data a tutti e non tutti possono o sono in grado di realizzare.

    Forse il Formwelt/P.Peyn può presentare qui un quadro significativo, che sarebbe positivo per la democrazia nel suo complesso.
    Far entrare il formalismo in un disegno di legge (generalmente comprensibile) e approvarlo allo stesso tempo è un'impresa diversa.

    https://de.wikipedia.org/wiki/Zoon_politikon

    [Questo posto è stato approvato da me, anche se non posso assegnarlo a nessuno. Ma anche se è stato scritto da un chatbot, penso comunque che valga la pena leggerlo.]