Osa più Europa e crea democrazia!

Foto in primo piano: Ministero delle Finanze Baden-Württemberg (18 gennaio 2019)

Dal 23 giugno 2016 al più tardi, avete sicuramente seguito tutti gli eventi relativi al recesso del Regno Unito dall'Unione Europea, annunciato per il 29 marzo 2019. Nel frattempo, tutto sembra possibile fino al 31 ottobre 2019, anche per gli inglesi che restano all'interno dell'Unione Europea.

Non c'è forma di governo migliore per noi umani delle nostre democrazie; sebbene anche questi abbiano le loro carenze, dobbiamo convivere con la mancanza, ad esempio, che non ci sono requisiti minimi per i rappresentanti delle persone. L'autovalutazione e gli apparati di partito non contribuiscono alla garanzia della qualità e noi cittadini siamo ovviamente guidati da altre cose nelle elezioni.

Mi è incomprensibile come i concittadini si lascino eleggere alle più alte cariche e sappiano fin dall'inizio che non potranno mai e poi mai ricoprirle, né intravedere cosa dovrebbero effettivamente fare in questa funzione. Le conseguenze di ciò sono, tra le altre cose, anni di trattative di uscita senza successo, decenni di stallo quando si tratta di questioni esistenziali, "decisori" che si vantano persino di ignorare i problemi e, di conseguenza, un numero sempre crescente frustrazione con la democrazia. Questa frustrazione introduce i cittadini ad autocrati e dittatori, persone che fingono di avere soluzioni facili, o almeno sembrano sapere cosa stanno facendo.

Il problema non sta nel disinteresse dei cittadini per la politica e nemmeno per la nostra Europa. Il problema è chiaramente che difficilmente, o per niente, possiamo rendere la politica e l'Europa appetibili a molti dei nostri concittadini!

La "grande politica" non ha derubato nessuno da molto tempo, la società civile nella sua angoscia cerca strade proprie - e così lontane dai parlamenti - come "Friday for Future", "Gilet Jaune" o " Pulse of Europe", non solo per far sentire la propria voce, ma anche per evidenziare le sfide esistenti con l'obiettivo di trovare soluzioni per esse.

Ma anche a livello locale, soluzioni a problemi o decisioni difficili da comunicare non sono più al centro della politica; il che significa anche che i nostri concittadini locali non si sentono più "portati con sé". Un'espressione di ciò è la bassa affluenza alle urne. Questo, a sua volta, motiva i candidati politici a fare solo campagna elettorale e parlare per quei luoghi in cui si aspettano un rapido successo proprio: inizia un circolo vizioso.

Noi federalisti europei vogliamo spezzare questo circolo vizioso. Ecco perché continuiamo a promuovere e difendere la nostra Europa. Noi stessi sappiamo benissimo che solo un'Europa unita porterà tutti noi al successo e quindi chiediamo fermamente questa unità, anche se dobbiamo contestare ciò che molti concittadini hanno a cuore – come i nostri Stati nazionali, il centralismo o anche la tendenza verso il totalitarismo.

Noi federalisti europei promuoviamo instancabilmente la nostra Europa sul campo e così facendo speriamo sempre più di poter parlare non solo alle menti ma anche al cuore dei nostri concittadini. Solo con entrambi possiamo persuaderli non solo a venire più spesso ai nostri eventi, ma anche a prestare maggiore attenzione alla politica in generale.

Penso che questa sia anche la soluzione alla mancanza di cui sopra. Abbiamo tanti concittadini con capacità e competenze che finora non sono state utilizzate in politica, e quindi sicuramente con nuove idee e soluzioni. Scaviamo questi tesori a beneficio delle nostre democrazie!

"Make Europe" è il motto di quest'anno del nostro movimento. "Osiamo più democrazia", ​​un noto motto del 1969. Insieme "Osiamo più Europa e facciamo democrazia!" Motivare il tuo quartiere a votare, compresi quei concittadini che hanno un'opinione o nazionalità diversa. Vota per l'Europa e rafforza la nostra democrazia!

Se non l'hai già fatto, considera di esercitare il tuo diritto di candidarti. Ma torna ai nostri eventi di informazione e discussione, e anche ai tavoli e ai festival dei nostri clienti abituali!

Convinto che noi Stato d'Europa Sebbene disponiamo della soluzione per alcune delle sfide più grandi, sappiamo anche che sono le piccole sfide quotidiane che devono essere affrontate e discusse una dopo l'altra e poi, tuttavia, trovare prontamente soluzioni praticabili. Questo rende la democrazia tangibile e tangibile per tutti! Questo rafforza la democrazia, questo ispira le persone a questa forma di governo e questo risveglia anche il desiderio di partecipare. E più parteciperanno, meglio - ma non più facile (!) - sarà per tutti noi!

#democrazia #federazione


"È pericoloso sfidare un sistema a meno che tu non sia completamente in pace con il pensiero che non te lo perderai quando crollerà".

Elliott Gould nel ruolo di Alfred Chamberlain in Piccoli omicidi (1971)

Posta un commento

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht Veröffentlicht. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato