Pink Floyd

5
(1)

Foto del post: dettaglio della copertina del disco di Relic (1971)

Quando ho messo per la prima volta "The Dark Side of the Moon" sul mio giradischi, sapevo che dovevo ascoltare anche gli altri LP dei Pink Floyd. Con "Wish You Were Here" ho fatto subito un altro colpo di fortuna ed ero ormai convinto che ne valesse la pena Queen per ascoltare più gruppi rock.

Il disco del 1977 "Animals" andava abbastanza bene con quello che stavo leggendo in quel momento, e così ho deciso di guardare i vecchi dischi dei Pink Floyd, che devo ammettere che mi hanno reso un fan dei Pink Floyd dopo essermi abituato un po'.

È interessante notare che ho sentito per la prima volta "The Wall" sul campo da tennis nel 1980, quindi probabilmente mi ci è voluto un po' di più per abituarmi al nuovo stile. Alla fine dei miei giorni di scuola uscì "The Final Cut" e allo stesso tempo fu una conclusione del tutto casuale per i miei acquisti di dischi.

I CD sono diventati popolari a metà degli anni '1980, cosa che mi ha portato a collezionare i miei dischi preferiti in questo formato. Chi avrebbe mai pensato allora che, decenni dopo, le persone sarebbero state felici di tornare ai vecchi LP - e alcuni anche ai singoli.

"A Momentary Lapse of Reason" è stato notato solo in parte nel 1987, così come "The Division Bell", che probabilmente ho acquistato solo per abitudine nel 1994.

Solo quando ho riscoperto alcuni vecchi LP in una scatola dopo il mio ritiro, che con mia grande sorpresa era sopravvissuto ai tanti traslochi, ho riscoperto "mettere su dischi" e quindi anche collezionare dischi. A questo punto dovrei avere di nuovo insieme tutti gli LP dei Pink Floyd, anche se sono ancora più che seccato di aver acquistato "The Endless River" (2014).

I Pink Floyd si sono formati a Cambridge nel 1965 ed erano composti dai musicisti Davide Gilmour, Nick Mason, Roger Waters , Richard Wright; Syd Barrett aveva già lasciato la band nel 1968. I Pink Floyd si sono finalmente sciolti nel 2015.

Non voglio terminare questo post finché non avrò compilato la mia classifica dei Pink Floyd: non sarà una sorpresa per il lettore attento.

I Pink Floyd hanno pubblicato 1967 album in studio e tre dal vivo dal 2014 al 13. Ci sono anche alcune cosiddette compilation, tra cui penso che valga la pena citare “Relics” e “A Nice Pair”.

  • Vorrei che tu fossi qui (1975)
  • Il lato oscuro della luna (1973)
  • Il pifferaio alle porte dell'alba (1967)
  • Animali (1977)
  • Ummagumma (1969)
  • Reliquie (1971)
  • Una bella coppia (1973)
  • Il muro (1979)
  • Un piattino di segreti (1968)
  • Intromettersi (1971)
  • Atomo Cuore Madre (1970)
  • Il taglio finale (1983)
  • PUL S E (1995)
  • C'è qualcuno là fuori? Il muro dal vivo 1980-81 (2000)
  • Un momentaneo abbandono della ragione (1987)
  • Delicato suono del tuono (1988)
  • La campana della divisione (1994)
  • Il fiume senza fine (2014)

"Quello che si riduce per me è: le tecnologie della comunicazione e della cultura - e soprattutto la musica popolare, che è un'impresa vasta e amata - ci aiuteranno a capirci meglio, o ci inganneranno e ci terranno separati?"

Roger Waters, Penthouse Magazine (settembre 1988)

Quanto è stato utile questo post?

Clicca sulle stelle per votare il post!

Valutazione media 5 / 5. Numero di valutazioni: 1

Nessuna recensione ancora.

Mi dispiace che il post non ti sia stato utile!

Mi permetto di migliorare questo post!

Come posso migliorare questo post?

Visualizzazioni della pagina: 13 | Oggi: 1 | Conteggio dal 22.10.2023 ottobre XNUMX

Condividere: