reddito di base

5
(1)

Post foto: Banconote | © Pixabay

L'idea di un reddito di base incondizionato è diventata sempre più popolare negli ultimi anni e all'inizio ero anche molto affettuoso. Ma se qualcosa sembra troppo bello per essere vero, dovresti dare un'occhiata più da vicino all'intera faccenda.

In parole povere, ogni cittadino e probabilmente anche ogni altra persona che vive nel paese o nell'Unione Europea dovrebbe avere accesso a un reddito di base, il cui importo è ancora da determinare e deve essere continuamente adeguato, che proviene dal bilancio generale della Repubblica federale, degli altri paesi partecipanti o eventualmente anche dal bilancio dell'Unione europea, il che è particolarmente vero per i paesi che non sono mai stati in grado di autofinanziarsi.

L'opinione attualmente prevalente è che il reddito di base incondizionato sia finanziato dalla tassazione addizionale di beni e servizi e da altre imposte su coloro che, a parere della maggioranza, hanno troppi soldi. Tuttavia, l'argomento killer è che il reddito di base incondizionato è destinato a sostituire tutti gli altri pagamenti di trasferimento dallo stato ai cittadini e ad altre persone che vivono nel paese e che può quindi essere finanziato.

Anche se non sono un esperto in materia finanziaria, ho i miei dubbi quando si tratta di finanziare un reddito di base incondizionato. Da un lato, sarebbero che la tassazione addizionale dei ricchi può essere più un'azione una tantum, poiché perderanno le loro risorse finanziarie o non le rigenereranno più. E d'altra parte, lo stato difficilmente rinuncerà volontariamente alla funzione di guida dei trasferimenti di pagamento, così che ulteriori pagamenti di trasferimento, come assegni familiari, indennità di viaggio, indennità di costruzione, sussidi per la protezione del clima o come vengono chiamati, verranno aggiunti a il reddito di base incondizionato - e questo da solo è già l'accessibilità economica di un reddito di base incondizionato in questione.

Indipendentemente dal fatto che un reddito di base possa essere finanziato, mi pongo la questione della sua efficacia. Posso solo pensare che sia positivo che, visto in positivo, lo Stato stia limitando la sua funzione di guida a noi cittadini, ma credo piuttosto che, visto in negativo, lo Stato vorrebbe espandere ulteriormente la sua funzione di potere sui cittadini nella migliore base la comprensione socialista e ulteriori ostacoli all'autodeterminazione, soprattutto perché l'importo del reddito di base incondizionato sarà una decisione puramente politica che difficilmente sarà basata sui reali bisogni dei cittadini o di altre persone che vivono nel paese.

E questa è esattamente la domanda centrale del reddito di base, chi ne beneficia effettivamente?

I migliori tra noi riceveranno un ulteriore aiuto finanziario in modo che possano condurre una vita autodeterminata ancora migliore. Questa è probabilmente anche la speranza e la ragione per cui il reddito di base incondizionato sembra così attraente a molti a prima vista; Sarei molto contento anche di qualche centinaio di euro in più al mese, perché poi potrei sperperarli a mio piacimento o fare qualcosa di completamente diverso. E la cosa bella sarebbe che per i cittadini come me, l'importo di un reddito di base in realtà non avrebbe alcun significato esistenziale, quindi per la prima volta una situazione vantaggiosa per tutti i cittadini responsabili.

Un reddito di base incondizionato ha solo lati positivi anche per i datori di lavoro, perché alleggerisce le aziende e offre anche la possibilità di rendere il lavoro ancora più conveniente di prima, poiché ogni dipendente è rafforzato dal reddito di base e non dipende più necessariamente da una retribuzione adeguata per il suo lavoro e quindi si aprono posizioni negoziali del tutto nuove per i partner di contrattazione collettiva. Ma qui vedo anche una porta sul retro che i sognatori socialisti lasciano aperta con il reddito di base, vale a dire che non solo usano questo argomento per determinare politicamente l'importo del reddito di base, ma di conseguenza anche cementano politicamente il livello di ogni salario - e con esso si vuole abolire completamente la funzione di mercato.

Ma il nocciolo della questione è chi non beneficia affatto del reddito di base incondizionato? E quelli sono i più deboli di tutte le società, ovvero gli stessi cittadini minorenni.In poche parole, anche se non vogliamo più ammetterlo nella nostra economia sociale di mercato e in una società piena di progetti di aiuto, ci sono ancora molti cittadini che non sono indipendenti con soldi poter fare affari e non diventare maggiorenni anche con un reddito di base incondizionato.

Tuttavia, poiché un reddito di base incondizionato allarga il divario tra quei cittadini che con esso si sviluppano personalmente e coloro che con esso non possono fare nulla di produttivo, si cementa di conseguenza un precariato, dal quale non si può più scappare.

A meno che, contrariamente all'idea concreta di un reddito di base incondizionato, lo Stato non conceda al precariato trasferimenti ancora più estesi e ancora più completi, che alla fine porteranno a uno sviluppo inflazionistico complessivo, che travolgerà ogni società e anche l'economia di mercato e almeno nel medio termine l'economia sociale di mercato con essa abolisce tutti i suoi vantaggi, che non possono essere trascurati. Non voglio speculare ora su ciò che verrà dopo: il socialismo reale o il capitalismo predatorio.

Anche se ti annoti tra i possibili vincitori di un reddito di base incondizionato, vorrei sottolineare che non aiuta per tutti noi nel complesso e soprattutto per coloro che dipendono effettivamente dal nostro aiuto, e quindi, invece dell'idea di un per costruire un reddito di base che dovrebbe combattere le cause dell'immaturità e della povertà.

Ecco perché, invece di un reddito di base incondizionato, chiedo l'istruzione obbligatoria per tutti e nuove idee su come prendersi cura e sostenere meglio i concittadini che resistono all'istruzione e ai loro figli.


"L'obiettivo del futuro è la piena disoccupazione, quindi possiamo giocare. Ecco perché dobbiamo distruggere l'attuale sistema politico-economico".

Arthur C. Clarke, intervista a Los Angeles Free Press (25 aprile 1969: 42-43)

Quanto è stato utile questo post?

Clicca sulle stelle per votare il post!

Valutazione media 5 / 5. Numero di valutazioni: 1

Nessuna recensione ancora.

Mi dispiace che il post non ti sia stato utile!

Mi permetto di migliorare questo post!

Come posso migliorare questo post?

Visualizzazioni della pagina: 1 | Oggi: 1 | Conteggio dal 22.10.2023 ottobre XNUMX

Condividere: