Come dovrebbe procedere l'UE?

Post foto: Mar Mediterraneo | © 8926 su Pixabay

Con la fine della seconda guerra mondiale, la nostra idea europea è diventata la visione comune di tutti i partiti democratici in Europa.

Nonostante ci siano sempre state divergenze di opinione nella progettazione di un'Europa comune ed è anche successo che i singoli partiti abbiano lasciato il "movimento europeo" a volte e con molto clamore, ma l'idea stessa è diventata il consenso di tutti i democratici europei. Nel frattempo, 28 paesi europei (compresa la Repubblica di Croazia) hanno deciso di entrare a far parte dell'Unione Europea; anche se alcuni politici non vogliono più ammetterlo in un attacco di populismo.

Inoltre, ci sono ancora abbastanza paesi europei che vorrebbero entrare a far parte della nostra comunità o contano di poterne diventare membri non appena la loro indipendenza non porta più loro ulteriori vantaggi. Inoltre, altri Stati sono ancora molto positivi riguardo allo sviluppo di una federazione europea e l'hanno sostenuta fin dall'inizio con le proprie risorse.

Purtroppo, dobbiamo ammettere oggi che l'entusiasmo iniziale per la creazione degli “Stati Uniti d'Europa” ha lasciato il posto da tempo a una politica di piccoli passi.

Il nazionalismo dei nostri simili ha riacquistato forza più velocemente di quanto avremmo mai potuto immaginare, nonostante cinquanta milioni di omicidi e omicidi durante l'ultima guerra mondiale solo. Meno di 50 anni dopo, omicidi, saccheggi e stupri furono temporaneamente dichiarati "ragioni di stato" in alcune parti d'Europa. Peggio ancora, rimane la vita di tutti i giorni in una parte molto più ampia del nostro mondo!

Ecco perché, più che mai, dobbiamo sfidare ogni forma di nazionalismo, prima nelle nostre immediate vicinanze e poi anche oltre. Perché la nostra idea europea resta solo la strada giusta verso un'unione mondiale, che i nipoti dei nostri nipoti potranno un giorno vivere, si spera, vivere. È vero che siamo tutti contenti della recente assegnazione del Premio Nobel per la Pace a noi cittadini dell'Unione, e molti di noi accolgono anche i nostri amici croati come nuovi membri, ma questo non deve renderci ciechi di fronte alle domande fondamentali della nostra comunità .

Aspettiamo una “Costituzione europea” dai primi anni 'XNUMX. Anche un "esercito europeo" che era già stato deciso in quel momento rimane una promessa ed è stato recentemente rimesso in discussione dal nostro attuale governo federale.

Oltre a ben 60 anni di pace in ampie zone d'Europa ea un mercato comune, finora sono stati raggiunti solo l'eliminazione delle frontiere e l'euro come valuta in alcune parti dell'Unione europea; e anche queste conquiste non sono più al sicuro dai nazionalisti.

Sta quindi sempre più a noi federalisti europei ridare più attualità all'idea europea. Dobbiamo garantire ciò che è già stato raggiunto, difendere con veemenza ciò che è stato promesso e affrontare anche cose nuove.

Abbiamo bisogno di una costituzione comune, di una politica estera e di sicurezza comune, di una moneta comune e di una corrispondente politica economica e finanziaria.

Dobbiamo gestire la migrazione all'interno e verso l'Europa e dobbiamo anche garantire che tutti gli europei possano vivere e realizzarsi come esseri umani. Inoltre, noi europei dobbiamo affermarci contro le altre comunità e mantenere la nostra identità nel nostro mondo comune.

Così facendo, non possiamo e non dobbiamo evitare la seguente domanda: fino a che punto può arrivare l'Europa, o meglio fino a che punto può arrivare?

Il fatto è che l'Europa non può essere considerata un continente poiché è già distribuita su quattro continenti.

È anche un dato di fatto che, sebbene l'Europa sia stata plasmata dalle tre religioni monoteistiche e soprattutto dal cristianesimo, si è definita una comunità educativa, culturale e valoriale indipendente dalle loro influenze attuali. Ecco perché è imperativa l'ammissione della “eterna” candidata Repubblica di Turchia all'Unione Europea, anzi, la discussione dovrebbe già riguardare l'ammissione dei paesi del Medio Oriente e del Nord Africa.

Bisogna anche ripensare alle opzioni "Unione atlantica" ed "Eurafrica". Che ci piaccia o no, al più tardi i nostri figli dovranno fare i conti con le comunità cinesi, indiane o altre molto più numerose e, si spera, saranno in grado di preservare i nostri stessi valori per aprire infine la strada a una democrazia, unione mondiale libera, federale e sussidiaria.

#costituzione #nazionalismo #identità #federalisti europei


"Presto, NOSTALGIA sarà un altro nome per l'Europa."

Angela Carter, JOHN BERGER E IL PASSAGGIO DELLA VITA DI VILLAGGIO (29 marzo 1987)

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato